Quantcast
Antonio Salomone, il cuneese che costruì una radio nell’inferno di Buchenwald

Sono tante le storie, spesso incredibili, spesso di una forza sorprendente, che riguardano la Seconda Guerra Mondiale e le deportazioni nazifasciste. Sono piccole storie che mostrano il coraggio e la voglia di vivere degli uomini.

Una di queste si lega al nome di Antonio Salomone, nato a Cuneo. Deportato al campo di concentramento di Buchenwald, Salomone, amante ed esperto tecnico radiofonico, riusci a costruire con strumenti di fortuna una radio funzionante grazie alla quale era in grado di sapere cosa succedeva fuori dal campo.

Potrebbe essere stata proprio la sua radio a permettere a due prigionieri di mettersi in contatto con il generale Patton, che stava guidando l’avanzata alleata nel 1945, per implorarlo di accelerare i tempi, perchè la situazione nel campo stava precipitando.

La radio costruita da Antonio Salomone si trova esposta, con tutta la documentazione originale, al Museo della Radio di Verona.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram