Uccise il patrigno nel sonno, assolto perchè incapace di intendere e volere



E’ stato assolto perchè incapace di intendere ed volere Iosif Popovici, il ragazzo di 21 anni che nell’aprile 2016 uccise a coltellate il compagno della madre, il commerciante Valerio Sottero, 54 anni, mentre dormiva nella loro abitazione di Guarene.

Il giudice Marco Dovato ha accolto la richiesta di infermita mentale totale più volte messa in discussione durante il processo da pm e parte civile. Per la pericolosità sociale elevata e il rischio di reiterazione, è stato anche deciso il ricovero di Iosif Popovici per 10 anni in una Rems, Residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza.

Ultima modifica: 6 gennaio 2018

In questo articolo