Quantcast
Il Politecnico di Torino premia le 8 idee più brillanti nel design dell’abitare

Il Politecnico di Torino premia le 8 idee più brillanti nel design dell’abitare

6 luglio 2016 | , , ,

Nell’architettura e nel design contemporaneo la sproporzione evidente che intercorre tra domanda ed offerta ha assunto dimensioni tali da farle ormai sembrare nella più parte dei casi prive di effettive connessioni. Per ristabilire il necessario equilibrio, NEST parte dalla domanda stessa, proponendosi di formare una nuova committenza consapevole, capace di considerare il design come linguaggio.

Il bando è aperto a imprese, startup, progetti di ricerca, makers e a tutti i soggetti che abbiano sviluppato un progetto, anche solo a livello prototipale, e che siano attivi sul territorio con almeno un cliente/utente all’attivo.
 .
Partecipazione gratuita. 

.
Tutte le info su http://www.nest.city/it/

.

Novara e il Piemonte vincono le Olimpiadi delle Neuroscienze per la 2ª volta

20 aprile 2015 | , ,
Luca Inguaggiato, III anno al Liceo Scientifico Antonelli di Novara, ha vinto la finale nazionale di Brescia. Dello stesso liceo la vincitrice 2014, Anna Pan. La sfida coinvolge ogni anno 30.000 studenti in 30 paesi, in Italia adesione in crescita: 144 scuole per un totale di 3800 studenti.
.
.
C’è di nuovo il Liceo Scientifico Antonelli di Novara sul gradino più alto del podio delle Olimpiadi delle Neuroscienze: Luca Ingaggiato, 3°anno al liceo novarese, è risultato il migliore tra i 54 finalisti (3 per ognuna delle regioni partecipanti) che sabato 18 aprile si sono sfidati per la finale nazionale di Brescia. In palio una borsa di studio per volare a Cairns in Australia e rappresentare l’Italia alla International Brain Bee, la competizione internazionale che si svolgerà dal 20 al 26 agosto.
.
.
Novara e il Piemonte – dove la competizione è organizzata dal NICO, Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi dell’Università di Torino i migliori in neuroscienze per il secondo anno consecutivo. E fortissimi in particolare gli studenti allenati dalla prof.ssa Rita Trifoglio del Liceo Antonelli: proviene infatti dallo stesso liceo la giovanissima Anna Pan, campionessa nazionale 2104 e sesta alla finale internazionale di Washington.
.
La gara internazionale, promossa dalla DANA Foundation e dalle società di neuroscienze di tutto il mondo per suscitare l’interesse dei giovani allo studio della neurobiologia, è stata ospitata per la prima volta nella sua fase finale dall’Università degli Studi di Brescia. La prima edizione italiana si è svolta nel 2010 con la partecipazione di 5 regioni: le edizioni successive hanno registrato un successo sempre maggiore, fino a coinvolgere quest’anno 144 scuole in tutte le regioni per un totale di 3800 studenti.
I ragazzi si sono cimentatati in prove a squadre e individuali: cruciverba, tavole anatomiche, quiz e prove di intuito. Novità di quest’anno – per introdurre alle sfide e all’atmosfera della competizione internazionale – gli studenti hanno affrontato anche prove in inglese, cimentandosi a ipotizzare diagnosi di malattie neurologiche sulla base di filmati accompagnati da brevi presentazioni di casi clinici.
.
Grandissima la soddisfazione del prof. Alessandro Vercelli direttore del NICO, Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi di Orbassano che ha organizzato le selezioni regionali piemontesi: “Siamo davvero orgogliosi di questi ragazzi, per l’impegno e l’entusiasmo con cui affrontano queste gare. Il miglior risultato per noi è trasmettere come la ricerca scientifica sia impegno e dedizione, ma soprattutto passione e curiosità”.
.
Ringraziamo per la comunicazione
Barbara Magnani
Comunicazione e Ufficio stampa

Al via il Premio GiovediScienza rivolto ai ricercatori under 35 del Piemonte

16 gennaio 2015 |
Importante riconoscimento per la divulgazione scientifica rivolto ai ricercatori under 35 che abbiano ottenuto risultati rilevanti operando in una istituzione di Ricerca piemontese.


Forte del successo delle precedenti edizioni, torna per il quarto anno il Premio GiovedìScienza*: il riconoscimento per la divulgazione scientifica rivolto ai ricercatori under 35 che abbiano ottenuto risultati rilevanti operando in una istituzione di Ricerca piemontese.

Il Premio intende sostenere e dare visibilità al lavoro di scienziati e ricercatori che con la loro produzione contribuiscono allo sviluppo e all’innovazione nel nostro territorio.

Il merito scientifico sarà la base di valutazione per selezionare, tra le sempre più numerose candidature, una rosa di 10 finalisti che accederà alla fase conclusiva del Premio: la competizione.
Protagonisti di un vero e proprio match fatto di immagini e parole, i finalisti avranno a disposizione 6 minuti e 40 secondi per conquistare le due severissime Giurie: quella Tecnica, composta da esperti di comunicazione scientifica, e quella Popolare, composta da 5 classi delle scuole secondarie di II grado.

