Ragazza di 19 anni arrestata a Vercelli per spaccio di sostanze stupefacenti



La Squadra Mobile della Questura di Vercelli ha arrestato una diciannovenne vercellese per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.
L’attività di indagine nasce dalle numerose ed allarmanti segnalazioni di alcuni genitori che avevano manifestato preoccupazione per i loro figli, per lo più minorenni, che andavano a rifornirsi di “fumo” in un noto parco del centro cittadino. Con l’avvicinarsi della fine delle attività scolastiche, infatti, i ragazzi della città avevano cominciato a frequentare tale area verde durante le ore serali creando allarme anche nei residenti.

Grazie alle suddette segnalazioni ed in considerazione della pericolosità di tale attività la Questura ha predisposto, per mezzo della Squadra Mobile, un servizio di intenso di monitoraggio della zona. I servizi di appostamento hanno permesso di individuare in brevissimo tempo un gruppo di ragazzi, già conosciuti in quanto gravati da precedenti di polizia in materia di stupefacenti, che si muoveva con fare sospetto.

I successivi accertamenti hanno fatto sì che l’attenzione degli uomini della Questura si focalizzasse su una giovanissima ragazza della provincia cittadina, anche lei gravata da alcuni precedenti specifici quando era ancora minorenne, che sembrava essere il riferimento per tutti i ragazzi della zona. Si è dunque improntato un veloce servizio di pedinamento che ha permesso di fermare la donna ed individuare l’appartamento in città presso il quale si appoggiava come ospite.

La successiva perquisizione ha fatto sì che venissero rinvenuti nella borsa della ragazza 4 “ovuli” di hashish del peso di circa 50 grammi ed un ulteriore mezzo “panetto” della medesima sostanza e del peso di circa 45 grammi unitamente ad 80 euro in banconote di piccolo taglio provento dell’attività illecita. Il controllo domiciliare ha inoltre permesso di rinvenire due ulteriori dosi di “fumo” (i cosiddetti “deca” ossia dosi già confezionate vendute alla cifra di dieci euro purtroppo spesso destinate a soggetti minorenni) del peso complessivo di circa 5 grammi ed un bilancino di precisione utilizzato per pesare e confezionare la sostanza stupefacente.
Gli operatori della Squadra Mobile hanno anche rinvenuto all’interno della abitazione un foglio dove era annotata tutta la “contabilita” della fiorente attività di spaccio.

La ragazza, disoccupata, dopo avere ammesso di trarre sostentamento dalla vendita di sostanza stupefacente, è stata arrestata e posta agli arresti domiciliari per poi essere giudicata con rito per direttissima. In tale sede, è stato convalidato l’arresto e la ragazza è stata sottoposta alla misura cautelare dell’obbligo di dimora presso il paese di residenza.

Ultima modifica: 14 giugno 2018

In questo articolo


Partecipa alla conversazione