Quantcast

Allontanandosi dagli eccessi e dalle cattive abitudini

2 aprile 2013 |

Da secoli si usa la password dell'Amore per veicolare e rendere attraenti testi poetici e musicali che, senza quella componente, verrebbero altrimenti ignorati. Quelli che come il sottoscritto non li ascoltano più trovandoli “amabili parole vuote e stupide” finiscono poi con il perdersi testi come questo “L'essenziale” di Roberto Casalino reso celebre dalla vittoria a Sanremo con l'esecuzione di Marco Mengoni, il quale, debitamente sfrondato da quei due o tre riferimenti, diventa subito un manifesto di etica della sostenibilità. L'avremo sentito decine se non centinaia di volte, ma provando a leggerlo così sembra tutt'altra cosa, vero?

Roberto Casalino

Roberto Casalino

«Sostengono gli eroi “se il gioco si fa duro, è da giocare!” Beati loro poi se scambiano le offese con il bene. Succede anche a noi di far la guerra e ambire poi alla pace e nel silenzio annullare ogni singolo dolore. Per apprezzare quello che non abbiamo saputo scegliere. Non accetterò un altro errore di valutazione in grado di celarsi dietro amabili parole prima che fossero vuote e stupide. Mentre il mondo cade a pezzi io compongo nuovi spazi e desideri, mi allontano dagli eccessi e dalle cattive abitudini: tornerò all'origine, che è per me l'essenziale»

P.S.: Se disponi di uno Smartphone, ma soprattutto un Tablet o un Phablet compatibile con Flipboard, da Aprile potrai anche leggere il Magazine Digest Dalla Pelle al Cuore .

 

Il Mindfulness per prevenire la depressione giovanile

18 marzo 2013 |

Uno studio condotto dalla facoltà di psicologia e scienze dell'educazione dell'Università di Lovanio è stato il primo ad occuparsi degli effetti del Mindfulness in un campione decisamente significativo di popolazione: gli studenti delle scuole secondarie.

C'è intanto da notare quanto siano lontani i programmi scolastici del Belgio e più in generale degli stati del Nord-Europa continentale dalle nostre scuole secondarie. Da noi non sono così diffuse le conoscenze di tecniche e metodiche più attuali come il Mindfulness e meno che mai fra chi si occupa dei programmi scolastici. Qualcuno potrebbe obiettare che nei paesi mediterranei la popolazione giovanile è meno soggetta alla depressione, forse perché è più interessata a Balotelli o a Belen, ma purtroppo le cose non stanno in questi termini. Di fatto, l'età giovanile e quella adolescenziale ancor di più sono fra quelle più soggette a fenomeni decisamente sottovalutati dall'ideologia degli adulti di disorientamento con nevrosi depressive spesso concomitanti con una situazione di più generale anomia generazionale.

Le depressioni

Bisogna sempre distinguere fra due ordini di grandezza della “cosiddetta depressione“. A suo tempo ci si riferiva alla depressione quando si parlava dell'originaria melancolia, ovvero gli effetti dell'umore definito dagli ippocratici come, appunto, “bile nera”. Fra gli studi più vicini a noi, quello di Binswanger la qualifica come una patologia legata alla percezione del tempo e della sua irrimediabilità (da questo i correlati vissuti di colpa), con conseguente percezione di essere bloccati, paralizzati in un “non-momento” in cui tutto è già avvenuto. Fortunatamente questa condizione qualificata fra quelle psicotiche non è così comune come invece quella che più diffusamente viene definita come depressione dai più, ovvero uno squilibrio dell'umore e della conseguente percezione di sé, soprattutto in relazione al contesto sociale. Di fatto il trattamento di queste forme di ansia depressiva viene condotto con soluzioni farmacologiche che stanno diventando, nel bene come nel male, le “vitamine” della nostra epoca.

