Quantcast

Ieri sera al Celtic Park abbiamo conosciuto una Juve nuova, diversa da quella che ci eravamo abituati a vedere nelle ultime due stagioni. Quasi una Juve con caratteristiche opposte. Capace per quasi un'ora di reggere l'urto impressionante degli scozzesi e di verticalizzare immediatamente per provare comunque a colpire. Conoscevamo una Juve che attacca per 90', crea venti occasioni e ne trasforma in rete una. Ieri abbiamo scoperto una Juve capace di soffrire, di lottare con clamorosa lucidità e soprattutto in grado di sfruttare cinicamente le uniche tre occasioni capitate. Splendido!

Ieri sera al Celtic Park abbiamo conosciuto una Juve nuova, diversa da quella che ci eravamo abituati a vedere nelle ultime due stagioni. Quasi una Juve con caratteristiche opposte.
Capace per quasi un’ora di reggere l’urto impressionante degli scozzesi e di verticalizzare immediatamente per provare comunque a colpire.
Conoscevamo una Juve che attacca per 90′, crea venti occasioni e ne trasforma in rete una.
Ieri abbiamo scoperto una Juve capace di soffrire, di lottare con clamorosa lucidità e soprattutto in grado di sfruttare cinicamente le uniche tre occasioni capitate.
Splendido!

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: