Quantcast
Ai GiovedìScienza le bufale e le teorie del complotto nell’era dei social

Ai GiovedìScienza le bufale e le teorie del complotto nell’era dei social

28 gennaio 2017 |
Il World Economic Forum annovera le informazioni non verificate tra i pericoli più grandi per la nostra società al pari del terrorismo. Inoltre, spesso tendiamo a cercare informazioni che conformano le nostre credenze rifiutando le contraddizioni. Questo forma gruppi polarizzati, dove si rinforza una certa visione del mondo. Quali sono quindi le dinamiche sociali nell’era della credulità? Perché è così difficile cambiare idea in un panorama dominato da internet e da costellazioni di credenze?

GiovedìScienza ha affidato queste domande a Walter Quattrociocchi dell’IMT – School for Advanced Studies di Lucca, studioso di caratterizzazione delle dinamiche sociali, dalle opinioni alla diffusione delle informazioni, con un occhio di riguardo alle narrazioni in rete (teorie del complotto e informazioni false) e al contagio sociale. Appuntamento con la “Fatica di cambiare di idea” giovedì 2 febbraio alle 17:45 al Teatro Colosseo (a Torino, in via Madama Cristina 71).

GiovedìScienza – Teatro Colosseo giovedì 2 febbraio 2017 – ore 17:45 
LA FATICA DI CAMBIARE IDEA
Tra Internet e costellazioni di credenze, come si formano e si fissano le opinioni

Walter Quattrociocchi
IMT – School for Advanced Studies di Lucca 

 Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

Programma completo e diretta streaming su: www.giovediscienza.it

Walter Quattrociocchi, IMT – School for Advanced Studies di Lucca

È coordinatore del CSSLab presso l’IMT – School for Advanced Studies di Lucca. Si occupa di caratterizzazione delle dinamiche sociali, dalle opinioni alla diffusione delle informazioni, con riguardo alle narrazioni in rete (teorie del complotto e informazioni false) e contagio sociale.

Ufficio stampa GiovedìScienza: Barbara Magnani
magnanibarbara@gmail.com

Come arrivare alla laurea? Incontro a Torino con gli esperti

Come arrivare alla laurea? Incontro a Torino con gli esperti

22 gennaio 2017 | ,

 

L’‘Associazione senza fini di lucro ECO (Epistemologia – Comunicazione – Orientamento) organizza un incontro gratuito dedicato alle difficoltà che si incontrano durante l’università e il proprio percorso di studi e a come superarle con psicologi, logopedisti e esperti dell’apprendimento a disposizione degli studenti, dei laureandi e delle loro famiglie.
 .
Associazione ecoOgni giorno ci poniamo dei traguardi da raggiungere. Per uno studente universitario il traguardo più ambito è la Laurea. 
 .
Spesso però i maggiori ostacoli al raggiungimento degli obiettivi provengono proprio dai limiti che noi stessi ci poniamo, e si possono sviluppare vissuti di ansia, insoddisfazione, inadeguatezza, sconforto. Per raggiungere i risultati desiderati e superare gli esami è indispensabile eliminare tutto ciò che mentalmente ci impedisce di avere chiarezza sugli obiettivi.
 .
Il programma dell’incontro:
.

Confronto aperto sulle cause che possono rallentare il percorso universitario fino a favorirne l’abbandono:
.
– Difficoltà “estrinseche” (inserimento, essere fuorisede, essere studente-lavoratore, ecc)
– Difficoltà “personali” (vissuti di ansia, insoddisfazione, sconforto, ecc)
– Difficoltà “specifiche sulla materia” (comprensione della materia, reperire il materiale, affrontare l’esame)
.
Nella seconda parte dell’incontro si parlerà di quali strumenti posso essere di aiuto per eliminare tutto ciò che ci impedisce di avere chiarezza sugli obiettivi.

Rispetto alle difficoltà estrinseche:

  • La “vision”: definire gli obiettivi ed elaborare un piano d’azione che ci permetta di raggiungerli
  • L’immagine di sè: autostima e credenze limitanti al raggiungimento degli obiettivi
  • Motivazione: dal paradigma del “devo” a quello del “voglio”. La cultura dell’impegno
  • Gestire le emozioni lavorando sulle nostre conversazioni interne
  • Comunicare con efficacia con sé e con gli altri

Rispetto alle difficoltà personali:

  • Conoscere meglio se stessi da un punto di vista emotivo, cognitivo e comportamentale
  • Riconoscimento dei propri modelli operativi interni disfunzionali
  • Acquisizione di nuovi modelli operativi efficaci
  • oggi per un domani soddisfacente

Rispetto alle difficoltà “specifiche sulla materia”:

  • studiare la materia
  • Conoscere le modalità dell’esame
  • Programmare in modo strutturato l’esame

I relatori della serata saranno il dott. Trombotto (psicoterapeuta), la dr.ssa Materazzini (psicoterapeuta e coach) e il professor Caputo (docente).

Maggiori informazioni sul sito dell’Associazione ECO

IL CALENDARIO EVENTI DEL CAFFÉ BASAGLIA

 

GiovedìScienza: storia di una cellula fantastica

GiovedìScienza: storia di una cellula fantastica

16 gennaio 2017 |
.
Solo chi è capace di scegliere che cosa è lecito applicare delle tante innovazioni biologiche possiede la “cittadinanza scientifica” fondante la democrazia “cognitiva”. Ma come orientarsi nel complesso labirinto che racchiude scienza, cultura e innovazione? Partendo dalla storia di una cellula fantastica, che sta alle origini di quasi tutti gli organismi viventi, dagli animali alle piante a noi stessi: l’uovo.
 .
Sì, è proprio l’uovo, in tutte le culture simbolo di creazione e di rinascita, il protagonista del prossimo appuntamento con GiovedìScienza, giovedì 19 gennaio alle 17:45 al Teatro Colosseo (a Torino, in via Madama Cristina 71). Carlo Alberto Redi, professore di Zoologia dell’Università di Pavia, abile e pungente divulgatore scientifico, ci accompagnerà alla scoperta della cellula uovo, metafora dei grandi progressi che si sono succeduti dopo il secolo della chimica (‘800) e quello della fisica (‘900). La biologia rivoluziona infatti molti paradigmi passando dalla descrizione alla sintesi del vivente: filosofia, antropologia, economia giurisprudenza e altre discipline sono travolte e le pratiche del nostro vivere divengono biopolitiche.
.
Carlo Alberto Redi - GiovedìScienza

Carlo Alberto Redi

STORIA DI UNA CELLULA FANTASTICA
Scienza, cultura e natura dell’uovo
Carlo Alberto Redi
Dipartimento di Biologia e Biotecnologie dell’Università di Pavia
Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.
Programma completo e diretta streaming su: www.giovediscienza.it
Carlo Alberto Redi, Dipartimento di Biologia e Biotecnologie dell’Università di Pavia

.
Carlo Alberto Redi
è professore ordinario di Zoologia all’Università di Pavia. Accademico dei Lincei e socio onorario della società genetica del Cile, membro della Commissione Dulbecco di studio sull’utilizzo delle cellule staminali (2000 – 2001), e del Comitato di Bioetica della Fondazione Umberto Veronesi.
Con Manuela Monti della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, svolge ricerche sulla caratterizzazione di cellule germinali staminali prelevate da ovari umani e murini.

Come parleremo nel 2050?

Come parleremo nel 2050?

10 gennaio 2017 | ,

Creature vive, che ogni giorno si plasmano e rinnovano con l’evolversi di costume, letteratura, tecnologia e delle relazioni tra popoli. Sono le lingue parlate, protagoniste con la loro vitalità del primo appuntamento del nuovo anno di GiovedìScienza. Vitalità che si misura nella capacità di assorbire parole straniere, magari adattandole, e neologismi introdotti dalle innovazioni tecniche e scientifiche: ingredienti che negli ultimi anni portano a dei cambiamenti più veloci che mai.

Come parleremo quindi nel 2050? Lo scopriremo con il Presidente dell’Accademia della Crusca Claudio Marazzini, professore di Storia della lingua italiana all’Università del Piemonte Orientale, giovedì 12 gennaio alle 17:45 al Teatro Colosseo (a Torino, in via Madama Cristina 71).

La diffusione dei nuovi mezzi di comunicazione e delle applicazioni social di Internet, i grandi flussi migratori che caratterizzeranno questo secolo, i nuovi comportamenti, le tendenze demografiche che vedono il declino numerico degli italiani e l’aumento schiacciante dei cinesi, degli indiani e delle popolazioni arabe, l’affermarsi di un basic english d’uso comune: sono tutti elementi che stanno modificando profondamente la lingua del nostro paese. Il prof. Marazzini spiegherà come l’obiettivo non sia conservare a tutti i costi le parole che ci hanno tramandato secoli di letteratura, ma di interpretare il nuovo corso e orientare in modo culturalmente consapevole la formazione della lingua italiana che si parlerà nei prossimi decenni.

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

Programma completo e diretta streaming su: www.giovediscienza.it

Claudio Marazzini

Claudio Marazzini

Claudio Marazzini – Presidente dell’Accademia della Crusca e professore di Storia della lingua italiana all’Università del Piemonte Orientale.

Nato nel 1949, prima di diventare professore ordinario all’Università del Piemonte Orientale, ha insegnato nelle università di Macerata (1988-1993) e Udine (1994-1997), oltre a tenere corsi di linguistica all’estero (Università di Losanna). Poco dopo aver assunto la presidenza dell’Accademia della Crusca, la più prestigiosa autorità linguistica del nostro paese, è diventato noto al grande pubblico per aver apprezzato la parola “petaloso” coniata da un bambino delle scuole primarie. Autore di libri e saggi di linguistica dedicati a Faldella e a Manzoni, nel tempo libero è un appassionato astrofilo.

Risultati di ricerca Professioni e competenze nell’era digitale: sfide ed opportunità

Risultati di ricerca Professioni e competenze nell’era digitale: sfide ed opportunità

26 novembre 2016 | ,
La Biblioteca Bobbio-sezione Merlini e il Centro di Documentazione Europea dell’Istituto Universitario di Studi Europei organizzano la conferenza Professioni e competenze nell’era digitale: sfide ed opportunità, che si terrà il 2 dicembre 2016 dalle14,30 alle 17,30 presso l’Aula A1 VILFREDO PARETO del Campus Luigi Einaudi.
 .
Interverranno:

Gianmaria Ajani, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Torino; Mario Comba, Presidente dell’Istituto Universitario di Studi Europei; Enrico Pasini, Delegato del Rettore per lo sviluppo ed il coordinamento del Sistema bibliotecario, museale ed archivistico di Ateneo; Lucilla SIOLI, Capo Unità “Economia e competenze digitali”, DG CONNECT, Commissione europea; Eleonora Pantò, CSP – Innovazione nelle ICT; Alessandro COGO, Università degli Studi di Torino; Matilde Fontanin, Università di Trieste, Osservatorio formazione dell’AIB (Associazione Italiana Biblioteche), Federico Morando, Synapta, Spin-off del Centro Nexa per Internet & Società del Politecnico di Torino
Modera: Maria Cassella, Università degli Studi di Torino, Biblioteca “Norberto BOBBIO”
Mozart testimonial delle malattie rare in Piemonte

Mozart testimonial delle malattie rare in Piemonte

22 novembre 2016 |

“Malattie rare, Rare ma così tante” sarà un’importante occasione per la città di Cirié (TO) per conoscere le malattie rare che, pur essendo “rare”, ad oggi coinvolgono più di 700.000 persone in tutta Italia. Due importanti eventi nati dalla collaborazione dell’Asl TO4 con l’Associazione culturale iTechni in favore dell’Associazione Italiana Niemann Pick Onlus che dal 2005 si occupa della malattia di Niemann Pick e di altre malattie affini.

Le due giornate sono patrocinate dalla città di Cirié, dal Comune di S. Carlo Canavese e dalla Federazione Malattie Rare Infantili. Questo il programma dei due eventi:

Il 24 novembre alle ore 21:00 presso la Sala Consiliare del Comune di Ciriè (TO), C.so Martiri della libertà n. 33, avrà luogo un “Dialogo con i cittadini” al quale interverranno:
Dr. Diego Maria Papurello – Dir. SC Neurologia A sede di Cirié-Lanzo, ASL TO4
Dr. Roberto Freilone – Resp. SS Ematologia A e B, ASL TO4, Referente aziendale ASL TO4 malattie rare
Dr.ssa Silvana Savoldi – Dir. Dip. Area Medica ASL TO4, Dir. Nefrologia e Dialisi di Cirié- Chivasso, ASL TO4
Dr. Adalberto Brach del Prever – Dir. SC Pediatria P.O. Unico Ciriè-Lanzo, ASLTO4