Dall'approccio medico a quello educativo

Pace della MenteCome dicevamo, esistono almeno due approcci al fenomeno, in particolare nell'età giovanile: quello terapeutico in senso stretto, ovvero l'intervento a fronte di una diagnosi psicopatologica, e quello propedeutico o educativo. Un tempo molto di questa educazione alla vita veniva demandata ai rapporti con la famiglia, in particolare a quelli con i nonni, ma ancor di più ai contesti religiosi e talora scolastici. Oggi, nell'epoca della presunta efficienza, tutti questi spazi sono stati erosi a vantaggio dei media (dalla televisione, al cellulare, ai videogiochi…) che il più delle volte, al contrario, funzionano come cassa di risonanza dell'alienazione e del disagio.
Non è un caso che il Mindfulness altro non sia che l'occidentalizzazione di metodi orientali di natura spirituale: essenzialmente la meditazione. Questo fenomeno si ripete periodicamente quanto meno da Ignazio di Loyola (progenitore della scuola gesuitica che ha portato fino al nostro attuale Papa) fino alla Meditazione Trascendentale e, appunto, il Mindfulness di estrazione cognitivista.
Quest'ultimo è una forma di terapia meditativa focalizzata sull'”esercizio dell'attenzione”. La depressione è spesso radicata in una spirale di sentimenti negativi e preoccupazioni e nel momento in cui si impara a riconoscere più velocemente questi sentimenti e pensieri si è in grado di intervenire prima che questi si radichino.

La ricerca

Anche se la Mindfulness è già stata ampiamente collaudata in pazienti affetti da depressione, questa è la prima volta che il metodo è stato studiato in un ampio gruppo di adolescenti in una scuola primaria o secondaria con metodi scientifici. Lo studio è stato effettuato in cinque scuole medie nelle Fiandre, in Belgio. Circa 400 studenti di età compresa tra 13 e 20 vi hanno preso parte. Gli studenti sono stati divisi in un gruppo sperimentale e un gruppo di controllo. Il gruppo sperimentale ha ricevuto una formazione al Mindfulness, mentre quello di controllo non ha ricevuto alcuna formazione. Prima dello studio, entrambi i gruppi hanno compilato un questionario con domande indicative dei sintomi della depressione, di stress o ansia. Entrambi i gruppi hanno completato il questionario di nuovo subito dopo l'allenamento, e poi una terza volta sei mesi dopo.
Prima dell'inizio della formazione, sia il gruppo di test (21%) che quello di controllo (24%) aveva una percentuale simile di studenti con sintomi depressivi. Dopo la formazione al Mindfulness, quel numero era significativamente più bassa nel gruppo di controllo: 15% contro il 27% nel gruppo di controllo. Questa differenza persisteva sei mesi dopo la formazione: il 16% del gruppo sperimentale rispetto al 31% di quello di controllo continuava a riportare evidenze di depressione. I risultati suggeriscono che la Mindfulness può portare ad una diminuzione dei sintomi associati alla depressione e che contemporaneamente protegge dal successivo sviluppo di sintomi associabili alla depressione.

P.S.: Se disponi di uno Smartphone, ma soprattutto un Tablet o un Phablet compatibile con Flipboard, da Aprile potrai anche leggere il Magazine Digest Dalla Pelle al Cuore .

Non pensare!

Non pensare!

14 marzo 2013 | , ,

Uno dei più begl'insegnamenti che ci ha lasciato Milton Erickson è anche fra i più semplici: quando tu dici «Non pensare!» finisci proprio per portare l'altro a pensare a quello che non avrebbe dovuto. «Libera la tua mente. Svuotala» è tutt'un'altra cosa. È un'indicazione espressa in positivo e pertanto semplice, lineare, chiara, senza impliciti.

Milton Erickson

Milton Erickson

Una frase che inizia con “non” invece è contorta per sua stessa natura. «Non andare ad Aramengo!», ad esempio costringe la tua mente – per quanto tu non te ne accorga – a farti un veloce giro fino ad Aramengo (se non altro perché non sai dov'è o per ricordarti se ci sei già stato) per poi tornare indietro a cancellare il tragitto – il che, tra l'altro è impossibile perché quello esiste e per di più l'hai ricreato mentalmente.

