Dal 23 gennaio attivo il nuovo pronto soccorso del San Luigi di Orbassano



Da martedì 23 gennaio sarà finalmente operativo il nuovo e modernissimo pronto soccorso del San Luigi di Orbassano: un traguardo indispensabile ottenuto grazie a un investimento complessivo di 16 milioni di euro, che si è potuto raggiungere solo grazie all’uscita dal piano di rientro dal debito sanitario del Piemonte.

Questa mattina, alla presenza di tanti amministratori pubblici regionali e locali, è stata inaugurata la nuova area da 1.600 metri quadri: dispone di 7 ambulatori, di 8 postazioni di osservazione breve intensiva, di 2 postazioni per la shock room, di altre 4 postazioni per la terapia sub intensiva e 4 per i pazienti stabilizzati, senza dimenticare le 11 postazioni di area terapia breve. Le strumentazioni tecnologiche, in particolare quelle per la radiologia, sono di avanguardia.

Una risposta importante che la sanità pubblica del Piemonte offre nel quadro di riorganizzazione della sua rete ospedaliera, come ha voluto sottolineare l’assessore alla Sanità della Regione Piemonte, richiamando anche l’impegno a mettere in campo nuove risorse per adeguare sempre meglio l’offerta sanitaria dell’azienda ospedaliera universitaria, che rappresenta un tassello fondamentale per un vasto territorio.

Proprio oggi, peraltro, la Giunta regionale ha approvato l’atto aziendale del San Luigi, che recepisce alcune necessità emerse di recente tra cui l’integrazione dell’attività chirurgica oculistica del San Luigi nella rete oculistica metropolitana: l’azienda ora farà partire un’analisi del fabbisogno in sinergia anche l’Asl To3 per dare le risposte necessarie all’utenza.

Ultima modifica: 22 marzo 2018

In questo articolo