Luigi Bonavita – Fondatore dell’Associazione Italiana Niemann Pick Onlus

Il 26 novembre alle ore 21:00 presso il Duomo di S. Giovanni Battista in Cirié (TO) verrà eseguito il “Requiem” di Wolfgang Amadeus Mozart – un noto malato raro – a cura dell’Orchestra Sinfonica “Estemporanea” e del Coro Polifonico Città di Rivarolo Canavese. Questo evento conclusivo ha lo scopo di creare un momento di incontro tra i cittadini, la musica classica e le malattie rare. Ospite di questa serata sarà infatti l’Associazione Italiana Niemann Pick Onlus con il suo fondatore Luigi Bonavita che spiegherà in breve le attività dell’Associazione sul territorio nazionale ed internazionale. I fondi raccolti durante il concerto saranno interamente devoluti al sostegno delle attività dell’Associazione.

L’Associazione Italiana Niemann Pick Onlus opera su tutto il territorio nazionale e dal 2005  è accanto ai malati rari con l’intento di migliorare la loro qualità di vita e quella dei loro familiari: per questo sostiene la ricerca scientifica finanziando borse di studio, organizza e partecipa a convegni nazionali ed internazionali ed interviene quotidianamente per fornire aiuto alle famiglie  nelle problematiche  di carattere clinico , socio-assistenziale, scolastiche e burocratiche, intervenendo, qualora ve ne fosse bisogno, anche con un  sostegno economico.

Per maggiori informazioni, www.niemannpick.org

L’ASL TO4, che si estende dalla cintura torinese verso la Valle d’Aosta nella zona a nord e verso la Francia nella zona a ovest, comprende 177 comuni suddivisi in 5 distretti sanitari. L’Azienda risponde ai bisogni di salute di circa 520.000 residenti con 80 strutture, tra le quali 5 Ospedali (Chivasso, Ciriè, Ivrea, Cuorgnè e Lanzo), 6 sedi principali di Distretto, 3 sedi principali del Dipartimento di Prevenzione, 10 Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA) a gestione diretta e 3 Hospice.

L’Associazione Culturale iTechni è composta da un gruppo di musicisti e da altri operatori culturali che, dal 2015, mettono a disposizione le loro competenze a servizio della solidarietà.

Il Coro polifonico Città di Rivarolo Canavese nasce nel 1972 su iniziativa del rag. Giuseppe Ponchia ed è attualmente composto da circa 30 elementi. La Direzione è affidata al M° Maria Grazia Laino, diplomata in direzione di coro e direzione d’orchestra.

L’orchestra Sinfonica Estemporanea – Arte, musica, teatro – nasce nel 2015, dalla collaborazione tra Lucia Marino e Tamara Bairo, musiciste che dopo quasi vent’anni di orchestra insieme hanno deciso di dar vita a qualcosa di nuovo. Grazie a profondi legami di amicizia e stima con i musicisti provenienti dal Teatro Regio di Torino, dalla Filarmonica e dall’Orchestra della Rai, Estemporanea si è dedicata con entusiasmo a questo progetto in favore dell’Associazione Italiana Niemann Pick Onlus.

 

