Quantcast

Il capolavoro dei Lemonheads "It's A Shame About Ray" compie 20 anni e per celebrare quest' anniversario il frontman Evan Dando ha deciso di riunire i suoi Lemonheads. ?Evan Dando, Juliana Hatfield e David Ryan suoneranno quindi dall'inizio alla fine l'album del 1992, perfetta miscela di punk e pop, in un'unica imperdibile data a Milano il 18 maggio. ?Questa sarà dunque la sola occasione per ascoltare dal vivo nel loro originario splendore classici come "Confetti," "My Drug Buddy," "Alison's Starting to Happen" "Bit Part " oltre ai brani migliori della carriera della band di Boston. Le prime prove discografiche dei Lemonheads, creatura di Dando nata nel 1986 a Boston sono all'insegna di un hardcore punk che deve molto ad Hüsker Dü e The Replacements. Di questa prima fase, si segnalano i dischi Hate Your Friends(1987), Creator (1988), Lick (1989). Non sono però questi i lavori che meglio rappresentano la sensibilità artistica di Dando, che sterza in maniera decisa verso il pop all'inizio degli anni '90 dando alla luce un disco come It's a Shame About Ray (1992). L'opera viene acclamata nell'ambiente underground come un capolavoro e si comincia a parlare del leader dei Lemonheads come di un idolo generazionale (seppur indipendente e relegato ad una scena minore della musica rock americana). Nel disco è, tra l'altro, inclusa la cover di Mrs. Robinson di Simon & Garfunkel che diventerà uno dei brani più amati e conosciuti del gruppo. La stessa ispirazione, macchiata da elementi country dovuti alla scoperta di Gram Parsons, è alla base di Come on Feel (1993); il secondo disco che definisce la personalità del gruppo e la sua influenza sulle future generazioni di musicisti. Tre anni dopo arriva Car Button Cloth (1996), ultimo respiro discografico prima di una pausa di una decina d'anni.

Il capolavoro dei Lemonheads “It’s A Shame About Ray” compie 20 anni e per celebrare quest’ anniversario il frontman Evan Dando ha deciso di riunire i suoi Lemonheads. ?Evan Dando, Juliana Hatfield e David Ryan suoneranno quindi dall’inizio alla fine l’album del 1992, perfetta miscela di punk e pop, in un’unica imperdibile data a Milano il 18 maggio. ?Questa sarà dunque la sola occasione per ascoltare dal vivo nel loro originario splendore classici come “Confetti,” “My Drug Buddy,” “Alison’s Starting to Happen” “Bit Part ” oltre ai brani migliori della carriera della band di Boston.

Le prime prove discografiche dei Lemonheads, creatura di Dando nata nel 1986 a Boston sono all’insegna di un hardcore punk che deve molto ad Hüsker Dü e The Replacements. Di questa prima fase, si segnalano i dischi Hate Your Friends(1987), Creator (1988), Lick (1989).
Non sono però questi i lavori che meglio rappresentano la sensibilità artistica di Dando, che sterza in maniera decisa verso il pop all’inizio degli anni ’90 dando alla luce un disco come It’s a Shame About Ray (1992). L’opera viene acclamata nell’ambiente underground come un capolavoro e si comincia a parlare del leader dei Lemonheads come di un idolo generazionale (seppur indipendente e relegato ad una scena minore della musica rock americana). Nel disco è, tra l’altro, inclusa la cover di Mrs. Robinson di Simon & Garfunkel che diventerà uno dei brani più amati e conosciuti del gruppo.
La stessa ispirazione, macchiata da elementi country dovuti alla scoperta di Gram Parsons, è alla base di Come on Feel (1993); il secondo disco che definisce la personalità del gruppo e la sua influenza sulle future generazioni di musicisti. Tre anni dopo arriva Car Button Cloth (1996), ultimo respiro discografico prima di una pausa di una decina d’anni.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: ,