Quantcast

Trovato morto l’alpinista disperso sul Monte Rosa

6 agosto 2013 | , , ,

monte-rosa È stato trovato morto questa mattina all’alba l’alpinista disperso da due giorni sul Monte Rosa. Natalino Mattiello, di 68 anni, vicentino, sabato era partito da solo per raggiungere Punta Signal ma di lui si erano perse le tracce ed ogni contatto.  L’uomo è probabilmente scivolato mentre si trovava sul versante sud di Punta Gnifetti, a 4.200 metri, ed è finito in un canalone. Il corpo è stato ritrovato questa mattina dal soccorso alpino di Alagna e da un elicottero proveniente dalla Svizzera.

Operazione Eldorado delle Fiamme Gialle nel verbano a carico di negozi di Compro Oro

6 agosto 2013 | ,

guardia di finanzaIl Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Verbania ha eseguito 8 controlli in negozi Compro Oro scoprendo un’evasione all’IVA per complessivi 336 mila euro, di cui 244 mila di IVA dovuta.  L’attività scaturisce da una serie di interventi finalizzati ad accertare la corretta osservanza delle disposizioni normative da parte dei vari Compro Oro operanti nella Provincia azzurra con la segnalazione all’Autorità Giudiziaria di un esercente per abusivo esercizio in via professionale del commercio di oro. (altro…)

Disperso un alpinista di 68 anni sul Monte Rosa

5 agosto 2013 | , , ,

monte-rosaUn alpinista di 68 anni è disperso sulla Cresta Signal del Monte Rosa, a cavallo tra le province di Vercelli e Verbania. L’uomo proveniente dal Veneto, è partito dal rifugio Resegotti con l’obiettivo di raggiungere la Capanna Margherita. Da ieri non si hanno più sue notizie. Nella notte sono partite le ricerche da parte del Soccorso alpino della Guardia di Finanza di Riva Valdobbia, oltre ai volontari del soccorso alpino di Alagna e Macugnaga.

Aggiornamento: purtroppo è stato trovato senza vita il corpo dell’uomo disperso.

Operaio ossolano muore folgorato in un cantiere in Svizzera

1 agosto 2013 | , ,

ambulanza-118Un lavoratore frontaliere, Salvatore Iacolano, residente a Domodossola, è morto questa notte in seguito ad una potente scarica elettrica ricevuta lunedì scorso mentre lavorava in Svizzera. L’uomo era impegnato in un cantiere di Saviéne, in canton Vallese, per l’azienda di idraulica per cui lavorava. Insieme ad alcuni compagni di lavoro era impegnato sul tetto di un palazzo in ristrutturazione quando una forte scarica elettrica ha colpito il gruppo. Un suo collega francese è morto sul colpo, Iacolano, che aveva 56 anni, è stato invece ricoverato a Losanna, dove i medici hanno provato a salvarlo fino a questa notte, quando si è spento. Il cantiere, come pure il materiale utilizzato, sono stati posti sotto sequestro per le indagini del caso.

Nel Novarese e nel Verbano strade bloccate e case scoperchiate per il maltempo

29 luglio 2013 | , , , ,

Maltempo1Nel  Novarese e nel Verbano danni e problemi ai cittadini per il nubifragio che ha colpito tutta la regione. A Vespolate le raffiche di vento hanno sollevato la copertura del distributore lungo la provinciale  Lomellina, il paese  è rimasto a lungo senza elettricità- Danni ingenti anche a Tornaco e Terdobbiate . A Galliate e Romentino sono volate in strada molte tegole dei tetti. Nel verbano difficile  la situazione sulla superstrada dell’Ossola, con allagamenti nella strada  e rami sulla carreggiata. A Domodossola è stato chiuso il sottopasso del Nosere per allagamento. Interventi  dei vigili del fuoco anche a Santa Maria Maggiore, dove sono cadute alcune piante.  A Fondotoce una pianta è caduta in mezzo alla strada sulla statale 34 del Lago Maggiore. Per un. Altri alberi e rami sono caduti sia sulla statale . (altro…)

Condannata ad Arona una donna per stalking nei confronti dell’ex marito

28 luglio 2013 | ,

 stalkingIl tribunale di Verbania ha condannato una donna di Arona a sei mesi, con pena sospesa per stalking nei confronti dell’ex marito. Era stata denunciata dell’ex coniuge per una serie di fatti iniziati nel 2010 e proseguiti nel 2011 tra cui la sottrazione dei lampadari da casa dell’ex, le irruzioni nel negozio dove lui lavorava, le telefonate e gli sms minatori e, una volta, la disattivazione della luce di casa. La donna dovrà anche versare un risarcimento all’ex: la somma sarà definita in sede civile.

Ruspa trancia i cavi Telecom: in tutto il Vco Internet e telefoni in tilt

26 luglio 2013 | , ,

ruspa-dmolizioneUna ruspa ha tranciato 5 cavi in fibra ottica della rete Telecom in provincia di Asti mentre lavorava alla posa di barriere antirumore. L’effetto è stato un disastro a catena: blocco delle linee Adsl, inutilizzabili i servizi di prenotazione nelle farmacie e i pagamenti in alberghi e negozi. Fino a venerdì mattina in molte località del Verbano Cusio Ossola i servizi internet hanno smesso di funzionare e le linee telefoniche andavano a singhiozzo, con disagi in particolar modo per le chiamate interurbane. La mancanza di connessione Internet, più persistente nelle zone di Domodossola, ha mandato in tilt servizi anche essenziali: da bancomat, alle farmacie soprattutto per la prenotazione dei medicinali fino ai pagamenti in negozi e distributori di benzina.  (altro…)

Il Vescovo Brambilla nomina 30 nuovi parroci

25 luglio 2013 | , , ,

Franco-Giulio-BrambillaTrenta nuovi parroci ed aiuti prenderanno servizio a partire dal primo settembre. Li ha nominati il vescovo Franco Giulio Brambilla, dopo aver visitato molte comunità del vasto territorio che va dalla Bassa Novarese al Vco e la Valsesia. L’idea originale era di fare le nuove nomine con calma ma il viaggio lo ha convinto dell’urgenza ed ha così accelerato i tempi.
Questi i nuovi parroci nominati ed in servizio da settembre.
Arona e Dagnente  don Claudio Leonardi;
Pombia e Varallo Pombia don Fausto Giromini;
Maggiora e Cureggio don Salvatore Gentile; (altro…)

Operazione “Sonni sereni”, arrestati in 4, hanno svaligiato 42 abitazioni

25 luglio 2013 | , , , ,

carabinieriI carabinieri del Nucleo investigativo di Verbania hanno arrestato quattro persone ritenute responsabili di ben 42 furti nelle abitazioni. Si tratta di Arben Piroli 30 anni, Genc Tuga, 38 anni, Marjol Hazizolli, 24 anni e Klodjan Piroli, 30 anni. La banda colpiva con particolare predilezione il Vco, 18 volte con 8 colpi a Canobbio, poi Cannero, Domodossola, Villadossola e Vogogna. Gli altri colpi erano stati compiuti nelle province di Novara, Alessandria, Cuneo, Belluno, Trento, Bolzano e Sondrio. L’indagine che ha portato ai quattro arresti è stata battezzata “Sonni sereni” perchè la banda colpiva di notte, introducendosi con piccoli scassi in abitazioni di massimo due piani e portando via quanto trovava a disposizione (comprese le macchine se le chiavi erano facilmente reperibili) mentre gli abitanti delle case continuavano serenamente a dormire.

Minacce al sindaco di Valstrona

24 luglio 2013 | , ,

VALSTRONA, panoramaNegli scorsi giorni, il sindaco di Valstrona, Giorgio Gaudina, ha ricevuto via posta una busta con due proiettili e, insieme alle pallottole, c’era un messaggio anonimo di minaccia: ‘Stai attento, guardati sia di giorno che di notte’. Il sindaco del paese del Verbano era in ferie, e , quando ha trovato il pacco con le pallottole (nonchè relativi bossoli, calibro 22), è rimasto perplesso: ‘Non so darmi spiegazioni per questo episodio – ha detto il sindaco questa mattina – ho voluto renderlo pubblico perché è inquietante e turba la serenità non solo mia, ma anche dei miei concittadini’.
(altro…)

