Quantcast

Parità di trattamento nel finanziamento ai partiti e al mondo del non profit: “Il sistema del 2 per mille non può e non deve essere più vantaggioso del 5 o dell’8 per mille”. È netta la posizione di Edoardo Patriarca, deputato del Pd e presidente del Centro Nazionale per il Volontariato e dell'Istituto Italiano della Donazione, rispetto al ddl sull’abolizione al finanziamento pubblico dei partiti, che permetterà ai cittadini di destinare a partiti e movimenti politici  il 2 x 1000 della propria imposta sul reddito (Ire).“Se si deve aprire la frontiera del finanziamento ai partiti attraverso il due per mille, almeno ci siano pari diritti con gli strumenti che finanziano il mondo del non profit, che altrimenti sarebbe penalizzato –sottolinea -. Non devono esistere organizzazioni di serie A e organizzazioni di serie B” Il decreto del governo prevede una detrazione pari al 52 per cento per gli importi compresi fra 50 euro e 5.000 euro annui e al 26 per cento (stessa percentuale di detrazione riservata per erogazioni alle onlus) per importi tra i 5.001 e i 20.000 euro. Proprio su questo punto e sulla mancanza di un tetto massimo (come avviene invece per il 5 per mille) Patriarca si dice contrario: “Rispetto al tetto e alle agevolazioni fiscali non è ammissibile che i partiti risultino soggetti molto tutelati, mentre le organizzazioni di Terzo settore, che fanno rappresentanza e cittadinanza, vengano ancora considerate irrilevanti sia politicamente che fiscalmente”. “In questi anni - aggiunge il presidente dell’Iid- abbiamo chiesto l’eliminazione del tetto per il cinque per mille e un cambiamento nella deducibilità delle donazioni, ma c’è stata nei nostri confronti una forte resistenza. Più volte ci è stato detto che le risorse non c’erano – continua Patriarca - Siamo stati sostanzialmente inascoltati. Ma se il discorso si riapre con partiti le risorse vengono improvvisamente trovate. Questo non è possibile, anche perché ci troveremmo in una situazione in cui le onlus avranno una fiscalità non di vantaggio e sostegno rispetto ai partiti che ne avranno una generossissima.

Parità di trattamento nel finanziamento ai partiti e al mondo del non profit: “Il sistema del 2 per mille non può e non deve essere più vantaggioso del 5 o dell’8 per mille”. È netta la posizione di Edoardo Patriarca, deputato del Pd e presidente del Centro Nazionale per il Volontariato e dell’Istituto Italiano della Donazione, rispetto al ddl sull’abolizione al finanziamento pubblico dei partiti, che permetterà ai cittadini di destinare a partiti e movimenti politici  il 2 x 1000 della propria imposta sul reddito (Ire).“Se si deve aprire la frontiera del finanziamento ai partiti attraverso il due per mille, almeno ci siano pari diritti con gli strumenti che finanziano il mondo del non profit, che altrimenti sarebbe penalizzato –sottolinea -. Non devono esistere organizzazioni di serie A e organizzazioni di serie B”

Il decreto del governo prevede una detrazione pari al 52 per cento per gli importi compresi fra 50 euro e 5.000 euro annui e al 26 per cento (stessa percentuale di detrazione riservata per erogazioni alle onlus) per importi tra i 5.001 e i 20.000 euro. Proprio su questo punto e sulla mancanza di un tetto massimo (come avviene invece per il 5 per mille) Patriarca si dice contrario: “Rispetto al tetto e alle agevolazioni fiscali non è ammissibile che i partiti risultino soggetti molto tutelati, mentre le organizzazioni di Terzo settore, che fanno rappresentanza e cittadinanza, vengano ancora considerate irrilevanti sia politicamente che fiscalmente”.

“In questi anni – aggiunge il presidente dell’Iid- abbiamo chiesto l’eliminazione del tetto per il cinque per mille e un cambiamento nella deducibilità delle donazioni, ma c’è stata nei nostri confronti una forte resistenza. Più volte ci è stato detto che le risorse non c’erano – continua Patriarca – Siamo stati sostanzialmente inascoltati. Ma se il discorso si riapre con partiti le risorse vengono improvvisamente trovate. Questo non è possibile, anche perché ci troveremmo in una situazione in cui le onlus avranno una fiscalità non di vantaggio e sostegno rispetto ai partiti che ne avranno una generossissima.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: ,