 

PREMI E RICONOSCIMENTI


Chi, dei 10, si aggiudicherà la vittoria, riceverà un premio in denaro in denaro pari a € 5.000,00 (cinquemila/00). Sarà inoltre inserito/a nella programmazione della prossima edizione di GiovedìScienza (2015/2016), con una conferenza dedicata.

Nell’ambito del Premio saranno assegnati ulteriori riconoscimenti:

– al finalista che avrà ottenuto il maggior numero di preferenze espresse singolarmente dagli Studenti della Giuria Popolare (Premio “Mi Piace”);

– ai 9 finalisti non vincitori.
Le modalità di partecipazione sono riportate nel Regolamento allegato.

Il Bando e il Regolamento del Premio disponibili su giovediscienza.it
Le candidature dovranno pervenire entro le ore 13 del 26 Febbraio 2015.
Per maggiori informazioni: [email protected]
.
* FONTE: Gravità Zerotestata scientifica media partner della 29° edizione dei GiovedìScienza
.
.

Al via “Teatro e Scienza” con tanti spettacoli, mostre e conferenze aperti al pubblico

9 settembre 2014 | , , ,
Da settembre a dicembre 2014 torna la rassegna teatrale pluripremiata che avvicina il teatro alla scienza.  Teatro e Scienza, rassegna insignita per la terza volta di medaglia del Presidente della Repubblica, inizia con un testimonial di eccezione: Piera Levi-Montalcini, nipote del Premio Nobel Rita e Presidente dell’omonima associazione. Tutti gli spettacoli sono a ingresso gratuito.

Sta per iniziare la Rassegna 2014 di “Teatro e Scienza”, che quest’anno si intitola “L’Albero della Conoscenza”. L’argomento è quello delle scoperte: i 15 spettacoli, tutti a ingresso gratuito, presenteranno al pubblico vicende emozionanti e intersezione fra recitazione, danza, musica e video.
Tra le molte novità di quest’edizione ci saranno una straordinaria mostra d’arte sulle scoperte scientifiche (visitabile al Castello Cavour di Santena per tutto il mese di Ottobre), una testimonial d’eccezione come Piera Levi-Montalcini e 9 conferenze spettacolari con protagonisti quali Francesco Profumo, Roberto Moncalvo, Mario Rasetti, Attilio Ferrari, Loredana Dionigio, Piero Bianucci, Claudio Pasqua e Franco Pastrone.

Anche quest’anno il Presidente della Repubblica, on. Giorgio Napolitano, ha premiato la rassegna con una medaglia di grande formato per lo spettacolo:

“L’Oro Bianco di Dresda“ di Maria Rosa Menzio

in prima assoluta il 4 Ottobre 2014 ore 21 al Castello Cavour di Santena e, in replica, l’11 Ottobre al Planetario di Pino Torinese.

Le edizioni 2010 (sul tema “I Confini”) e 2013 (sul tema “I Numeri”) della Rassegna “Teatro e Scienza” avevano già avuto l’adesione del Presidente della Repubblica e la Sua Medaglia di Rappresentanza.




(altro…)

Parla anche italiano il Nobel per la Medicina 2013

8 ottobre 2013 |
Si respira anche un po’ di ricerca italiana nel Nobel per la Medicina 2013: almeno dalla bibliografia che accompagna le motivazioni del Nobel assegnati ieri a James Rothman, Randy Schekman e Thomas Sudhof.
È infatti nel nel 1992 che il prof. Cesare Montecucco, dell’Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) e dell’università di Padova (ossia un anno prima della pubblicazione della ricerca di Rothman) pubblicò la scoperta di tre proteine chiave:
Prof. Cesare Montecucco

”Si trovano sulla vescicole che, come dei camion, trasportano le sostanze utili fuori dalle cellule”, ha dichiarato il ricercatore. “Si chiamano Vamp, Snap-25 e Sintaxina e si trovano nella parte interna delle ”mura”, ossia all’interno della membrana cellulare. Lavorando sulle tossine responsabili di tetano e botulismo abbiamo scoperto il modo in cui rilasciano il neurotrasmettitore all’esterno della cellula per attivare i muscoli. Per noi le cellule sono come delle cittadelle medioevali, chiuse da una cinta di mura e con un vivacissimo traffico fra esterno e interno”

Per questa scoperta nel 2011 il gruppo di Montecucco ha ricevuto il premio Paul Ehrlich, considerato il Nobel europeo per la Medicina.
I meccanismi che regolano il traffico all’interno delle cellule, prosegue l’esperto, ”sono fondamentali per importantissime funzioni. Senza di questi non potremmo neppure respirare”. Ricerche come quelle premiate con il Nobel, conclude, hanno aperto la strada per studiare altre proteine coinvolte in malattie neurodegenerative o comportamentali, come la schizofrenia. ”Per questo – conclude Montecucco – è molto importante continuare a studiarle”.