Troppo spesso si parla di “pensare positivo” come sinonimo di “logica benpensante”, mentre il vero significato di questo precetto sta proprio in questa natura sintattica e psicolinguistica.

Guardandoci in giro, di questi tempi viviamo un periodo pieno di “non” invece che di affermazioni positive, di proposte pratiche, di lavoro costruttivo. Riconosco che non è possibile non dissentire (e questa mia doppia negazione la dice lunga), ma è tutta questione di equilibri e di consapevolezza.

Bisogna essere consapevoli che quando si chiede ad una persona di «Non aver paura!» lo si porta implicitamente a provarla. E questo è due volte stupido: da un lato perché se lei in quel momento ha paura, oltre ad acuirla, non ci si rende conto che se bastasse proibirselo lo avrebbe fatto sicuramente da sola, senza aspettare il tuo ordine inutile; dall'altro, se lei non la sta provando, si instillerà il dubbio che possa esserci ragione di temere qualcosa e così la si risveglia.

Lo stesso vale per il «Non peccare!» di tradizione religiosa: nulla incita maggiormente al peccato che il suo divieto. La strada del “non”, potrebbe dire un antroposofo, è “luciferica” quanto quella del “seduttivo” arrendevolmente promiscuo è “mefistofelica” (o “arimanica”): due principi diabolici che vivono proprio della loro antitesi, si reggono sulla contrapposizione come uno specchio che non esiste senza immagine e viceversa.

L'unica via è quella del centro, dell'equilibrio dinamico, della passione morale, della spinta affermativa e generativa, della semplicità compassionevole, dell'era del Buddha Maitreya…

Tutto questo può essere espresso con una parola universalmente facile e che solo per questo ha spesso perso di significato e di comprensione, ma oggi meno che mai di valore e di importanza: la parola è “amore”.

P.S.: Se disponi di uno Smartphone, ma soprattutto un Tablet o un Phablet compatibile con Flipboard, da Aprile potrai anche leggere il Magazine Digest Dalla Pelle al Cuore .

S.ex-Valentino

S.ex-Valentino

13 febbraio 2013 | , ,

Un San Valentino sensuale non è da tutti, ma meglio niente che da coatti

Come ogni anno, preparato da innumerevoli inviti agli acquisti, anche questo febbraio è arrivato il periodo della festa degli innamorati coincidente con il giorno del San Valentino, uno dei tanti sfortunati martiri della chiesa cattolica a cui sono attribuiti diversi miracoli che vedono come protagonisti giovani innamorati, fra cui lo stesso santo.

Lupacchiotti miei

Un Santo per Lupacchiotti

Tuttavia, come per molte altre festività, la chiesa è andata a sostituire festeggiamenti pagani con figure rituali. Si sa, ad esempio, che molte delle feste religiose comunemente celebrate coincidono in maniera più o meno precisa con equinozi e solstizi (inizi di stagioni astronomiche) che hanno da sempre avuto significati simbolici per i cicli naturali corrispondenti.

Non fa eccezione la festività di S. Valentino che la chiesa, per non perdere il seguito del popolo comune senza per questo volere riconoscere culti giudicati peccaminosi, introdusse per sostituire la diffusa festività pagana delle Lupercalia.

Le Origini Pagane

Non tutti ormai sanno che febbraio è il mese in cui si comincia a seminare molte delle piante perché possano iniziare una gestazione che si manifesterà solo con i primi caldi primaverili. Questo periodo dell'anno viene visto dai culti naturalistici anche come la metafora della fertilità e del concepimento. Non è un caso che all'origine dei Lupercali vi fosse un preoccupante periodo di sterilità delle femmine che ricevettero come risposta dalle divinità l'indicazione di venire penetrate ripetutamente dal fauno a cui queste festività si riconducono. Queste semi-divinità dall'aspetto poco rassicurante di caprone avevano la caratteristica di un'erezione inestinguibile cui si rifà anche la medicina attuale che chiama questo sintomo “priapismo” in onore del fauno. Le donne corrono nei boschi nude inseguite dagli uomini-fauni e più o meno così si continuò a fare anche se la versione attenuata vede la loro fustigazione con pelli di capro che avrebbe dovuto indurre la fertilità.

Non è un caso che ci si trovi nello stesso periodo dell'anno famoso come i Carnascialia, giunto a noi come Carnevale, ovvero la liberazione della carne. A Venezia, dove il Carnevale è da sempre famoso e che, ben prima di Parigi, è stata patria del libertinismo di casanoviana memoria, i banditori che annunciavano l'arrivo della Quaresima nel medioevo assieme alle altre notizie si raccomandavano di non abbandonare i feti nei canali per il rischio di pestilenze (nel profondo medioevo le cose andavano così e dove non c'erano i canali c'erano le letamaie).

Ma il S. Valentino che meglio conosciamo è un festeggiamento che è stato coltivato soprattutto nelle culture anglosassoni ed lì il romanticismo ne fece perdere i connotati pagani per portarlo a noi passando per i fidanzatini di Peynet fino a farlo diventare l'orgia consumistica benpensante a tutti nota.

Una festa per tutti i gusti

I modi di festeggiare S. Valentino sono tutto sommato di due o tre tipi.

Il Modo Indifferente. Grazie al cielo una gran parte delle persone, se non ci fosse la televisione e gli SMS pubblicitari o lo spam, non si sarebbe neppure accorta che è passato il 14 bebbraio e se qualcuno al lavoro chiede loro: “che cos'hai regalato per S. Valentino al tuo fidanzato”, rispondono con un “Eh? Coosa? San che?…”. D'altro canto, si tratta della festa dei fidanzati, degli innamorati, degli ormoni in agitazione e, per quanto si cerchi di convincerci che siamo tutti eterni adolescenti, non tutti cadono nella trappola e molti, guardando il comportamento dei figli adolescenti, benedicono il fatto di essere usciti sani e salvi da quel periodo di fragilità irrazionale. Per questo non solo è giustificabile, ma è addirittura salutare che non si sentano coinvolti da questa giggionata.

Modo Ritualista e Distratto. Si tratta in fondo di due faccie della stessa medaglia. Per quanti siano gli indifferenti, per molti le date rituali segnano lo scandire del tempo e aiutano a dare un senso alla vita. Come Natale o Pasqua che hanno dalla loro il fatto che non si lavori, anche quella della mamma, del papà, dei nonni (a dispetto del loro numero conseguente alle famiglie allargate frutto delle tante separazioni), anche la festa degli innamorati è un impegno che ci fa sentire parte di una realtà condivisa. Come ogni impegno, i più organizzati se lo segnano nel calendario o nell'agenda dello smarphone, evitano di andare a casa troppo tardi per trovare ancora un fioraio o un cravattaio aperto così da non arrivare a casa a mani vuote. Cosa che non capita invece alla loro versione distratta, che “accidenti a me ho combinato un guaio, me lo sono dimenticato ma recupero domani”. In fondo, memoria a parte, si tratta di due facce della stessa medaglia, quella dell'uomo e della donna gregari che cercano ogni giorno di non essere troppo diversi dal mondo che hanno attorno. In alcuni casi, anche i loro figli che non devono essere da meno, fanno il regalo di S. Valentino ai genitori che magari ricambiano la cortesia con un pensierino: “prendete questi soldi e andate a divertirvi che mamma e papà stasera sono fuori”.

Modo Narcisista. Dice Woody Allen che la masturbazione in fondo è fare l'amore con la persona che ami di più, e non si può non riconoscergli una discreta ragione. Le cose cambiano quando per fare l'amore con te stesso hai bisogno di usare un altro. Per fortuna spesso queste cose capitano fra persone con gli stessi gusti. Per costoro la festa degli innamorati arriva a proposito e in genere è un'occasione in cui l'amore fa rima con potere. Lei si aspetta dei regali costosi e si darà o meno in funzione dell'afrodisiaco ricevuto della dimensione di un gioiello o di un bene di lusso in genere, sperando che il ricevuto sia superiore alle aspettative di per sé già sufficientemente alte. Lui consumerà più per dimostrare il potere di cui gode suggellato dall'esborso, ma non è improbabile che non si tratti dell'unico regalo del giorno con quanto ne consegue. In definitiva entrambi sperano di essere compiaciuti da se stessi più che dall'altro, ed essendo l'immagine che hanno di sé superiore a quella che gli arriva dall'altro, quando baceranno o si uniranno in realtà lo faranno con il proprio avatar.

Suggerimenti per un S. Valentino alternativo

Per chi si ama veramente, per i fidanzatini di Peynet nostri contemporanei di tutte le stagioni, come canta Battiato, tuttavia questi festeggiamenti possono essere un'occasione in più per lasciarsi andare alle effusioni e qualche regalino, dal fiore al cioccolatino, può non starci male. Tuttavia, il regalo migliore non è la sorpresa che si fa all'altro, ma la complicità nel progettare la festa insieme. Cari fidanzatini appassionati, voglio quindi suggerirvi due proposte semplici semplici per uscire dal S. Valentino dei coatti. Potete ispirarvici oppure prenderle solo in considerazione per inventare qualcosa che piaccia di più a voi, sempre all'insegna della complicità.

Intimità sensuale. Prendetevi tutta la giornata per voi stessi. Se lavorate, mettetevi in ferie, altrimenti datevi per contumaci. Incominciate a cercare insieme della biancheria intima chiedendo all'altro come piace senza lesinare suggerimenti arditi. Nei preparativi andate a ricercare afrodisiaci di ogni genere, da quelli olfattivi, come essenze o incensi, a quelli alimentari, le ostriche, le uova, il prezzemolo, il tartufo, l'aglio (che però devono assaggiare entrambi in misura contenuta), i fichi d'India, la vainiglia… Che ognuno regali a sè stesso un tattamento estetico e rilassante (perché il segreto dell'eccitazione è il rilassamento intimo) e poi compri un olio caldo e sensuale per potere poi dedicare il dopo cena a dei massaggi reciproci molto prolungati. Fate durare a lungo le coccole, perché almeno fino a mezzanotte è sempre festa e vivetela come un modo per rinforzare la vostra intesa intima (invece di disperdervi in feste o discoteche come tutti gli altri giorni) per finire a dormire insieme nella posizione a cucchiaio.

La festa di non-S. Valentino. Come nel paese delle meraviglie di Alice festeggiavano la festa di non-compleanno, il suggerimento che amo di più è quello di festeggiare S. Valentino tutti gli altri 364 giorni dell'anno. Allora come passare la festa degli innamorati? Anche qui con la complicità. Accordandosi entrambi di trascorrere la giornata, il più a lungo possibile insieme, ma negandosi ogni tipo di effusione, dal bacio al contatto, dalla parola innamorata, al regalo, persino agli appellativi come “cara”, “tesoro” e, ovviamente, “amore”. Potete però manifestare all'altro la frustrazione di questa rinuncia, e l'altro giocherà a rinforzare la volonta dell'astinenza amorosa. Fare un po' come il giorno di digiuno che si usava nelle religioni, come il ramadan o come il venerdì senza carne. Potete giocare a fare all'altro le confidenze sui pensieri più reconditi su di lui/lei ma solo in terza persona, come se li raccontaste ad un'amica o a un amico e l'altro dovrà rigorosamente evitare il tranello di entrare nella parte, a rischio di pagare un pegno salato. Trascorrete in questo modo la giornata di non-festa sapendo che allo scoccare della mezzanotte si aprirà il resto dell'anno tutto festivo. Non è un peccato regalare all'altro l'assunzione della pillola blu, non perché non ne sia capace, ma proprio per esagerare, oppure bevete moderatamente degli alcolici il giusto indispensabile per attenuare le barriere inibitorie, guardatevi negli occhi in attesa che lo scoccare della mezzanotte (che avrete impostato nella suoneria del cellulare) vi risvegli, poi, lì dove siete, badando di non incorrere in un arresto per turbamenti al pubblico pudore, denudatevi e rincorretevi e assalitevi, come licantropi o come vampiri, o più semplicemente come primitivi pagani inebriati dalla transe e possedetevi facendo tutte quelle cose amorose che non avreste mai pensato di concedervi. Scappate e poi fatevi riassalire dal desiderio, trascorrendo una notte brava che – attenzione – funzionerà però solo in proporzione a quanto avrete rinunciato durante il giorno e, non ognuno per conto suo, ma indissolubilmente uniti nell'astinenza vogliosa.

