Quantcast
Science Camp: ripartono anche in Piemonte i camp dove si impara la Scienza

Anche quest’anno il programma di Science Camp, vede coinvolte molte località piemontesi , anche se oramai l’iniziativa si sta allargando  in tutta Italia.  Moltissime le novità per l’estate 2016 con un’offerta che ancora una volta raddoppia rispetto allo scorso anno. Parte un nuovo filone a fianco degli Science Camp tradizionali: nasce “Turisti per Scienza”:  con “Mare di Libri” a Rimini, “Cala-Mari”, viaggio da Genova a Murcia, all’insegna della biologia marina e “Sulla bocca del vulcano”, una settimana tra escursioni geologiche e snorkeling oltre a un camp di narrazione, dedicato agli adolescenti con lo scrittore Fabio Geda, grande amico di ToScience

I tre camp per le scuole superiori possono esser validi come ore da accumulare per raggiungere le 200 ore dell’alternanza scuola lavoro, basta solo una convenzione tra la scuola e ToScience.

“E’ una bellissima iniziativa, molto importante per i ragazzi, continuate così!”, ci ha detto Piero Angela, lo scorso settembre, dietro le quinte del teatro Bonci di Cesena. Il CICAP ci aveva invitato a presentare i nostri science camp in occasione del 25° di fondazione e Piero Angela era in sala.

La conoscenza scientifica è oggi sempre più importante affinché ciascuno possa costruire una propria opinione, in autonomia. E così dare il proprio contributo, come cittadino, a una società realmente democratica, rispettosa e sostenibile dal punto di vista ambientale.

Ogni giorno i ragazzi si cimenteranno con esperimenti, osservazioni, attività manuali, confronto con i coetanei. E avranno circa 6-7 ore di attività ludo-didattica (sempre giocosa!) espressamente dedicata ai temi scientifici; quindi alcuni momenti sportivi, tempo libero, momenti di aggregazione. Nei viaggi toccheremo luoghi significativi per la scienza e la natura, incontreremo scienziati, ci confronteremo per vivere in noi piccoli concreti passi verso un mondo migliore.

I ragazzi sono sempre seguiti da adulti, explainer professionisti laureati nelle discipline coinvolte dal camp, e dove utile da esperti esterni: guide naturalistiche, ricercatori, docenti universitari. Il rapporto è sempre di un adulto ogni 6 ragazzi, per garantire l’intensità e la sicurezza di ogni esperienza e soprattutto il massimo coinvolgimento. Il gruppo verrà diviso in squadre (miste femmine e maschi) per alcuni momenti di servizio alla comunità, mentre in altri momenti alcune attività potranno esser differenziate fra piccoli e grandi a seconda della distribuzione per età fra gli iscritti ad ogni singolo camp.

 

 

Questa la scansione di una giornata tipo.

8:30                              sveglia e lavarsi

9:00                              colazione e turni servizi

10:00                            attività di laboratorio (sul tema della giornata)

12:30                            tempo libero (servizi in refettorio)

13:00                            pranzo + siesta

14:45                            torneo

16:15                            merenda

17:00                            attività di laboratorio

19:00                            tempo libero (doccia!!) e servizi in refettorio

20:00                            cena

21:00                            serata a tema

23:00                            racconto della buonanotte e a nanna

23:30                            coprifuoco

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram

TAGS: ,