Quantcast
Settimana del Cervello 2017: l’impossibilità di essere normali

Settimana del Cervello 2017: l’impossibilità di essere normali

12 marzo 2017 | , , , ,

I concetti di normalità e di devianza sono strettamente correlati al nostro cervello e al comportamento dell’intera popolazione. Questi sono spesso utilizzati per discriminare ed emarginare alcuni individui dalla società, causando stigma e isolamento a molte persone. Chi è veramente normale? È possibile essere normale?

Lunedì 13 marzo h. 18
Circolo dei Lettori, Sala Gioco
LO SVILUPPO DEL CERVELLO: LA COMPLESSITÀ DELLA NORMALITÀ
Benedetto Vitiello – (Clinica neuropsichiatrica infantile, dell’Università di Torino)

Ferdinando Di Cunto – (Istituto di Neuroscienze Cavalieri Ottolenghi – NICO)

 

Il neuropsichiatra infantile incontra il neurobiologo per esplorare l’influenza dello sviluppo del cervello sul comportamento normale nell’adolescente e nell’adulto. Così dai lievi disturbi dello sviluppo, dai deficit di attenzione e iperattività (ADHD), fino a patologie più gravi come le malattie genetiche, l’autismo e la schizofrenia, lo sviluppo del cervello può essere modificato e può avere un impatto sul comportamento del bambino, sfidando il concetto di normalità.

Martedì 14 marzo h. 21
Circolo dei Lettori, Sala Grande
SCHIZOFRENIA E PSICOSI. TERAPIA PER ESSERE NORMALE
Paola Rocca – (Dipartimento di Neuroscienze “Rita Levi Montalcini”, dell’Università di Torino)

La schizofrenia colpisce l’essenza dell’identità della persona, il cervello e le più complesse funzioni mediate dal cervello. Interessa l’abilità di pensare, provare ed esprimere emozioni, comprendere le situazioni sociali, avere normali relazioni interpersonali, interpretare le esperienze passate e pianificare le future. La sua precoce età d’esordio e la tendenza a cronicizzare, anche a livelli di gravità significativi, sono causa di importante sofferenza per il paziente e i familiari. Una “guarigione” è possibile e può essere identificata nel concetto di recovery, il far fronte alle sfide quotidiane, il percorso di accettazione e lotta allo stigma.

Mercoledì 15 marzo ore 18,30
Circolo dei Lettori, Sala Grande
SENZA LIMITI: IL POTENZIAMENTO FARMACOLOGICO
Michele Simonato – (Professore di Farmacologia e Tossicologia, Università di Ferrara e Università Vita-Salute San Raffaele, Milano – Istituto Nazionale di Neuroscienze).

Alcuni farmaci possono aumentare l’attenzione e le prestazioni mentali. Il loro uso è stato ed è abbastanza comune: soldati, studenti, creativi in crisi d’ispirazione e un numero considerevole di ricercatori sono ben consapevoli degli effetti di queste sostanze. Viene da chiedersi se estendono il nostro potenziale e il concetto di normalità, o portano oltre il limite, all’anormalità? Quali rischi sono associati al loro impiego?

Giovedì 16 marzo ore 18
Circolo dei Lettori, Sala Grande
DI CHI SONO QUESTE MANI? NEUROSCIENZE E BIZZARRIE DEL SÉ CORPOREO 
Annamaria Berti – (Dipartimento di Psicologia dell’Università di Torino)

La sensazione di avere un corpo è così ovvia che sembra non esserci nulla da spiegare al riguardo. Gli studi su pazienti con lesioni cerebrali, affetti da un curioso disturbo della consapevolezza corporea che induce a considerare il braccio di un’altra persona come appartenente al proprio corpo e il proprio braccio come appartenente a un’altra persona, dimostrano, invece, che la coscienza corporea si costruisce attraverso un processo complesso e multidimensionale, rilevabile con i metodi delle neuroscienze.

Venerdì 17 marzo ore 18
Circolo dei Lettori, Sala Grande
LA PERSONALITÀ E I SUOI DISTURBI: DOV’È IL CONFINE CON LA NORMALITÀ?
Alessandro Zennaro – (Scuola di Studi Superiori, Dipartimento di Psicologia, Università di Torino)
Fin dall’antichità sappiamo che il comportamento individuale è estremamente vario ma può essere ricondotto ad alcuni prototipi relativamente prevedibili. Rispetto alla “normalità”, certi prototipi comportamentali vengono considerati psicopatologici. La loro classificazione, tuttavia, deriva dal modo dominante di intendere la psicopatologia in ogni determinata epoca o è frutto delle sintesi e dei compromessi fra i punti di vista più rappresentativi in ogni tempo e contesto socio-culturale?
Una risposta a questa domanda è che la classificazione dei disturbi psicopatologici sia socialmente negoziata. Perché, tra tutti i disturbi, quelli della personalità sono probabilmente gli aspetti del comportamento umano più difficili da definire, comprendere, classificare, distinguere dalla normalità e, eventualmente, curare.
.
Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibiliAssociazione CentroScienza
tel. 011 8394913 – info@centroscienza.it
centroscienza.it/settimana_cervello17 – dana.org/brainweek.

La Settimana del Cervello 2017 a Torino è promossa da CentroScienza Onlus, con il sostegno della Compagnia di San Paolo, in collaborazione con Regione Piemonte, Istituto Nazionale di Neuroscienze INN, Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi – NICO, Centro Interdipartimentale di Neuroscienze – NIT dell’Università di Torino, Circolo dei Lettori.

.
La rassegna si svolge nell’ambito di un progetto internazionale promosso dalla DANA Alliance for Brain Initiatives e in Europa dalla FENS (Federation of European Neuroscience Societies).

.

Porte aperte alla SSST – Unito

Porte aperte alla SSST – Unito

7 marzo 2017 |

Studenti e insegnanti delle scuole superiori sono invitati al Porte Aperte della Scuola di Studi Superiori Ferdinando Rossi in programma mercoledì 8 marzo alle 15:00 presso la Sala Principi D’Acaja, Palazzo del Rettorato dell’Università di Torino, in Via Verdi 8.
Un’occasione per scoprire la Scuola di eccellenza che affianca e integra tutti i corsi di studio dell’Università di Torino con una formazione multidisciplinare.

La Scuola punta a creare una comunità tra i suoi studenti – a oggi 134 in tutto, 79 i laureati – riconoscendo e premiando il merito. Per questo chi rispetta i criteri di frequenza e profitto richiesti viene ospitato gratuitamente nelle residenze convenzionate, oltre a fruire del rimborso delle tasse universitarie e di un contributo annuale per lo studio (proporzionato alla dichiarazione ISEE).

Insieme al Vice Presidente Alessandro Zennaro saranno presenti gli studenti della Scuola, per soddisfare curiosità e richieste sulla loro esperienza alla SSST.

Info: www.ssst.unito.it

Il grido dei buchi neri ai GiovedìScienza

Il grido dei buchi neri ai GiovedìScienza

2 marzo 2017 | ,

Talk show in occasione della Conferenza inaugurale del Centro Arnold-Regge che si tiene a Torino dal 27 febbraio al 2 marzo, in collaborazione con le Università di Torino e del Piemonte Orientale con Eugenio Coccia, Pietro Fré, Leonardo Castellani e Alessandro Nagar – conduce l’incontro Piero Bianucci.

L’Europa sta affiancandosi agli Stati Uniti nell’osservazione delle onde gravitazionali. L’antenna italo-europea VIRGO, situata vicino a Pisa, è ora 10 volte più sensibile rispetto a prima e comparabile con le due antenne LIGO americane. Le tre antenne insieme aprono una nuova finestra da cui osservare l’universo che si aggiunge alle onde elettromagnetiche e alle particelle dei raggi cosmici. Fenomeni di estrema violenza, come la fusione tra buchi neri o il cannibalismo stellare da parte di nuclei galattici attivi occupati da un buco nero supermassiccio increspano lo spazio-tempo: le onde gravitazionali sono appunto queste increspature, e ci portano informazioni preziose sui fenomeni che le hanno generate.

.

Tutto ciò a poco più di cento anni dalla pubblicazione della relatività generale di Einstein e dopo alcuni decenni di studi teorici che hanno chiarito la natura dei buchi neri. Per una fortunata coincidenza nasce in questi giorni a Torino il Centro Arnold-Regge, due fisici matematici che hanno dato importanti contributi a questo affascinante campo della ricerca, dal tentativo di rappresentare in termini quantistici lo spazio-tempo di Einstein a quello di prevedere il comportamento dei buchi neri.

 .
Con lo Speciale del 2 marzo ”Il grido dei buchi neri. Onde gravitazionali e nuova fisica, il contributo del Centro Arnold-Regge” GiovedìScienza invita quattro scienziati del settore a raccontare il futuro di questa avventura dell’intelligenza. Appuntamento, in collaborazione con le Università di Torino e del Piemonte Orientale alle 17:45, al Teatro Colosseo (in via Madama Cristina 71, Torino).
.
Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.
.
Programma completo e diretta streaming su: www.giovediscienza.it
Festa della Matematica 2017: il 3 marzo in gara gli studenti di Torino e Provincia 

Festa della Matematica 2017: il 3 marzo in gara gli studenti di Torino e Provincia 

22 febbraio 2017 |

La matematica?  Può diventare persino un gioco. E in parte lo è, se viene appresa in modo semplice, con la capacità di renderla comprensibile. E può anche diventare la base per una gara, una vera e propria competizione tra studenti, con squadre che vogliono cimentarsi, per gioco, con numeri, problemi e rompicapo.

Anche quest’anno si svolge la “Festa della Matematica”, giunta ormai all’edizione numero 14.   E’ una gara a squadre tra le scuole di Torino e provincia, ma aperta anche a istituti scolastici di altre regioni italiane e, soprattutto, al pubblico, per tutto coloro che vorranno cimentarsi nella grande gara dei numeri che ormai è diventata un appuntamento tradizionale per Torino.

La “Festa della Matematica”, è organizzata dall’Associazione “Mathesis”, e realizzata con il supporto della Compagnia di San Paolo, e si svolgerà nella giornata di venerdì 3 Marzo.                                                                                                               Le squadre vincitrici si aggiudicheranno la partecipazione alla fase nazionale delle “Olimpiadi a squadre di matematica”, che si svolgeranno poi a Cesenatico in primavera.

Molti gli istituti scolastici che vi prendono parte: nella scorsa edizione, del 2016, vi hanno partecipato (un record), circa 1.200 studenti di licei e istituti tecnici di Torino, Piemonte e Liguria.

L’evento si inserisce nell’ambito delle “Olimpiadi della Matematica”, la cui partecipazione rappresenta anche l’obiettivo principale delle scuole vincitrici della “Festa” che si svolge all’8 Gallery di Torino, che è aperta a tutte le scuole e a tutti i cittadini interessati.

La giornata del 3 marzo, sarà, come per tradizione, ricca di appuntamenti. Si comincia al mattino: presentazione delle attività (ore 9,30), da parte dei professori Franco Pastrone (Presidente Associazione Subalpina Mathesis, e membro Accedemia delle Scienze), e Giorgio Pudello (Dirigente Scolastico Liceo Cattaneo), e con la partecipazione dell’Assessore Regionale Gianna Pentenero.

Dalle 10 alle 11,30 nel multisala UCI Cinemas, si terrà la conferenza del professor Pastrone, dal titolo “La guerra a Marte. La rivoluzione del 1609. Le orbite di Keplero”.

Si prosegue (ore 11,30), sempre all’UCI Cinemas, con la conferenza “Esperimenti matematici”, a cura del matematico e professore Albrecht Beutelspacher.

In contemporanea, nella corte della ristorazione ci sarà il tradizionale “mercatino delle idee” (realizzato in collaborazione con AIF, Associazione Insegnanti di Fisica), con gli esperimenti e gli exibit a cura degli studenti della scuole.  E poi, nel pomeriggio, a partire dalle ore 14, via alle gare, sia per le scuole che per il pubblico, sulla grande rampa elicoidale del Lingotto, con la full immersion nella vera e propria competizione tra numeri, formule ed equazioni.

Alle ore 17, la premiazione delle prime scuole classificate e la consegna del Premio Perlasco e della Coppa Gatteschi.

Tutte le informazioni si possono trovare sul sito ufficiale della Festa della Matematica

www.festadellamatematica.it , e sulla pagina facebook dell’evento.

Maggiori informazioni, sul sito ufficiale dell’evento   www.festadellamatematica.it

 

Si ringrazia Antonio Lo Campo per le informazioni sull’evento

Ai GiovedìScienza le bufale e le teorie del complotto nell’era dei social

Ai GiovedìScienza le bufale e le teorie del complotto nell’era dei social

28 gennaio 2017 |
Il World Economic Forum annovera le informazioni non verificate tra i pericoli più grandi per la nostra società al pari del terrorismo. Inoltre, spesso tendiamo a cercare informazioni che conformano le nostre credenze rifiutando le contraddizioni. Questo forma gruppi polarizzati, dove si rinforza una certa visione del mondo. Quali sono quindi le dinamiche sociali nell’era della credulità? Perché è così difficile cambiare idea in un panorama dominato da internet e da costellazioni di credenze?

GiovedìScienza ha affidato queste domande a Walter Quattrociocchi dell’IMT – School for Advanced Studies di Lucca, studioso di caratterizzazione delle dinamiche sociali, dalle opinioni alla diffusione delle informazioni, con un occhio di riguardo alle narrazioni in rete (teorie del complotto e informazioni false) e al contagio sociale. Appuntamento con la “Fatica di cambiare di idea” giovedì 2 febbraio alle 17:45 al Teatro Colosseo (a Torino, in via Madama Cristina 71).

GiovedìScienza – Teatro Colosseo giovedì 2 febbraio 2017 – ore 17:45 
LA FATICA DI CAMBIARE IDEA
Tra Internet e costellazioni di credenze, come si formano e si fissano le opinioni

Walter Quattrociocchi
IMT – School for Advanced Studies di Lucca 

 Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

Programma completo e diretta streaming su: www.giovediscienza.it

Walter Quattrociocchi, IMT – School for Advanced Studies di Lucca

È coordinatore del CSSLab presso l’IMT – School for Advanced Studies di Lucca. Si occupa di caratterizzazione delle dinamiche sociali, dalle opinioni alla diffusione delle informazioni, con riguardo alle narrazioni in rete (teorie del complotto e informazioni false) e contagio sociale.

Ufficio stampa GiovedìScienza: Barbara Magnani
magnanibarbara@gmail.com

Come arrivare alla laurea? Incontro a Torino con gli esperti

Come arrivare alla laurea? Incontro a Torino con gli esperti

22 gennaio 2017 | ,

 

L’‘Associazione senza fini di lucro ECO (Epistemologia – Comunicazione – Orientamento) organizza un incontro gratuito dedicato alle difficoltà che si incontrano durante l’università e il proprio percorso di studi e a come superarle con psicologi, logopedisti e esperti dell’apprendimento a disposizione degli studenti, dei laureandi e delle loro famiglie.
 .
Associazione ecoOgni giorno ci poniamo dei traguardi da raggiungere. Per uno studente universitario il traguardo più ambito è la Laurea. 
 .
Spesso però i maggiori ostacoli al raggiungimento degli obiettivi provengono proprio dai limiti che noi stessi ci poniamo, e si possono sviluppare vissuti di ansia, insoddisfazione, inadeguatezza, sconforto. Per raggiungere i risultati desiderati e superare gli esami è indispensabile eliminare tutto ciò che mentalmente ci impedisce di avere chiarezza sugli obiettivi.
 .
Il programma dell’incontro:
.

Confronto aperto sulle cause che possono rallentare il percorso universitario fino a favorirne l’abbandono:
.
– Difficoltà “estrinseche” (inserimento, essere fuorisede, essere studente-lavoratore, ecc)
– Difficoltà “personali” (vissuti di ansia, insoddisfazione, sconforto, ecc)
– Difficoltà “specifiche sulla materia” (comprensione della materia, reperire il materiale, affrontare l’esame)
.
Nella seconda parte dell’incontro si parlerà di quali strumenti posso essere di aiuto per eliminare tutto ciò che ci impedisce di avere chiarezza sugli obiettivi.

Rispetto alle difficoltà estrinseche:

  • La “vision”: definire gli obiettivi ed elaborare un piano d’azione che ci permetta di raggiungerli
  • L’immagine di sè: autostima e credenze limitanti al raggiungimento degli obiettivi
  • Motivazione: dal paradigma del “devo” a quello del “voglio”. La cultura dell’impegno
  • Gestire le emozioni lavorando sulle nostre conversazioni interne
  • Comunicare con efficacia con sé e con gli altri

Rispetto alle difficoltà personali:

  • Conoscere meglio se stessi da un punto di vista emotivo, cognitivo e comportamentale
  • Riconoscimento dei propri modelli operativi interni disfunzionali
  • Acquisizione di nuovi modelli operativi efficaci
  • oggi per un domani soddisfacente

Rispetto alle difficoltà “specifiche sulla materia”:

  • studiare la materia
  • Conoscere le modalità dell’esame
  • Programmare in modo strutturato l’esame

I relatori della serata saranno il dott. Trombotto (psicoterapeuta), la dr.ssa Materazzini (psicoterapeuta e coach) e il professor Caputo (docente).

Maggiori informazioni sul sito dell’Associazione ECO

IL CALENDARIO EVENTI DEL CAFFÉ BASAGLIA

 

GiovedìScienza: storia di una cellula fantastica

GiovedìScienza: storia di una cellula fantastica

16 gennaio 2017 |
.
Solo chi è capace di scegliere che cosa è lecito applicare delle tante innovazioni biologiche possiede la “cittadinanza scientifica” fondante la democrazia “cognitiva”. Ma come orientarsi nel complesso labirinto che racchiude scienza, cultura e innovazione? Partendo dalla storia di una cellula fantastica, che sta alle origini di quasi tutti gli organismi viventi, dagli animali alle piante a noi stessi: l’uovo.
 .
Sì, è proprio l’uovo, in tutte le culture simbolo di creazione e di rinascita, il protagonista del prossimo appuntamento con GiovedìScienza, giovedì 19 gennaio alle 17:45 al Teatro Colosseo (a Torino, in via Madama Cristina 71). Carlo Alberto Redi, professore di Zoologia dell’Università di Pavia, abile e pungente divulgatore scientifico, ci accompagnerà alla scoperta della cellula uovo, metafora dei grandi progressi che si sono succeduti dopo il secolo della chimica (‘800) e quello della fisica (‘900). La biologia rivoluziona infatti molti paradigmi passando dalla descrizione alla sintesi del vivente: filosofia, antropologia, economia giurisprudenza e altre discipline sono travolte e le pratiche del nostro vivere divengono biopolitiche.
.
Carlo Alberto Redi - GiovedìScienza

Carlo Alberto Redi

STORIA DI UNA CELLULA FANTASTICA
Scienza, cultura e natura dell’uovo
Carlo Alberto Redi
Dipartimento di Biologia e Biotecnologie dell’Università di Pavia
Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.
Programma completo e diretta streaming su: www.giovediscienza.it
Carlo Alberto Redi, Dipartimento di Biologia e Biotecnologie dell’Università di Pavia

.
Carlo Alberto Redi
è professore ordinario di Zoologia all’Università di Pavia. Accademico dei Lincei e socio onorario della società genetica del Cile, membro della Commissione Dulbecco di studio sull’utilizzo delle cellule staminali (2000 – 2001), e del Comitato di Bioetica della Fondazione Umberto Veronesi.
Con Manuela Monti della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, svolge ricerche sulla caratterizzazione di cellule germinali staminali prelevate da ovari umani e murini.


Come parleremo nel 2050? 10 gennaio 2017

Come parleremo nel 2050?

Creature vive, che ogni giorno si plasmano e rinnovano con l’evolversi di costume, letteratura, tecnologia e delle relazioni tra popoli. Sono le lingue parlate, protagoniste con la loro vitalità del primo appuntamento del nuovo anno di GiovedìScienza. Vitalità che si misura nella capacità di assorbire parole straniere, magari adattandole, e neologismi introdotti dalle innovazioni tecniche […]

Risultati di ricerca Professioni e competenze nell’era digitale: sfide ed opportunità 26 novembre 2016

Risultati di ricerca Professioni e competenze nell’era digitale: sfide ed opportunità

La Biblioteca Bobbio-sezione Merlini e il Centro di Documentazione Europea dell’Istituto Universitario di Studi Europei organizzano la conferenza Professioni e competenze nell’era digitale: sfide ed opportunità, che si terrà il 2 dicembre 2016 dalle14,30 alle 17,30 presso l’Aula A1 VILFREDO PARETO del Campus Luigi Einaudi.  . Interverranno: Gianmaria Ajani, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Torino; Mario Comba, Presidente dell’Istituto […]

Mozart testimonial delle malattie rare in Piemonte 22 novembre 2016

Mozart testimonial delle malattie rare in Piemonte

“Malattie rare, Rare ma così tante” sarà un’importante occasione per la città di Cirié (TO) per conoscere le malattie rare che, pur essendo “rare”, ad oggi coinvolgono più di 700.000 persone in tutta Italia. Due importanti eventi nati dalla collaborazione dell’Asl TO4 con l’Associazione culturale iTechni in favore dell’Associazione Italiana Niemann Pick Onlus che dal […]

A Torino l’ambasciatore della Bielorussia incontrerà le PMI 17 novembre 2016

A Torino l’ambasciatore della Bielorussia incontrerà le PMI

L’Ambasciatore della Repubblica di Belarus (Bielorussia) in Italia S.E. Alexsandr Evgenievich Guryanov, sarà questa settimana in visita a Torino; nel corso del suo soggiorno l’Ambasciatore ha chiesto di poter incontrare i vertici di API Torino, l’Associazione delle Piccole e Medie Imprese di Torino e Provincia, e le imprese che dell’Associazione fanno parte. L’incontro permetterà di approfondire […]