A Torino l’ambasciatore della Bielorussia incontrerà le PMI

A Torino l’ambasciatore della Bielorussia incontrerà le PMI

17 novembre 2016 |
L’Ambasciatore della Repubblica di Belarus (Bielorussia) in Italia S.E. Alexsandr Evgenievich Guryanov, sarà questa settimana in visita a Torino; nel corso del suo soggiorno l’Ambasciatore ha chiesto di poter incontrare i vertici di API Torino, l’Associazione delle Piccole e Medie Imprese di Torino e Provincia, e le imprese che dell’Associazione fanno parte.
L’incontro permetterà di approfondire quali opportunità di partnership e di sviluppo commerciale si prefigurano per le nostre imprese verso la Repubblica di Belarus. In termini di scambi commerciali, il 2015 ha visto importazioni di beni e servizi italiani da parte del mercato bielorusso per un valore economico quasi 5 volte superiore alle loro esportazioni.
All’attenzione della Bielorussia sono in particolare i settori: macchinari e attrezzature ad alta tecnologia, food and beverage, sostanze chimiche, medicinali e attrezzature per uso medico.
La visita è programmata venerdì 18 novembre, alle ore 15.00 presso la sede di API Torino.
In vista dell’incontro, è possibile approfondire la situazione della Bielorussia con la Scheda su “Cooperazione economica e commerciale, investimenti”
Le imprese interessate a partecipare all’evento, devono segnalare la loro presenza alla segreteria di Presidenza e Direzione di API Torino (011.4513281/245)
Nel 2015 il valore del commercio di merci con l’Italia ha raggiunto $ 766,7 mln (35,3% del valore registrato nel 2014). Le esportazioni verso l’Italia erano pari a $ 130,1 mln (12,9% del valore registrato nel 2014).
La maggior parte delle importazioni dall’Italia è composta dai macchinari ed attrezzature di alta tecnologia, sostanze chimiche, medicinali e attrezzature per uso medico che la Repubblica di Belarus non produce. In comparazione con l’anno precedente l’importazione di merci italiani è calata del 45,4% e nel 2015 era pari a $ 636,6 mln.
Nel 2015 il valore del commercio di servizi con l’Italia ha raggiunto $ 56,9 mln (85,1% del valore registrato nel gennaio-dicembre 2014). Le esportazioni verso l’Italia erano pari a $34,2 mln o 74,2 % del volume nel 2014. La maggior parte delle esportazioni consisteva in servizi di trasporto ($21,5 mln). Le importazioni di servizi dall’Italia sono aumentate a $22,6 mln (109,1% del valore registrato nel 2014). Il saldo positivo per la Repubblica di Belarus era pari a $7,1 mln.
Nel 2015 nell’economia bielorussa sono pervenuti gli investimenti italiani per un totale di $28,8 mln ($38,6 mln nel 2014), di cui $28,7 mln investimenti diretti (diminuiti del 20,2% rispetto al 2014) e $4,5 mln – investimenti diretti “puliti” (18,4% rispetto al 2014).
L’Italia fa parte dei paesi più presenti nella Repubblica di Belarus per il numero delle società miste e imprese a partecipazione straniera. Secondo i dati del Ministero della Giustizia della Repubblica di Belarus, all’inizio del 2016 nel Registro Statale Unificato delle persone giuridiche e imprenditori individuali risultano iscritte 204 persone giuridiche in attività, costituite con la partecipazione dei soggetti della Repubblica Italiana, di cui 17 sono state iscritte nel 2015.

Al via BiblioTour Piemonte – Torino: un itinerario turistico tra le biblioteche 17 novembre 2016

Al via BiblioTour Piemonte – Torino: un itinerario turistico tra le biblioteche

Il Piemonte vanta un vasto patrimonio di beni librari, biblioteche, luoghi legati alla memoria e all’opera di scrittori e intellettuali vissuti nel passato o ancora attivi. Per promuovere e valorizzare questo tesoro di sapere e di bellezza anche in chiave turistica la Regione Piemonte propone una nuova iniziativa, BiblioTour Piemonte. L’iniziativa, nata nel 2016 in sinergia […]

Tirocini gratuiti all’estero per disoccupati/inoccupati di 18/35 anni 15 novembre 2016

Tirocini gratuiti all’estero per disoccupati/inoccupati di 18/35 anni

Fai un tirocinio che comprende anche un percorso di perfezionamento linguistico in loco (inglese o spagnolo). L’esperienza è finanziata: viaggio, vitto, alloggio, trasporti locali a carico del progetto.  Scadenza candidature: 30/11/2016  Si tratta di un progetto promosso da C.I.O.F.S.-F.P. Piemonte in collaborazione con la rete Eures ed altri partner intermediari europei, per la partecipazione a […]

Diventare imprenditori: corso gratuito 14 novembre 2016

Diventare imprenditori: corso gratuito

Domani, martedì 15 novembre 2016, dalle ore 16 alle 19 nell’Aula Darwin del Dipartimento di Biotecnologie Molecolari e Scienze per la salute (Via Nizza, 52 – Torino) si terrà la prima lezione del corso gratuito sull’imprenditorialità organizzato dalla Direzione Ricerca e Relazioni internazionali, nell’ambito della Terza missione e voluto dall’Ateneo per fornire a studenti, laureati e dottorandi dell’Università degli Studi di Torino […]