Una vettura riemerge dal lago d’Orta: risolto un giallo di 29 anni fa



Un giallo risolto dopo 29 anni. Grazie al ritrovamento casuale di una vettura ripescata domenica scorsa nel lago d’Orta, un Sulky, con due scheletri all’interno si è risaliti alla scomparsa di due persone – Luciano Genduso, 66 anni all’epooza dei fatti, e Donato Musto, 74 anni – denunciata nel gennaio del 1987.

La vettura – una microcar – è stata ritrovato a otto metri di profondità dai sommozzatori di Verbania che hanno subito segnalato il ritrovamento. All’interno c’era un groviglio di ossa e qualche resto di indumenti. Ma soprattutto c’erano alcuni effetti personali che hanno permesso di risalire ai due pensionati scomparsi mentre si recavano a Novara: il mezzo sbandò per il maltempo e finì facilmente in acqua (all’epoca non c’era il marciapiede che esiste oggi).

All’incidente non assistette nessuno e non essendoci tracce i due non sono stati ritrovati sino ad oggi.

 

 

Ultima modifica: 7 gennaio 2018

In questo articolo