Caporalato, multato imprenditore nel Saluzzese



Tremila euro di multa. Tanto dovrà pagare il titolare di un’azienda del Saluzzese per avere impiegato un lavoratore in nero. L’hanno scoperto i carabinieri della stazioni di Saluzzo, Revello, Costigliole e Verzuolo, congiuntamente a personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Cuneo, dopo un’ispezione sul fenomeno del caporalato.

Il bracciante (provvisto di un permesso di soggiorno ma privo del contratto di lavoro) è un giovane di origine africana che, durante l’intervento, ha dato ai militari le generalità di un suo compagno assente in quel momento: è stato denunciato per falsa attestazione a pubblico ufficiale e sostituzione di persona.

Nel corso dei controlli sono state ispezionate 10 aziende agricole del territorio e oltre 80 lavoratori, nella quasi totalità stranieri di origine africana, impiegati nei campi nella raccolta della frutta.

 

Ultima modifica: 10 agosto 2018

In questo articolo


Partecipa alla conversazione