QUANTI ITALIANI HANNO VINTO IL NOBEL PER LA MEDICINA? 
Gli scienziati italiani che hanno vinto il Nobel per la Medicina, su un totale di 201 dal 1901 a oggi, sono 6, di cui solo una è donna (Rita Levi-Montalcini).
Nel 1906 ha vinto Camillo Golgi per le ricerche effettuate sulla struttura del sistema nervoso.
Nel 1957 è stato il turno di Daniel Bovet per le sue scoperte sui composti sintetici, come il curaro.
Nel 1969 Salvador Luria per le scoperte del meccanismo di replicazione della struttura genetica del virus.
Renato Dulbecco nel 1975 per le sue scoperte in materia di interazione tra virus tumorali e materiale genetico della cellula.
Il successivo è andato a una donna, una delle dieci al mondo ad aver ricevuto questo importante riconoscimento. Si tratta di Rita Levi-Montalcini premiata nel 1986 per la scoperta dei “fattori di crescita” del sistema nervoso.
L’ultimo premio Nobel per la Medicina assegnato a un italiano (anche se naturalizzato americano) risale al 2007 e si tratta di Mario Capecchi, premiato per le scoperte pionieristiche riguardanti il sistema embrionale delle cellule staminali e la ricombinazione del Dna nei mammiferi. Se si considerano tutte le categorie dei Nobel, gli italiani che hanno ricevuto questo riconoscimento sono in totale 18.

Una curiosità: l’Università di Torino vide sullo stesso banco a studiare sotto la guida del celebre Giuseppe Levi ben quattro personaggi che diventeranno grandi nomi nella scienza medica: 3 dei quali sarebbero diventati futuri premi Nobel. Erano Renato Dulbecco, Salvador Luria, Rita Levi-Montalcini e Eugenia Sacerdote de Lustig (cugina della più nota Rita).

Primo premio nazionale di divulgazione scientifica

8 giugno 2013 |

Docenti universitari, ricercatori, giornalisti e autori italiani sono invitati a partecipare alla I edizione del premio nazionale di divulgazione scientifica promosso dall’Associazione Italiana del Libro.

Il premio ha l’obiettivo quello di valorizzare la conoscenza scientifica e favorire la visibilità dei talenti nel campo della divulgazione scientifica. Possono essere presentati lavori scritti in lingua italiana e pubblicati nel periodo compreso tra il 1° Gennaio 2012 e il 30 Giugno 2013.

.

Le aree tematiche individuate sono:

  • Scienze matematiche, fisiche e naturali
  • Scienze del territorio e dell’ambiente
  • Scienze della salute
  • Scienze giuridiche ed economiche
  • Scienze umanistiche, sociali e della formazione

.

Saranno assegnati anche riconoscimenti particolari a:

  • Autori di opere brevi (articoli, saggi, contributi)
  • Giovani autori (under 35 anni)
  • Editori di opere di divulgazione scientifica

Per partecipare, e vincere, c’è tempo fino al 31 Luglio 2013.

.
Fonte Redazione ResearchItaly

Imprenditorialità giovanile: 5 Borse di Studio da LUISS alla Community Wind Business Factor

19 novembre 2012 | , ,

L’Università LUISS Guido Carli offre alla Community di Wind Business Factor 5 borse di studio, a copertura totale della quota d’iscrizione, per partecipare al LED, il Centro per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile.

Il Master è rivolto a laureati, da non più di 12 mesi, o studenti iscritti all’ultimo anno di laurea specialistica che vogliano realizzare in concreto una propria idea imprenditoriale.

L’iscrizione al corso è subordinata al superamento della prova di selezione.La selezione sarà effettuata con l’obiettivo di avere un mix adeguato di studenti provenienti da percorsi di studio differenti.

Per ulteriori informazioni visitate il sito del LED: http://led.luiss.it

 

 

Hai meno di 35 anni e sei un creativo digitale? Partecipa al concorso Faber “quando la creatività incontra l’impresa”

19 novembre 2012 | ,

Partecipa anche tu alla terza edizione del progetto per i creativi e le imprese che credono nel digitale.

E’ online il bando per partecipare alla III edizione del concorso Faber “quando la creatività incontra l’impresa”.
C’è tempo fino al 31 gennaio 2013 per presentare i progetti per le 4 sezioni LIVE ACTION, ANIMAZIONE, WEB E APP, VISUAL E GRAPHIC DESIGN. 
Tutte le informazioni sul sito web www.fabermeeting.it

Twitter: @Faber_meeting

Forte del successo ottenuto nelle due precedenti edizioni, Faber mantiene la sua formula vincente, ovvero promuovere la creatività giovanile in chiave imprenditoriale facendo incontrare giovani creativi e imprese del territorio piemontese e italiano che credono nel digitale, arricchendosi con nuove opportunità.
Il concorso nazionale è articolato quest’anno in 4 sezioni: live action, animazione, web e app, visual e graphic design. I giovani creativi – tra i 18 e i 35 anni – potranno concorrere con un’opera realizzata negli ultimi 18 mesi entro il 31 gennaio 2013; i vincitori, così come per le passate edizioni, si aggiudicheranno la partecipazione al Fabermeeting, salone professionale che si terrà il 13 e 14 giugno 2013 presso il Virtual Reality & Multi Media Park. Due giorni di incontri, presentazioni e workshop per favorire la conoscenza e il confronto tra i vincitori del concorso e le aziende tradizionali e della creative economy.
Sono inoltre previsti 12 premi speciali, messi in palio dai partner sotto forma di stage retribuiti, occasioni di alta formazione, servizi professionali gratuiti e sostegno economico.
Di seguito il COMUNICATO STAMPA

(altro…)

Premio “Ambrogino d’oro” a Elena Cattaneo e Samantha Cristoforetti

18 novembre 2012 | , , ,
Elena Cattaneo e Samantha Cristoforetti

Foto Andreas Schepers, Wikipedia

Nel corso di questa settimana sono state rese pubbliche le assegnazioni del cosiddetto “Ambrogino d’oro“,  nome non ufficiale con cui sono comunemente chiamate le massime onorificenze conferite dal comune di Milano. Le onorificenze saranno consegnate come da tradizione il 7 dicembre (giorno di Sant’Ambrogio, patrono di Milano) al Teatro dal Verme.
Tra i 63 premiati del 2012 scelti dall’Ufficio di presidenza del consiglio comunale di Milano svettano anche quello di Elena Cattaneo, scienziata, esperta di cellule staminali e di Samantha Cristoforetti, prima astronauta italiana.
Complimenti alle nostre eccellenze italiane e a tutti i premiati.
L’elenco di tutti i vincitori è pubblicato sul sito Gravità Zero

Gioco a Quiz: il cioccolato fa bene alla salute e vi fa vincere

1 settembre 2012 | ,
Oxicoa (www.oxicoa.com), fabbrica artigianale di cioccolato del Piemonte, in collaborazione con la testata di divulgazione scientifica  Gravità Zero, diventa promotrice e sponsor di una iniziativa golosa!
Ogni settimana verranno proposte alcune domande a tema, generalmente a sfondo scientifico, sull’argomento  “cioccolato”, dove tutti i nostri lettori potranno partecipare vincendo i premi messi di volta in volta messi in palio.
Negli ultimi tempi il cioccolato è divenuto oggetto di indagine scientifica da parte di molti ricercatori per le sue numerose qualità benefiche. Gravità Zero vuole approfondire ogni settimana l’argomento con un tema scientifico diverso legato al cioccolato. Oxicoa farà il resto, regalando premi golosi ai partecipanti.

IL QUIZ “GOLOSO” 

1) CHI FURONO I PRIMI A COLTIVARE IL CACAO? 

2) CIOCCOLATO BIANCO E BURRO DI CACAO SONO LA STESSA COSA? COSA ESATTAMENTE E’ il BURRO DI CACAO? 

3) IL CIOCCOLATO E’ RICCO DI (risposta multipla)

a) FERRO

b) VITAMINA C

c) CIOCOIOSAMINA

d) PROTEINE

e) FOSFORO

Un piccolo aiuto lo trovate nella sezione “Informazioni” del sito Oxicoa Cioccolato 



COME PARTECIPARE  



Potete rispondere alle domande in vari modi:

1) collegandovi alla pagina Facebook I LOVE CIOCCOLATO e lasciando un commento

2) lasciando un commento in fondo a questa pagina

3) inviando le risposte a [email protected]

Potete inviare le vostre risposte entro la ore 24 di domenica 9 settembre 2012 


I PREMI DI QUESTA SETTIMANA

Chi risponderà con maggiore precisione alle tre domande vincerà due premi.

Una confezione di Oxicoa chicchi di cacao 

Oxicoa è il primo, e al momento unico, cioccolato ricco di antiossidanti naturali in Italia.

Oxicoa si ottiene mediante un innovativo processo di lavorazione, definito come “gentile”, mediante il quale si conservano gli antiossidanti di cui la fava di cacao è particolarmente ricca.

Guarda il video 
A scelta uno dei libri seguenti:

LA CUCINA GRECA

In questo volumetto scoprirete piatti sostanziosi come la Moussaka, che aiutano i pastori greci a combattere il rigore dei freddi venti che soffiano durante l’inverno. I souvlakia (spiedini di agnello), la classica insalata greca con le olive e la feta, il rinfrescante e saporito tsatsiki (yogurt, aglio e aneto) o la taramasalata (uova di merluzzo e patate) e i dolci a base di pasta di filo, noci e miele, come i baklava.
ERBE AROMATICHE IN CUCINA

Arricchire i cibie con le erbe Aromatiche è un’arte che ha origini remote. In questo volume scoprirete come esaltare il sapore delle zuppe, della pasta, dei frutti di mare, degli arrosti, delle insalate, perfino dei dessert.

Le erbe, raccolte direttamente nel giardino o acquistate, vi aiuteranno ad aggiongere un tocco di fantasia a ogni piatto.

 

CHI HA CUCINATO L’ULTIMA CENA? di Rosalind Miles

Storia femminile del mondo.

La storia dell’umanità è iniziata con la donna. In principio, era lei la protettrice divina, depositaria del cromosoma originale, esperta nell coltivazione della terra, capace di leggere i cicli lunari e di costruire la casa per la propria famiglia. Grazie a questo libro possiamo leggere una nuova storia del mondo, che rimette in giusta prospettiva la presenza e il contributo della donna all’evoluzione della nostra specie.

Dalla vita di Ipazia (prima astronoma) a Simon Veil, raccontate da Rosalind Miles, laureata ad Oxford.

 

 

Per informazioni a [email protected]

Pagina Facebook:  I-Love-cioccolato 
Twitter @oxicoa
Blog “la scienza del cioccolato”http://scienzadelcioccolato.blogspot.it

Spiega cos’è il Bosone di Higgs a un bambino e… vinci!

