Consigliera M5S si autosospende, usò un’auto blu per scopi personali



“Per il ruolo che ricopro, per l’impegno che mi sono presa con gli elettori del Movimento 5 Stelle mi sento in dovere di prendermi la responsabilità dell’accaduto e, quindi, di rassegnare le dimissioni da presidente della IV commissione”. A parlare è Deborah Montalbano, storica attivista del Movimento 5 Stelle e consigliera comunale torinese, che, dopo avere utilizzato un’auto blu per prendere la figlia a scuola, si scusa con i propri elettori e rassegna le dimissioni.

“Si è parlato e detto tanto su di me nelle ultime ore – spiega su Facebook la Montalbano -. Vorrei chiedere scusa per quello che è successo. È sbagliato utilizzare un’auto blu per scopi personali, qualunque essi siano? Si, sempre. Le motivazioni dell’utilizzo eccezionale sono già state spiegate”.

E continua:

Per il ruolo che ricopro, per l’impegno che mi sono presa con gli elettori del Movimento 5 Stelle mi sento in dovere di prendermi la responsabilità dell’accaduto e, quindi, di rassegnare le dimissioni da presidente della IV commissione.

Rimetto ogni decisione definitiva nelle mani del Movimento 5 Stelle, consapevole di voler continuare a svolgere il mio ruolo di consigliera in questa città e per questa Città al fianco delle persone in difficoltà e per dare sempre una voce agli ultimi, coloro che spesso vivono difficoltà senza avere gli strumenti adatti per poterle affrontare.

Ultima modifica: 22 marzo 2018

In questo articolo