Ciclista svizzero muore ad Ornavasso per un malore sotto il sole di mezzogiorno

23 luglio 2013 | , ,

bici-ladroUn turista svizzero di 48 è morto colto da malore mentre era in bicicletta. L’uomo era in vacanza con la moglie nel verbano ed intorno a mezzogiorno stava percorrendo in bicicletta la strada che collega Migiandone, frazione di Ornavasso, a Cuzzago. Nell’attraversare il ponte sul fiume Toce è stato colto da un malore e si è accasciato. La moglie, che era con lui, ha immediatamente chiamato i soccorsi ma all’arrivo del 118 i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Probabile che la causa della morte sia stato un infarto. Il malore ha avuto presumibilmente il gran caldo tra le sue cause.

Vercelli, 2 milioni di prodotti contraffatti sequestrati

23 luglio 2013 | , , ,

guardia-di-finanzaLa guardia di finanza di Omegna e la compagnia di Verbania hanno denunciato sette persone e sequestrato oltre due milioni di prodotti contraffatti. Giocattoli, articoli sportivi, adesivi, prodotti di bellezza ed oltre dieci mila prodotti con loghi contraffatti di marchi famosi sono stati trovati in diversi capannoni della Brianza e del vercellese. Capannoni, ma anche esercizi commerciali, che venivano utilizzati come deposito della merce falsa e come base per rivendere i prodotti contraffatti. L’operazione ha portato al sequestro e alle denunce dopo una lunga indagine che è riuscita a ricostruire il canale di approvvigionamento dei beni contraffatti.

19enne crea profilo su Facebook con nome e foto dell’amica ed accetta incontri

23 luglio 2013 | , ,

Foto-FacebookUn ragazzo di 19 anni è stato denunciato per diffamazione in ambiente internet. Il giovane aveva creato un profilo falso con nome e foto di un’amica di 20 anni e con questo intratteneva rapporti virtuali con altri uomini. Nel profilo fasullo c’era anche il telefono della ragazza e siccome il giovane usurpatore di identità si diceva disponibile ad incontri, la ragazza riceveva continuamente telefonate che le chiedevano gli incontri promessi. Quando ha scoperto su Facebook il suo falso profilo è scattata la denuncia alla polizia di Omegna. L’analisi degli indirizzi Ip utilizzati per creare e gestire il profilo falso hanno permesso alla polizia di risalire al 19enne che ha confessato. I due giovani si erano a loro volta conosciuti su Facebook ma poi la ragazza aveva troncato ogni tipo di rapporto.

Verbania, mancano soldi e personale: riducete i funerali

19 luglio 2013 | , ,

funeraliIl tentativo disperato dei comuni di ridurre al minimo le spese inizia a creare situazioni che sfiorano il teatro dell’assurdo. Il comune di Verbania non ha più soldi ed ha ridotto il personale addetto ai cimiteri. Così ha pensato di inviare una comunicazione ai parroci per chiedere di ridurre i giorni in cui vengono celebrati i funerali. Per riuscire a gestire al meglio il personale disponibile (impensabile fare nuove assunzioni) il Comune ha chiesto di riorganizzare gli orari dei funerali, limitandoli a tre pomeriggi e due mattine a settimana. Il Vicariato del Verbano ha preso atto della richiesta e sta verificando in che modo si possa andare incontro alle richieste del comune, (altro…)

Inventa la moglie malata e si fa consegnare 20 mila euro dal parroco

18 luglio 2013 | , , ,

toto-preteUn uomo di origini marchigiane è riuscito a truffare un parroco dell’Ossola facendosi consegnare 20 mila euro a più riprese e senza mai farsi vedere in faccia. Il truffatore ha contattato il prete via telefono più volte, è riuscito a conquistare la sua fiducia e gli ha raccontato della malattia della moglie, un male inguaribile. Poi ha chiesto aiuto pratico per far fronte alla malattia della presunta consorte e si è fatto bonificare a più riprese cifre per un totale di 20 mila euro. Quando il parroco ha avuto il dubbio di essere vittima di un raggiro ha avvertito i carabinieri che hanno verificato chi fosse l’uomo e scoperto che non aveva alcuna moglie malata. Ora si cerca di capire se il prete ha preso i soldi dal suo conto personale o da quello della parrocchia.