5 luglio 2012 | ,


Foto: www.particlezoo.net

IL GIOCO

Pensate di poter  spiegare (anche aiutandovi con quanto letto in questi giorni sui alcuni siti e blog autorevoli) a un bambino di 9-12 anni, che non sappia nulla sull’argomento, nella maniera più chiara possibile cosa è e a “cosa serve” il Bosone di Higgs.
Per complicare un poco il gioco, dovrete farlo in appena 140 caratteri (lo spazio disponibile su twitter). Scrivete la vostra risposta in fondo a questo articolo.
Il gioco nasce da una idea di  Gravità Zero, testata di divulgazione scientifica.

 

SCADENZA

Il termine per partecipare è fissato a mercoledì prossimo 11 luglio 2012.

IL PREMIO

La risposta che verrà giudicata migliore dal comitato scientifico di G0 verrà pubblicata il 12 luglio 2012 e premiata con un libro a scelta tra i seguenti:

 

 

Premio Lagrange Fondazione CRT 2012 agli studi sulla complessità e all’economia comportamentale

26 giugno 2012 | , , ,


Lada Adamic e l’economista francese Xavier Gabaix sono i vincitori dell’edizione 2012 del Premio Lagrange – Fondazione CRT, che verrà assegnato giovedì 28 giugno a Torino, alla presenza del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Francesco Profumo.
Il più importante riconoscimento al mondo nell’ambito dello studio dei sistemi complessi va quest’anno a premiare due volti giovani e brillanti della ricerca internazionale, simbolo di quella new wave di scienziati che oggi affrontano e studiano le problematiche della società contemporanea con un approccio fresco e interdisciplinare, combinando gli strumenti della ricerca scientifica, l’analisi sull’impatto sociale delle tecnologie e il monitoraggio continuo di un presente sempre più complesso, intrecciato, tumultuoso e stimolante.

Professore associato alla School of Information & Center for the Study of Complex Systems dell’Università del Michigan, Lada Adamic è specializzata nella ricerca sulle strutture e le dinamiche sociali delle reti d’informazione, con particolare enfasi sulle comunità online, sulla condivisione di competenze e sui rapporti di fiducia che si creano tra gli utenti dei servizi digitali, dove oggi “vivono” e interagiscono quotidianamente centinaia di milioni di persone.

Un percorso iniziato ormai dieci anni fa con i primi studi su Club Nexus (pionieristico social network lanciato nel 2001) e proseguito con l’analisi dei meccanismi sociali e psicologici di Couchsurfing (2011) e con il recente anno sabbatico speso dalla Adamic presso la sede di Facebook.

Inserito da The Economist tra gli otto più importanti economisti dell’ultimo decennio, vincitore nel 2011 del Fischer Black Prize (per studi in materia finanziaria), Xavier Gabaix è uno dei maggiori esperti al mondo in economia comportamentale. I suoi interessi di ricerca vanno dalle origini/conseguenze dei comportamenti irrazionali alle leggi di scala e nei suoi lavori spicca spesso la capacità di agire in anticipo sui tempi, come nel caso dello studio sull’aumento degli stipendi dei manager pubblicato con Augustin Landier nel 2006, molto prima che il tema divenisse materia di analisi e polemica internazionale.

Diplomato all’Ecole Normale Supérieure di Parigi, Ph.D a Harvard, Gabaix è J. Gruber Professor of Finance alla Stern School of Business della New York University.
Confermando un approccio rigorosamente multidisciplinare e uno sguardo attento alle teorie e alle personalità più innovative della ricerca scientifica del presente (e non potrebbe essere altrimenti, visto che il sistema delle reti complesse è uno dei settori-chiave proprio della scienza del presente), la commissione del Premio Lagrange – Fondazione CRT ha dunque voluto premiare due giovani ricercatori che stanno tracciando nuovi percorsi di analisi, studio e riflessione sulla società del ventunesimo secolo. e che saranno protagonisti, giovedì 28 giugno alle 17.30 al Teatro Vittoria di Torino, della cerimonia di consegna del Premio.

L’appuntamento si aprirà con il saluto di Giovanni Ferrero (Fondazione CRT) e del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Francesco Profumo. Quindi, dopo la premiazione, Lada Adamic e Xavier Gabaix parteciperanno a una conversazione sulle nuove frontiere della scienza dei sistemi tecno-sociali, con Alessandro Vespignani e Ciro Cattuto di Fondazione ISI e l’economista Cristiano Antonelli dell’Università di Torino. Modererà Gabriele Beccaria, giornalista e coordinatore dell’inserto Tuttoscienze del quotidiano La Stampa.

Le conclusioni della serata saranno affidate a Mario Rasetti, presidente di Fondazione ISI.

Intitolato allo scienziato e matematico Joseph-Louis Lagrange, il Premio Lagrange – Fondazione CRT nasce a Torino nel 2007, su iniziativa della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e con il coordinamento della Fondazione ISI. Da sempre caratterizzato da una spiccata attenzione verso le molteplici discipline che convergono e partecipano allo studio dei sistemi complessi, nelle precedenti edizioni il Premio è stato assegnato al matematico russo Yakov Grigorievich Sinai e all’economista britannico William Brian Arthur (nel 2008), al fisico italiano Giorgio Parisi (2009), al bioingegnere statunitense James J. Collins (2010) e al fisico ungherese Albert László Barabási (2011).

 

UFFICIO STAMPA
Ex Libris Comunicazione
Tel. 02 45475230; [email protected]
Carmen Novella: [email protected]

 

Premio Ingegnere Innovativo 2011

Premio Ingegnere Innovativo 2011

28 novembre 2011 | ,

 

Premio Ingegnere innovativo 2011

 

L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Torino, in collaborazione con la Commissione Ingegneri per l’Innovazione, organizza la seconda edizione del “Premio Ingegnere Innovativo 2011”.

Il premio si rivolge agli Ingegneri che abbiano realizzato un progetto innovativo, nel periodo 2010/2011, all’interno della propria organizzazione.

 

SCADENZA:
la presentazione delle domande è stata  PROROGATA alle ore 24.00 del 5 dicembre 2011

 

Per informazioni:   www.ording.torino.it/in_breve_notizia.php?id=434

Carnevale della Fisica #22

30 agosto 2011 | , , , , , , ,
Non so voi, ma io impiego diversi giorni a riprendermi dopo un periodo di vacanza. Comunque ce l’ho fatta, e alla fine la 22a edizione del carnevale di Agosto 2011 vede la luce. Il tema di questo mese è “La fisica va in vacanza”, e non mi aspettavo  di ricevere  così tanti e ricchi contributi, visto il periodo vacanziero. Vi anticipo anche che con il Carnevale questo mese ci sarà un premio alla migliore fotografia che mi avrete inviato. E… sarete voi a votare la migliore che vincerà il libro “Manuale di sopravvivenza energetica“, dell’autore Andrea Mameli, fisico e giornalista scientifico.

Il video che meglio rappresenta la mia idea di Estate e tempo libero è Imitation of Life(trad. Lo specchio della vita”) dei R.E.M., un autentico gioiello di regia e di montaggio del regista Garth Jennings, lo stesso di “Guida galattica per autostoppisti” un film che vi consiglio.

Siamo a Los Angeles, durante  una festa di compleanno di una deliziosa bimba nippo-americana che sta per spegnere sei candeline in una scenografia a metà strada tra un fiabesco giardino giapponese  e  un classico pool-party statunitense. Colori, abiti,  pose acconciature rievocano una atmosfera anni ’60, in perfetto stile vintage.  Mentre Michael Stipe improvvisa un balletto a bordo vasca, il bassista Mike Mills si diverte a versare champagne in una precaria piramide di bicchieri, che poi puntualmente finisce in frantumi. E il chitarrista Peter Burk, in posa statica, suona un piccolo banjo in compagnia di una scimmietta.

“Leggenda vuole – scrive Massimo Manuel – che il chitarrista dei R.E.M. odi girare i videoclip delle loro canzoni e che quando ha saputo come sarebbe stato girato questo video ha tirato un sospiro di sollievo” Il perché è presto detto”. Con la tecnica della Pan-Scan, per realizzare  l’intero clip di 4 minuti “sono bastati appena 30 secondi di girato durante i quali tutti i personaggi fanno qualcosa mentre cantano un pezzo di canzone; il resto è fatto dallo zoom digitale che spia i personaggi e i 30 secondi di girato avviati in loop. Guardando il video più di una volta ci si rende conto dell’enorme lavoro che c’è stato dietro la realizzazione: l’orchestrazione di ogni gesto, ogni singolo movimento, ogni azione delle decine di personaggi sparsi nella ripresa che sembra facciano sempre la stessa cosa e in realtà stanno vivendo ognuno la loro piccola storia. Che sia questa l’imitation of life che ha voluto rappresentare il regista?”.

In questo video c’è più fisica che in un laboratorio del CERN. Ma mi piace pensare che sia anche una grande metafora della vita. E tutto in appena 30 secondi.

Cominciamo!

Vi chiederete: cosa c’entri Dante con la fisica?  Erasmo Modica ce lo dimostra con una lezione sulla riflessione della luce, passando per la matematica e la letteratura. E così capiremo chefatti non fummo a viver come bruti”…

La fisica attraverso il sesso o il sesso attraverso la fisica? Un bel dilemma per Emiliano Ricci, il fisico che insieme a Monica Marelli lo spiega in modo garbato e intelligente nel libro Sex & the Physics.
Nell’intervista estiva (a Principina a Mare, in provincia di Grosseto) con Emiliano Ricci ci viene svelato il backstage del libro a 4 mani. L’intervista è di Massimilla Manetti Ricci sul blog Il Serpente di Galeno.

Annarita Ruberto ci delizia con L’esperimento più bello della Fisica: si tratta di un sito dedicato all’esperimento di interferenza dell’elettrone singolo.
E poi ci avverte che è stata  Osservata La Struttura Fine Di Una Tempesta Solare
Per finire con una riflessione sulla Fisica del 900: suggestioni in arte, letteratura e poesia

Gianluigi Filippelli ci propone i seguenti ottimi contributi.
Accerchiando il bosone di Higgs: dopo un esame veloce sui dati diffusi dai principali esperimenti che operano intorno agli acceleratori Tevatron e LHC, una breve descrizione del meccanismo alla base dell’introduzione del bosone nel modello standard.

Il gelato del giovane Mpemba e i superpoteri dell’acqua: l’effetto Mpemba, noto però già ad Aristotele e riscoperto nel 1963 dal giovane studente tanzaniano che gli ha dato il nome, prevede che in particolari condizioni l’acqua calda si congeli prima di quella fredda. Partendo da questo strano effetto, ecco un racconto su superraffreddamento e superriscaldamento dell’acqua usando come base i lavori del fisico e insegnante di scuola superiore Concetto Gianino.
Maestra Rosalba ci spiega come  spesso coi bambini si canta il mare pensando al dolce cullare delle sue onde. Anche le onde hanno un’origine e una spiegazione fisica. L’apparente movimento dell’acqua, il  moto ondulatorio, si spiegano solo in parte con l’azione del vento. E conoscere significa anche sapersi proteggere, entrare nel giusto rapporto con le forze della natura. Sua è L’onda del mare.

Cristina Sperlari del blog “Il piccolo Friedrich” pubblica “In vacanza…con Archimede!“.
Un racconto di alcune esperienze fatte durante le  vacanze  con un riferimento esplicito alla fisica e alla didattica delle scienze per i bambini della scuola primaria (come è nello stile del suo blog).
Esperienze di fisica acquatica: i bagni, le immersioni, i giri in barca, …e sulle leggi fisiche che le governano.

L’articolo si conclude con dubbi e domande volutamente aperti, per dimostrare come anche una semplice e quotidiana esperienza possa nascondere nelle sue mille sfaccettature argomenti di fisica  molto diversi tra loro e complessi…insomma, la fisica ci circonda e ci perseguita! Anche in vacanza!

Leopoldo Benacchio sul suo ironico blog Scienz’altro, ci propone Higgs forse è stanato ma Susy è sparita.
Chi sarà questa Susy? leggete e lo capirete!
Nelle notti estive  Chi dorme non piglia pesci ma fa la foto! . E non immaginerete quello che si può ammirare nelle ore piccole all’aperto in una bella notte stellata estiva.
Da bambini disegnavamo il Sole con occhi e bocca. Ma chi ci ha detto che non è vero? Anche il Sole, infatti, ha una faccia: e questa estate abbiamo capito Perché il Sole ride!

Gabriele Giordano è il nostro più giovane partecipante al Carnevale. In una  breve uscita in barca ha trovato tanta fisica (e curiosità scientifiche) da raccontare. Recentemente a Gabriele ha avuto in regalo  un telescopio: queste sono le sue belle astrofotografie.

Irene non è una donna, ma uno dei fenomeni più distruttivi del pianeta: un uragano. Come viene assegnato il nome a un uragano? Contrariamente alle credenze popolari, gli uragani non hanno solo nomi femminili. Leggete qui e qui.
Paolo Pascucci ci parla del fenomeno che sta tenendo con il fiato sospeso gli americani (e New York) in questa estate del 2011. Crea un uragano: gioco interattivo su come si forma un uragano, con l’avallo, tiene a precisare Paolo,  dei Noaa.

Uragano Irene: mappa, animazione e filmato dallo spazio. con una buona mappa sul tragitto dell’uragano
una buona animazione e, soprattutto, una ripresa dall’alto dalla Stazione Spaziale Internazionale.

Durante i mesi estivi aumentano gli incidenti dovuti alle immersioni subacquee. Ma anche chi sale in alta quota non è esente da pericoli. Tutta “colpa” del biossido di carbonio. Meglio conosciuto come anidride carbonica. Ce ne parla  Palmiro Poltronieri in anidride carbonica disciolta nel sangue 

L’argomento dei fenomeni di pressione è molto gettonato questo mese, e dell’argomento scrive
Leonardo Petrillo,  che invia un contributo (concernente la trattazione di alcune situazioni, fenomeni, interrogativi (come il fatto che sussista la diminuzione della pressione), inerenti la fisica, che possiamo riscontrare in montagna, insieme ad alcune divagazioni sulla meccanica classica).  La fisica in montagna e non solo.


Popinga è il miglior connubio che si possa avere tra arte, letteratura e scienza. In  L’arte moderna e le realtà invisibili dimostra  come i primi decenni del ‘900 segnarono un forte legame tra le scoperte delle scienze fisico–matematiche e i movimenti letterari ed artistici d’avanguardia. Tra queste scoperte, che rivoluzionarono i tradizionali paradigmi con i quali si interpretava la realtà, vi furono i raggi–X (1895), la radioattività (1896, 1898), l’elettrone (1897) e la relatività (1905), che si andarono ad aggiungere alle onde elettromagnetiche e, in campo matematico, alle geometrie non euclidee e a quelle a n–dimensioni:  “Un mondo invisibile di forme ed energie proprio al di là del potere della percezione umana”  che costituì il paesaggio culturale senza il quale difficilmente si sarebbe espresso creativamente il modernismo.

Roberto Flaibani è il “tredicesimo cavaliere”: e per una curiosa coincidenza anche il tredicesimo autore di questo carnevale.

Il suo lungo cammino verso le stelle ci parla della progettazione del viaggio degno di una saga come quella di Star Trek, una missione tra le più impegnative del genere umano  dopo quella di Colombo alla scoperta delle Americhe e degli Apollo con il viaggio sulla Luna: lo studio e il progetto di una astronave per un viaggio interstellare.
Su Gravità Zero Walter Caputo ci accompagna in alcune riflessioni letterarie nate quando ha scoperto di avere un cugino scrittore.  Inattesi spunti scientifici in un testo di narrativa.
I commenti non si sono fatti attendere: dimostrazione di come la letteratura solletichi tutti i palati, come una pietanza cucinata con tutti gli ingredienti giusti.

Terminiamo qui, ringraziando tutti i partecipanti, con l’edizione in lingua spagnola, nata insieme a quella italiana grazie al blog Gravedad Cero, che porta a 10 i paesi nel mondo dove viene pubblicato il Carnevale della Fisica. Questo mese di Agosto 2011 l’edizione in lingua spagnola è ospitata dal blog di David Castro: Biounalm.

Il prossimo appuntamento con il Carnevale della Fisica viene ospitato da Annarita Ruberto su Scientificando.

Il tema scelto è “L’infinitamente grande e l’infinitamente piccolo“. Un tema che mi rimanda nostalgicamente a due favolosi pionieri della divulgazione scientifica. No! Non erano scienziati ma designer: sono i coniugi Eames, e le loro realizzazioni sono alcune delle icone più belle del XX secolo. Ma il loro capolavoro divulgativo rimane Potenze di 10, un viaggio nell’infinitamente grande e nell’infinitamente piccolo alla scoperta della fisica.

Un video talmente popolare che perfino i Simpson lo adottarono in uno dei loro sketch.

E un invito, questo,  a partecipare tutti numerosi al prossimo Carnival e a proporre le vostre riflessioni.

Potete inviare i vostri contributi direttamente ad Annarita entro il 27 settembre 2011 ed eventualmente scrivere a [email protected] se vorrete ospitare una delle prossime edizioni del Carnevale.

Arrivederci al 30 settembre su Scientificando!

La fisica va in vacanza: gioca e vinci con il Carnevale

3 agosto 2011 | ,

L’edizione della fine di questo strano mese di agosto 2011 del Carnevale della Fisica verrà ospitata dal blog “Piemonte al Microscopio, del “carnevalista scientifico” Claudio Pasqua.
Il tema scelto per questo mese è LA FISICA VA IN VACANZA. No! Non si tratta (come qualcuno potrebbe pensare) degli  appunti  di viaggio della nostra beniamina… Margherita Hack! 🙂

Quello che dovrete fare è:

1) pubblicare un articolo su una pagina web, per esempio sul vostro blog (se non ne avete uno anche sul blog di questo sito), che abbia come tema un esperimento, un racconto, una poesia, una curiosità scientifica, con  argomento di spunto o di fondo: la fisica. Un modo questo anche per raccontarci come avete trascorso questo le vostre vacanze estive…

2) inviare il link del vostro articolo a 

[email protected]

possibilmente entro il 27 agosto.

Alcuni esempi di temi possibili? Perché il mare e il cielo sono azzurri? Come funziona il sonar dei delfini? Come si formano le maree? Perché una nave di ferro galleggia? A che gioco giocate in estate (e suoi principi fisici), ecc. ecc.
Ma anche rime, poesie, racconti fantastici, rappresentazioni pittoriche, musica, storia e leggende riferite alla fisica nell’arte e nella letteratura e ai luoghi di vacanza in giro per i mondo.

UN PREMIO PER LA FOTO PIU’ BELLA

Insieme al Carnevale questo mese  ci sarà anche una piccola novità.
Inviando le vostre foto estive (con qualche curiosità scientifica a tema) sempre alla email dell’ospitante

[email protected]

 le foto saranno pubblicate contestualmente al Carnevale.
Sarete voi a votare le più belle, interessanti, divertenti o curiose. Foto che facciano scattare la curiosità per la scienza e la fisica in particolare: un arcobaleno, un ghiacciaio, i movimenti delle onde, foto subacquee… occasioni per parlare di ottica, moti meccanici e ondulatori, esperimenti della visione e studi sulla pressione dei gas, ecc.

IN PALIO COME PREMIO PER LA FOTO PIU’ VOTATA o CLICCATA CI SARA’ IL LIBROMANUALE DI SOPRAVVIVENZA ENERGETICA” edito da Scienza Express dell’autore e fisico Andrea Mameli.

Buone vacanze a tutti (per non parlar del “fisico”!) 🙂



Riassumendo:


DATA CONSIGLIATA PER L’INVIO DEI LINK AI VOSTRI POST:
Entro il 27 agosto 2011

DATA DI PUBBLICAZIONE DEL CARNEVALE DELLA FISICA:
30 agosto 2011

BLOG OSPITANTE:
http://www.quotidianopiemontese.it/piemontealmicroscopio

EMAIL A CUI INVIARE I CONTRIBUTI E LE FOTO PER PARTECIPARE AL GIOCO
[email protected]

DUBBI? Consultate la pagina del Carnevale con la spiegazione di come partecipare