Quantcast
Ultimo aggionamento: 07-12-2016 - 20:28 | Oggi: autopsia Damanhur spaccio sciopero presidio gtt
Si fingevano tifosi per avvicinare e rapinare le loro vittime

Si fingevano turisti o tifosi di calcio in trasferta, per avvicinare le vittime e derubarle. Oppure rapinavano le macchine alle vittime per commettere altri furti. I carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno arrestato sette rapinatori responsabili di decine di colpi nell’area centro e nord di Torino (San Salvario, Porta Nuova e Porta Palazzo).

Martedì scorso, alle 5 del mattino, in corso Vittorio Emanuele angolo via Saluzzo, i militari sono intervenuti dopo una segnalazione al 112, e hanno arrestato tre persone, due marocchini e un libico, tra 18 e i 25 anni, tutti senza fissa dimora, per rapina aggravata. I feramti avevano avvicinato, abbracciato, aggredito e rapinato un 47enne svizzero. Si sono finti tifosi di calcio per avvinare la vittima. Gli hanno rubato il portafoglio, prima di scappare a piedi. Sono stati bloccati dai carabinieri.

Il giorno dopo, alle 3 del mattino, in corso Regina Margherita angolo corso XI Febbraio, dopo un lungo inseguimento, iniziato in corso Monte Grappa, i carabinieri hanno arrestato per rapina aggravata altre quattro persone, tre marocchini e un polacco, tra i 29 e i 33 anni, tutti irregolari. Poche ore prima, gli arrestati avevano rubato, in corso Monte Grappa, armati di coltello, la macchina a un uomo di 31 anni, prima di scappare. Intercettati dai carabinieri, i fuggitivi hanno urtato un’autoradio e una volta bloccati hanno aggredito e ferito, con i cocci di bottiglia, due carabinieri. Questo gruppo è sospettato di aver realizzato diversi furti e rapine in tutta la città.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: