Registrati | Login | Logout Meteo Piemonte | Meteo Italia | Traffico Piemonte | Mappe |

01 - 10 - 2014

Asti, Cittadini, Cultura, Società, Tempo Libero

Settimana della Cultura: apertura straordinaria dell’Arazzeria Scassa


La Provincia di Asti, nell’ambito della “Settimana della Cultura” indetta dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dal 14 al 22 aprile, promuove con l’Arazzeria Scassa l’apertura gratuita del museo degli Arazzi del Maestro Ugo Scassa.
Asti ospita da più di quarant’anni una delle pochissime arazzerie esistenti in Italia, l’Arazzeria Scassa. La sua peculiarità è quella di utilizzare una tecnica arcaica di origine medievale, l’alto liccio, per realizzare arazzi su cartoni dei più grandi artisti contemporanei (De Chirico, Guttuso, Cagli, Mastroianni, Kandinskij, Klee). Nel gennaio 2002 è nato il museo dell’Arazzeria a gestione provinciale, che conta 26 grandi opere ed è ospitato nell’antica Certosa di Valmanera, sede del laboratorio. Il gonfalone della Provincia è stato tessuto nell’Arazzeria Scassa e donato dal maestro Scassa il 20 dicembre 2002 (uguale a quello donato al Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi durante la sua visita ad Asti il 3 aprile 2003).
La Provincia ha condiviso con la Regione Piemonte, la Fondazione Cassa di Risparmio di Asti e il Comune di Asti, la scelta di rendere omaggio all’intensa attività artistica di Ugo Scassa con la pubblicazione del catalogo del museo degli Arazzi Scassa (Skira 2010, interventi di Elda Danese, Ettore Sottsass, Ugo Scassa, Giovanni Bo).

Nel museo è possibile, attraverso il percorso espositivo, ripercorrere il cammino artistico del Maestro. Nel corso degli anni, gli arazzi Scassa sono diventati ambasciatori del territorio astigiano, di quel paesaggio con le colline che devono ritornare al centro della nostra cultura e che proprio con le sue vigne si candida alla Lista del Patrimonio Mondiale dell’Unesco.

L’Arazzeria Scassa è compresa negli itinerari del programma 2012 Gran Tour, iniziativa promossa e sostenuta da Regione Piemonte, Provincia di Torino, Città di Torino, Compagnia di San Paolo e Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, con il coordinamento dell’Associazione Torino Città Capitale Europea.
Quest’anno, grazie al Sistema urbano per la Valorizzazione Integrata del Patrimonio Culturale composto da Provincia di Asti, Comune di Asti, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, Atl, Diocesi e da altri 22 partner (associazioni culturali, cooperative sociali e operatori turistici) i percorsi e le visite sono prenotabili per tutto il Piemonte presso le Atl di Asti, Susa e Saluzzo.

Il Sistema urbano ha messo in campo sinergie prima mai espresse, soprattutto tra enti culturali e operatori economici, attraverso un dialogo che può diventare in un prossimo futuro un punto di forza per lo sviluppo culturale ed economico del territorio.
L’itinerario “Villa Paolina, il suo parco e il museo del territorio. L’arte dell’arazzo ad alto liccio: visita all’Arazzeria e al Museo degli Arazzi Scassa” è programmato per sabato 9 giugno e giovedì 27 settembre 2012
L’itinerario “Asti, un cuore antico. Itinerario nel centro storico” è programmato per giovedì 17 maggio e giovedì 11 ottobre.

Info: www.piemonteitalia.eu


Segui Quotidiano Piemontese



13 aprile 2012 - Autore: Monica Genovese - @Monica_Genovese
In questo articolo si parla di :

I commenti sono chiusi per questa pagina

Leggi articolo precedente:
Debutta Tricher3 spettacolo in work in progress

È in scena per due giorni, ospitato alle...

Bosusco liberato, parla con i cronisti

Paolo Bosusco, il piemontese da quasi un mese...

Primi appuntamenti piemontesi per il Soggetto Politico Nuovo di Rodotà e Gallino

Manifesto per un soggetto politico nuovo - per...

Lavoro: incontro tra Pdl e Confindustria. A Torino si discute di esuberi (Lear) e di errori (DeTomaso)

A Roma stanno ancora litigando sulla riforma del...

Chiudi