Si effettuano allo Zooprofilattico del Piemonte i controlli sulle uova dello scandalo



Sono affidati al’Istituto zooprofilattico del Piemonte, con sede a Torino, i campionamenti per tutto il Nord Ovest sulle uova al centro dello scandalo-contaminazione con il Finopril, un insetticida usato illegalmente in alcuni allevamenti in Belgio e Olanda. Il piano di campionamenti “su uova, ovoprodotti e carni di pollame per la ricerca di fipronil verrà attuato in via cautelativa – annuncia il ministero – anche in assenza di segnalazioni specifiche”. Il pericolo, ovviamente, è del tutto inesistente se le uova in nostro possesso sono prodotte in Italia.

Sono 15 i Paesi coinvolti nello scandalo delle uova contaminate al fipronil. Lo ha detto la Commissione europea che, nell’elenco dei Paesi in cui sono state distribuite le uova, cita anche l’Italia.

Gli altri sono: Belgio, Svezia, Francia, Gran Bretagna, Austria, Irlanda, Lussemburgo, Polonia, Romania, Slovenia, Slovacchia e Danimarca. Tra i Paesi non Ue figurano Svizzera e Hong Kong.

Sul caso la Commissione europea ha annunciato che il 26 settembre si terrà una riunione ministeriale per “trarre lezioni rilevanti” dallo scandalo.

“Ad oggi, non risultano distribuiti al consumo uova o derivati (ovoprodotti) contaminate da fipronil sul territorio nazionale”. Il ministero “in ogni caso continua a valutare con attenzione le informazioni sulla circolazione dei lotti in Europa, anche in considerazione delle nuove segnalazioni sul sistema di allerta comunitario che provengono da Paesi prima non coinvolti, avvalendosi della stretta collaborazione delle autorità sanitarie regionali e dei carabinieri del Nas”.

 

Ultima modifica: 6 gennaio 2018

In questo articolo