Quantcast

Il magazine dell'associazione FlyTorino offre un resoconto della raccolta firme che ha portato a depositare presso il Comune di Torino una proposta di delibera di iniziativa popolare avente come oggetto le linee guida per la stesura dei patti parasociali di Sagat, società di gestione dell’aeroporto di Torino.
Tremilaquattrocentoundici volte grazie! I torinesi hanno risposto in maniera entusiasta all’iniziativa di FlyTorino volta a presentare una delibera d’iniziativa popolare per lo sviluppo dell'aeroporto di Caselle: Torino vuole volare e deve poter volare! Nei mesi che ci aspettano sappiamo che la politica dovrà ascoltare i cittadini. Sono state sei settimane impegnative ma molto appaganti: stare fra la gente ci ha fatto tastare la voglia di volare dei torinesi. E’ bastato pronunciare la frase “sviluppo dell’aeroporto” perché le persone si fiondassero a firmare, in alcuni momenti anche sobbarcandosi 10 minuti di fila. Abbiamo ascoltato migliaia di cittadini, tutti stanchi e delusi dalla pessima gestione Sagat. Le critiche verso chi gestisce l’aeroporto sono state sempre dure ed aspre. Diamo qualche numero per spiegare la portata del risultato e perché la politica non potrà restare indifferente. Se avessimo avuto le risorse umane per presidiare la piazza per tutte le 16 settimane messe a disposizione dalla normativa e per aprire più punti in città avremmo superato le diecimila firme. Se avessero potuto firmare anche i non residenti a Torino la cifra sarebbe almeno raddoppiata. Tanto per fare un paragone con le ultime elezioni regionali se FlyTorino fosse stata una lista civica e le firme raccolte fossero stati voti avremmo eletto un consigliere regionale! Davanti a tanta “potenza di fuoco” la politica non potrà restare indifferente! Per una strana coincidenza l’ultimo sabato di raccolta firme è coinciso con l’ufficializzazione dell'ultimo candidato sindaco mancante. A metà maggio Piero Fassino per il PD, Vittorio Bertola per il Movimento 5 Stelle e Michele Coppola per il PDL (in ordine di data di presentazione) si contenderanno la poltrona di Sindaco. Fassino ha visitato proprio lo scorso sabato il gazebo allestito in via Garibaldi dell’associazione, informandosi sulla nostra delibera. Bertola è un socio di FlyTorino fin dalla sua fondazione; Coppola ha partecipato ad alcune iniziative di FlyTorino in passato. Comuque vada la competizione elettorale il nuovo Sindaco si troverà a dover trattare la delibera proposta da FlyTorino e a rinnovare i patti parasociali di Sagat nel 2012. Non ci sono più alibi. La raccolta firme di FlyTorino ha dimostrato come i torinesi siano stanchi di essere costretti ad “emigrare” a Bergamo o Milano per viaggiare

Il magazine dell’associazione FlyTorino offre un resoconto della raccolta firme che ha portato a depositare presso il Comune di Torino una proposta di delibera di iniziativa popolare avente come oggetto le linee guida per la stesura dei patti parasociali di Sagat, società di gestione dell’aeroporto di Torino.

Tremilaquattrocentoundici volte grazie! I torinesi hanno risposto in maniera entusiasta all’iniziativa di FlyTorino volta a presentare una delibera d’iniziativa popolare per lo sviluppo dell’aeroporto di Caselle: Torino vuole volare e deve poter volare! Nei mesi che ci aspettano sappiamo che la politica dovrà ascoltare i cittadini.

Sono state sei settimane impegnative ma molto appaganti: stare fra la gente ci ha fatto tastare la voglia di volare dei torinesi. E’ bastato pronunciare la frase “sviluppo dell’aeroporto” perché le persone si fiondassero a firmare, in alcuni momenti anche sobbarcandosi 10 minuti di fila. Abbiamo ascoltato migliaia di cittadini, tutti stanchi
e delusi dalla pessima gestione Sagat. Le critiche verso chi gestisce l’aeroporto sono state sempre dure ed aspre.

Diamo qualche numero per spiegare la portata del risultato e perché la politica non potrà restare indifferente. Se avessimo avuto le risorse umane per presidiare la piazza per tutte le 16 settimane messe a disposizione dalla normativa e per aprire più punti in città avremmo superato le diecimila firme. Se avessero potuto firmare anche i non residenti a Torino la cifra sarebbe almeno raddoppiata. Tanto per fare un paragone con le ultime elezioni regionali se FlyTorino fosse stata una lista civica e le firme raccolte fossero stati voti avremmo eletto un consigliere regionale!

Davanti a tanta “potenza di fuoco” la politica non potrà restare indifferente! Per una strana coincidenza l’ultimo sabato di raccolta firme è coinciso con l’ufficializzazione dell’ultimo candidato sindaco mancante.

A metà maggio Piero Fassino per il PD, Vittorio Bertola per il Movimento 5 Stelle e Michele Coppola per il PDL (in ordine di data di presentazione) si contenderanno la poltrona di Sindaco. Fassino ha visitato proprio lo scorso sabato il gazebo allestito in via Garibaldi dell’associazione, informandosi sulla nostra delibera. Bertola è un socio di FlyTorino fin dalla sua fondazione; Coppola ha partecipato ad alcune iniziative di FlyTorino in passato.
Comuque vada la competizione elettorale il nuovo Sindaco si troverà a dover trattare la delibera proposta da FlyTorino e a rinnovare i patti parasociali di Sagat nel 2012. Non ci sono più alibi. La raccolta firme di FlyTorino ha dimostrato come i torinesi siano stanchi di essere costretti ad “emigrare” a Bergamo o Milano per viaggiare

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: , ,