Ultimo aggionamento: 29-07-2015 - 21:29 | Oggi: degrado cassa integrazione glbt via roma parchi

Apre oggi alle ore 17.00 e da giovedì 1 dicembre al pubblico, Settimo Cielo Retail Park, una nuova area commerciale nella cintura di Torino destinato all’area metropolitana di Torino e alla sua provincia nord-orientale. L’inaugurazione riguarda la prima fase del progetto: tre compendi immobiliari, serviti da un’ampia area di parcheggi e collegamenti pedonali, nei quali si troveranno dieci operatori, Decathlon (abbigliamento e attrezzature sportive), Piazza Italia (abbigliamento), Pittarello (calzature), Self (fai-da-te), Nat & Bio (supermercato bio), Jysk e Casa (articoli casa), Shopping World (abbigliamento), Mishi Mishi (ristorazione) e BlueSky (bar).Settimo Cielo ha un potenziale di attrazione di un milione e mezzo di residenti, nei 30 minuti di percorrenza grazie alla posizione strategica ed agli accessi alle autostrade A4 Torino-Milano e A5 Torino-Aosta oltre che alla tangenziale nord di Torino. Il complesso ha soluzioni architettoniche, ispirate a un principio di linearità e funzionalità e la scelta di tecnologie costruttive all’avanguardia e rigorosamente “green”. Ogni edificio è collegato alla rete del teleriscaldamento cittadino ed è dotato di un sistema di riscaldamento geotermico, di solare termico per la produzione e lo stoccaggio dell’acqua calda e di fotovoltaico per le aree comuni. Anche l’impianto a led per l’illuminazione dei parcheggi e il sistema di drenaggio e accumulo dell’acqua piovana sono stati studiati per ridurre al minimo i consumi e l’impatto ambientale. In dettaglio, oggi il Retail Park offre: un blocco a tema “sport & fashion” con tre insegne fortemente attrattive per tutta la famiglia come Dacathlon, Piazza Italia e Pittarello, per una superficie totale di circa 11.000 mq; un blocco da 8.000 mq circa dedicato a Self – Fai da Te; un terzo blocco di circa 7.000 mq tematizzato su “bio, casa e moda”, con le insegne Nat & Bio (supermercato biologico), Jysk e Casa (articoli casa), Shopping World (abbigliamento), Mishi Mishi (ristorazione) e BlueSky (bar). Gli edifici che sorgeranno nei prossimi due anni completeranno il complesso con altre superfici specializzate nei casalinghi e nella ristorazione e con uno shopping & entertainment center.  La mappa per Settimo Cielo [imagebrowser id=181] L’investimento iniziale in tecnologie e materiali all’avanguardia, si traduce in un significativo abbattimento dei costi di esercizio, che riguarda tanto i costi indiretti quanto quelli diretti. Solo a livello di consumi energetici, il risparmio è stimato intorno al 25-30%: un fattore critico di successo per gli operatori del Parco Commerciale, per i quali i minori costi di location si traducono in un vantaggio competitivo. Lino Guatteo, presidente di Promocentro Italia ricorda che “In cifre, la prima fase del parco commerciale ha richiesto un investimento di 80 milioni di Euro, di cui 25 milioni destinati a infrastrutture realizzate per il territorio,” Pietro Boffa, Presidente di Settimo Sviluppo aggiunge “Entro la fine del 2012, il parco commerciale sarà completato da altri due edifici che nell’assetto definitivo ospiteranno, tra gli altri, due grandi superfici di arredo casa, un hamburger restaurant e una steak house. E’ prevista, a fine 2013, anche la realizzazione di un centro commerciale, con ipermercato, 5 medie superfici, alcuni negozi di vicinato, una ricca food court e un’ampia area ludico-ricreativa. A regime l’investimento complessivo raggiungerà i 200 milioni di Euro”.

Apre oggi alle ore 17.00 e da giovedì 1 dicembre al pubblico, Settimo Cielo Retail Park, una nuova area commerciale nella cintura di Torino destinato all’area metropolitana di Torino e alla sua provincia nord-orientale. L’inaugurazione riguarda la prima fase del progetto: tre compendi immobiliari, serviti da un’ampia area di parcheggi e collegamenti pedonali, nei quali si troveranno dieci operatori, Decathlon (abbigliamento e attrezzature sportive), Piazza Italia (abbigliamento), Pittarello (calzature), Self (fai-da-te), Nat & Bio (supermercato bio), Jysk e Casa (articoli casa), Shopping World (abbigliamento), Mishi Mishi (ristorazione) e BlueSky (bar).Settimo Cielo ha un potenziale di attrazione di un milione e mezzo di residenti, nei 30 minuti di percorrenza grazie alla posizione strategica ed agli accessi alle autostrade A4 Torino-Milano e A5 Torino-Aosta oltre che alla tangenziale nord di Torino. Il complesso ha soluzioni architettoniche, ispirate a un principio di linearità e funzionalità e la scelta di tecnologie costruttive all’avanguardia e rigorosamente “green”. Ogni edificio è collegato alla rete del teleriscaldamento cittadino ed è dotato di un sistema di riscaldamento geotermico, di solare termico per la produzione e lo stoccaggio dell’acqua calda e di fotovoltaico per le aree comuni. Anche l’impianto a led per l’illuminazione dei parcheggi e il sistema di drenaggio e accumulo dell’acqua piovana sono stati studiati per ridurre al minimo i consumi e l’impatto ambientale.

In dettaglio, oggi il Retail Park offre: un blocco a tema “sport & fashion” con tre insegne fortemente attrattive per tutta la famiglia come Dacathlon, Piazza Italia e Pittarello, per una superficie totale di circa 11.000 mq; un blocco da 8.000 mq circa dedicato a Self – Fai da Te; un terzo blocco di circa 7.000 mq tematizzato su “bio, casa e moda”, con le insegne Nat & Bio (supermercato biologico), Jysk e Casa (articoli casa), Shopping World (abbigliamento), Mishi Mishi (ristorazione) e BlueSky (bar). Gli edifici che sorgeranno nei prossimi due anni completeranno il complesso con altre superfici specializzate nei casalinghi e nella ristorazione e con uno shopping & entertainment center.  La mappa per Settimo Cielo

L’investimento iniziale in tecnologie e materiali all’avanguardia, si traduce in un significativo abbattimento dei costi di esercizio, che riguarda tanto i costi indiretti quanto quelli diretti. Solo a livello di consumi energetici, il risparmio è stimato intorno al 25-30%: un fattore critico di successo per gli operatori del Parco Commerciale, per i quali i minori costi di location si traducono in un vantaggio competitivo.

Lino Guatteo, presidente di Promocentro Italia ricorda che “In cifre, la prima fase del parco commerciale ha richiesto un investimento di 80 milioni di Euro, di cui 25 milioni destinati a infrastrutture realizzate per il territorio,”

Pietro Boffa, Presidente di Settimo Sviluppo aggiunge “Entro la fine del 2012, il parco commerciale sarà completato da altri due edifici che nell’assetto definitivo ospiteranno, tra gli altri, due grandi superfici di arredo casa, un hamburger restaurant e una steak house. E’ prevista, a fine 2013, anche la realizzazione di un centro commerciale, con ipermercato, 5 medie superfici, alcuni negozi di vicinato, una ricca food court e un’ampia area ludico-ricreativa. A regime l’investimento complessivo raggiungerà i 200 milioni di Euro”.


TAGS: