Quantcast
Una Juve oltre le previsioni di Allegri

Il 28 ottobre la Juve usciva malamente sconfitta dalla partita col Sassuolo e dopo 10 giornate di campionato si era ritrovata undicesima con 12 punti e soprattutto a distanze abissali dalle prime. 11 punti dalla Roma, 9 da Napoli, Fiorentina e Inter, 6 dalla lazio, 4 dal Milan.

Per tutti il discorso scudetto era già chiuso e l’ipotesi qualificazione Champions League un’impresa praticamente impossibile.

Allegri quel giorno disse che non c’era molto altro da fare se non lavorare e giocare una partita dopo l’altra. L’obiettivo diventò giocare a calcio, perfezionare l’intesa, crescere come squadra. Poi, disse il toscanaccio, vedremo a Natale a che distanza saremo dalle prime e se a marzo riusciremo ad esserci avvicinati abbastanza potremo sperare in un bel finale di campionato.

Invece…

Invece dopo sette partite e sette vittorie di fila la situazione è cambiata radicalmente. La Juve è tornata ad essere una macchina da guerra e le altre hanno avuto la bontà di aspettarci.

Così a Natale non solo siamo dove forse Allegri avrebbe sperato di essere a marzo ma quelle distanze abissali praticamente non ci sono più.

E leggere i numeri fa davvero impressione: 12 punti recuperati alla Roma, 7 a Napoli e Fiorentina, 6 all’Inter, 9 al Milan, addirittura 16 alla Lazio.

Che ora cominci il campionato…

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram