Quantcast
Nefertari conquista la Russia: milioni di visitatori per la mostra del Museo Egizio a San Pietroburgo

2.672.305 è il numero di visitatori con cui si è chiusa il 10 gennaio 2018 al Museo Statale dell’Ermitage la grande mostra “Nefertari e la Valle delle Regine”, inaugurata il 16 giugno scorso, con tutte opere provenienti dalle collezioni del Museo Egizio, con il quale la mostra è stata co-prodotta.

Un successo straordinario frutto di una collaborazione fortemente voluta dai due Direttori Michail Piotrovsky e Christian Greco e dalla Presidente delMuseo Egizio Evelina Christillin che, alla luce del positivo riscontro, avrà presto nuovi sviluppi. Si sta infatti già lavorando per proseguire la partnership e dar luogo a futuri progetti diricerca ed esposizione.

La straordinarietà di questo evento -organizzato con la collaborazione di Ermitage Italia e di Villaggio Globale International e realizzato con il sostegno di Lavazza –è dovuta alla qualità scientifica del progetto che ha previsto l’esposizione di oltre 250 opere, studiate e restaurate dal Museo Egizio.

A conferma del successo,vi sono anche il catalogo in lingua russa, cheha avuto una distribuzione talmente ampiada rendere necessaria una ristampa durante la mostra, la scelta degli spazi espositivi all’interno del Museo Ermitage -le sale del “Manage” ovvero le scuderiedel Museo sulla Neva, destinate ai grandi eventi -e la partecipazione di oltre 300.000 visitatori alle attività didattiche e formative e alle visite guidate promosse dal museo russo.

Risultati eccellenti che riaffermano l’importanza della ricerca e delle collezioni del Museo Egizio, rafforzando il significato della collaborazione in campo culturale tra Italia e Russia.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: