Registrati | Login | Logout Meteo Piemonte | Meteo Italia | Traffico Piemonte | Mappe |

18 - 09 - 2014

Cronaca, Cultura, Piemonte, Torino

Addio allo scrittore Carlo Fruttero


E’ morto a 85 anni Carlo Fruttero, una figura indissolubilmente legata al Piemonte e alla città di Torino. Scrittore, traduttore e direttore editoriale, ha conquistato il grande pubblico con indimenticabili romanzi, i più celebri dei quali scritti a quattro mani con Franco Lucentini. Tra i successi della coppia, che iniziò a lavorare insieme nel ’52, ricordiamo il best-seller La donna della domenica (1972), un giallo di ambientazione torinese, raffinato e ironico.  

Dopo la morte di Lucentini, avvenuta nel 2002, Fruttero aveva interrotto la sua produzione letteraria. Ma nel 2006 era tornato alla ribalta con un novo romanzo edito da Mondadori, Donne informate sui fatti, finalista nel 2007 al Premio Campiello. Nel 2010 gli ultimi libri: Mutandine di Chiffon, divertita raccolta di scritti dichiaratamente d’occasione e La patria, bene o male, scritto a quattro mani con Massimo Gramellini, una riflessione sul tema dell’Italia in vista del Centocinquantenario. Sempre nel 2010 lo scrittore ha vinto il premio Campiello alla carriera. Migliaia di lettori di ieri e di oggi lo hanno ammirato per il suo stile inconfondibile: un mx di eleganza, discrezione, leggerezza, sense of humor e amore per la vita.


Segui Quotidiano Piemontese



15 gennaio 2012 - Autore: Lorenzo Montanaro -

I commenti sono chiusi per questa pagina

Leggi articolo precedente:
La Juve pareggia in casa con il Cagliari, nuovo tonfo per il Novara

Sembrava una partita facile dopo il gran di...

Il Tribunale di Asti, nuovo polo giudiziario per astigiano, alessandrino e albese, ma il sindaco di Alba protesta

Non solo più "semplice" tribunale di Asti, ma...

Cerimonia di consegna della nuova opera, ispirata a Guttuso, alla collezione civica astigiana

Consegna ufficiale del dipinto, olio su tela, donato...

Liberalizzazione orari negozi. Il si della Provincia di Asti alla manovra Monti

La Provincia di Asti dice si alle liberalizzazioni...

Chiudi