Il corpo di un uomo trovato nel canale Enel di Villadossola

17 luglio 2013 | , ,

vigili del fuocoIl corpo di un uomo è stato trovato e recuperato dal canale Enel di Villadossola. Il cadavere è già stato identificato. Si tratta di un uomo di origini marocchine ventinovenne residente a Piedimulera. Il corpo era impigliato in una rete di sbarramento presente nel canale e per recuperarlo è stato necessario far intervenire i vigili del fuoco di Domodossola. La procura ha stabilità che sul cadavere dell’uomo andrà eseguita l’autopsia ma al momento l’ipotesi più probabile è quella del suicidio.

Identificato il cadavere affiorato nel lago d’Orta

15 luglio 2013 | , ,

ambulanza-118E’ stato identificato il cadavere riaffiorato nel lago d’Orta sabato sera nell’area di fronte al porticciolo di Bagnella, a Omegna. Si tratta di Osvaldo Grassi, il maitre dell’hotel di Armeno scomparso il 27 febbraio scorso. L’uomo aveva 76 anni ed è stato riconosciuto dai nipoti, arrivati sul posto dopo la notizia del ritrovamento di un cadavere. Il corpo di Grassi è già stato messo a disposizione della famiglia ed i funerali sono previsti per il pomeriggio di martedì nella chiesa di Sant’Anna a Lavignino di Armeno.

L’ex consigliere contesta il circo con gli animali, che però non ci sono

15 luglio 2013 | , , ,

magnifico-acquaticoA volte basterebbe informarsi prima di fare brutte figure. Fabio Volpe Sciumè, ex consigliere comunale di verbania, ha sollevato un polverone per l’arrivo in città del circo “Magnifico acquatico”. Volpe Sciumè ha contestato l’arrivo della carovana chiedendosi come sia stata possibile dare l’autorizzazione visto che da anni Verbania ha deciso di non accogliere in città circhi che abbiano nel loro spettacolo la presenza di animali. E l’ex consigliere non si è limitato alle dichiarazioni indignate, ha anche annunciato che si sarebbe rivolto al prefetto perchè fosse fatta luce sulla vicenda. Peccato però che per fare chiarezza sarebbe bastato fare un salto sul sito internet dello spettacolo dove si scopre che (altro…)

Rubata la Madonna del Boden, ma è una copia

14 luglio 2013 | , ,

madonna-bodenIl santuario della Madonna del Boden non ha più la sua icona, anche se in realtà la statua manca dal 1978. Ma andiamo con ordine. Venerdì scorso, intorno alle 13.00, un uomo si è introdotto nel santuario di Ornavasso confondendosi con la coda dei fedeli. Quando però è arrivato davanti all’icona della Madonna l’ha infilata nello zaino, è tornato al suo motorino e si è allontanato in completa serenità. Solo che quella che ha portato via era una copia dell’originale, che a sua volta era stata rubata nel 1978. Le testimonianze dei presenti e le immagini delle videocamere di sorveglianza permetteranno probabilmente di risalire al ladro con non troppe difficoltà. Si tratta di un uomo di poco più di 50 anni, con i capelli grigi.

Un fulmine uccide 66 pecore a Verbania

14 luglio 2013 | , , ,

ovini-pecoreSessantasei pecore sono state trovate morte nel parco naturale dell’Alto Verbano. Con ogni probabilità la causa della morte è un fulmine che ha centrato in pieno il gregge durante uno dei forti temporali degli scorsi giorni. Secondo la ricostruzione del Corpo Forestale il fulmine potrebbe avre colpito il grgge uccidendo buona parte degli animali, gli altri potrebbero essere fuggiti in preda al panico finendo in un dirupo poco lontano. Le carcasse delle pecore sono state ritrovate da un escursionista ieri ma l’episodio risale probabilmente almeno al giorno precedente.