 


3 febbraio 2013

Neologismi della solitudine ai tempi della cultura elettronica

Quando la realtà non fa rima con identità Ci sono due parole che, sono pronto a scommettere, molti di noi conoscevano poco o punto. La prima è la parola Anomia. A prescindere dalle sue origini etimologiche connesse al disprezzo per le norme comuni – che pure è quanto mai attuale, sia come conseguenza delle ingiustizie […]

13 gennaio 2013

Infarti: quando superare la depressione è un salva-vita

Una recente ricerca mostra quanto la depressione possa influire nelle malattie cardiocircolatorie. In particolare nel caso di chi è colpito da infarto o ictus triplica o quadruplica le aspettative di morte precoce. Un rischio che oggi potrebbe essere facilmente ridotto se non escluso, solo a volerlo includere nei protocolli di trattamento

Rivolgersi ad un non-terapeuta? 9 gennaio 2013

Rivolgersi ad un non-terapeuta?

Una legge recente fa posto, fra l’altro, a nuove forme di professionisti dell’aiuto. A patto che non si occupino di terapia!



27 ottobre 2012
L’intensità di un bacio

La sopravvivenza dei giornali è legata anche ai ricorrenti articoli di costume sul genere “Ditemi come dormite e ti dirò se avrete un futuro”, oppure “Scoperto il punto K dell’erotismo della Donna!” Coerentemente i lettori sono convinti che in materia d’amore ed erotismo si debba scoprire sempre qualcosa di più. Il più delle volte invece […]

23 ottobre 2012
Dimmi che infanzia hai avuto e ti dirò chi voterai

Le preferenze politiche sarebbero meno influenzate dai partiti di quanto lo siano dalle esperienze infantili. O almeno così lascerebbe pensare una delle ricerche a dire il vero un po’ stereotipate che in questo periodo rinfrescano questo a dire il vero desueto tema che un tempo, in clima sessantottino, era rivolto alla cosiddetta “personalità autoritaria” In […]

22 ottobre 2012
Pensi troppo al sesso? Sei psicopatico!

La quinta edizione della Bibbia della psichiatria, il Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-5) ha dimostrato quello che Foucault aveva definito le pratiche istituzionali della normalizzazione sociale che passano attraverso la medicalizzazione. Negli ultimi anni il filosofo oltre che profondo storico francese si era concentrato soprattutto sulla rappresentazione e il controllo normativo della sessualità […]

20 ottobre 2012
Una stretta di mano semplifica tutto

Le convenzioni sociali hanno un valore superiore alla logica se una sapiente stretta di mano può essere sufficiente a farsi prestare dei soldi. Un sotterfugio noto agli ipnotizzatori che modulano sulla levitazione della mano le loro tecniche di induzione. Ora uno studio pubblicato on-line e per il rilascio di stampa di dicembre del Journal of […]

6 febbraio 2012
…a chi ce l’ha più lungo

So che avrei potuto intitolare questo pezzo “Larga è la foglia, stretta la via”, ma le metafore e le poesie non vanno più di moda. Se non sei esplicito, non ti capiscono. Se non usi parole che pesano, e più pesanti sono meglio è, non hai argomenti. Così, visto che il tema è quanto mai […]

29 gennaio 2012
Sensualmente anormali

Con questo articolo Quotidiano Piemontese apre una nuova rubrica-blog che occupa quel territorio fatto di luci e di ombre compreso fra il romanticismo e la sensualità, il desiderio e l’angoscia, le relazioni interpersonali e le dinamiche familiari, la crescita e i traumi. Lo cura Ennio Martignago, un professionista del counselling relazionale e uno psicoterapeuta che, oltre ai […]