Registrati | Login | Logout Meteo Piemonte | Meteo Italia | Traffico Piemonte | Mappe |

01 - 08 - 2014

Economia, Piemonte, Sport, Tempo Libero, Torino

Scudetto in bacheca ma gli azionisti vendono: ieri -8,5% per il titolo Juve


Un vecchio economista statunitense per sintetizzare il segreto dei suoi successi borsistici diceva: “Quando dal barbiere qualcuno mi chiede quali azioni comprare, quello è il momento di vendere”. Ieri gli azionisti più consapevoli della Juventus devono aver capito come la vittoria dello scudetto fosse l’occasione migliore per racimolare profitti e hanno monetizzato i guadagni facendo scendere il titolo a 0,26 euro. D’altronde nell’ultima settimana il titolo del club bianconero aveva guadagnato il 17,5%, mentre nell’ultimo mese – dopo il sorpasso sul Milan – il titolo aveva fatto segnare addirittura un + 35%.

Quali le ragioni di un ribasso così sensibile visto che con l’imminente finale di Coppa Italia, l’apertura del J Museum e la Champions League sembra che inizi per la Juventus un nuovo straordinario ciclo? Solitamente quotazioni di Borsa e successi sportivi vanno a braccetto. E allora come mai un simile ribasso? Il primo e più evidente è, come abbiamo già detto che gli azionisti siano voluti passare all’incasso subito, senza aspettare la Coppa Italia. Il secondo è che le azioni siano state una copertura per gli scommettitori che avevano precedentemente puntato contro la squadra, un metodo denominato hedging.

Certo è che in Corso Stati Uniti qualcuno sta già facendo i conti per capire quanto il club bianconero (il tredicesimo al mondo per fatturato secondo un rapporto della Deloitte Touche Tohmatsu ) potrà guadagnare da questa vittoria. Lo scorso anno la Juventus ha ricavato 43 milioni dagli accordi con i partner commerciali, una somma che dovrebbe rivalutarsi del 20% con il ritorno sulla scena internazionale.  Grazie alla vittoria in campionato la Vecchia Signora incasserà il 50% della quota riservata all’Italia in Champions League: vale a dire una cifra fra i 30 e i 35 milioni di euro. E poi ci saranno gli introiti dello Juventus Stadium (dove si paga 10 euro di biglietto per la visita guidata) e del J Museum. Dai diritti televisivi nazionali potrebbero arrivare una novantina di milioni di euro. Nella voce uscite ci saranno i premi scudetto. Alessandro Del Piero aveva accettato un ingaggio molto più basso del solito ma con una postilla: un bonus di due milioni di euro in caso di scudetto. Un “regalino” che dovrebbe rendere meno doloroso l’addio del giocatore simbolo della Juventus degli ultimi vent’anni.


Segui Quotidiano Piemontese



8 maggio 2012 - Autore: Davide Mazzocco -

I commenti sono chiusi per questa pagina

Leggi articolo precedente:
La vittoria ad Avigliana della lista NoTav contro la lista con Pd, Pdl e Udc insieme – video

Ad Avigliana, il comune con più abitanti della...

Le prime pagine dei giornali italiani il giorno dopo le elezioni amministrative

Le prime pagine dei quotidiani italiani raccontano le...

Continua il commissariamento alla SAA di Torino

La Scuola di Amministrazione Aziendale dell'Università di Torino...

Notte bianca delle librerie albesi: il programma

E' di nuovo "Notte Bianca" ad Alba. La...

Chiudi