Boeti sulla Tav: si al progetto low cost anche nella Bassa Valle



Il Presidente del Consiglio Regionale del Piemonte Nino Boeti ha preso posizione sul futuro del progetto TAV in Valle Susa: “Il tunnel di base della nuova linea ferroviaria Torino-Lione non può più

essere messo in discussione, questo deve essere chiaro: c’è un accordo internazionale, ci sono obblighi che impegnano l’Italia, ci sono lavori importanti già realizzati.
Ciò detto, credo si debba riaprire la discussione sul percorso relativo alla tratta nazionale del Tav, che sarebbe finanziato da risorse nazionali e che prevederebbe il collegamento da Buttigliera Alta all’Interporto di Orbassano. Credo che l’idea avanzata dall’allora ministro Delrio, ovvero il progetto low costche prevede l’utilizzo della linea storica, dovrebbe essere presa in considerazione anche per la bassa Valle di Susa, ovvero il territorio che interessa Buttigliera Alta, Rivoli, Rivalta e la collina morenica. Stiamo parlando di un patrimonio ambientale di grande pregio, un’area completamente coltivata e che sarebbe inevitabilmente compromessa dall’opera.

L’investimento di 2 miliardi di euro previsto per realizzare questo tunnel potrebbe essere destinato alla riqualificazione e alla messa in sicurezza delle nostre valli (decisione che spetta al Governo, trattandosi di risorse nazionali). Una volta completato il tunnel di base potremo verificare se le previsioni sull’aumento del traffico su rotaia troveranno conferma e, allora, dati alla mano, valutare come procedere nel percorso dalla stazione internazionale di Susa verso Torino.”

Ultima modifica: 19 giugno 2018

In questo articolo


Partecipa alla conversazione