Quantcast
EarTHinK Festival 2017

Festival è teatro, musica, arte. Il festival nasce nel 2012 per una valorizzazione del territorio; la sensibilizzazione e l’educazione al rispetto delle risorse naturali e dell’ambiente; la riduzione degli sprechi energetici e alimentari attraverso un evento culturale ricco di proposte performative e educative.

Il progetto, che arriva quest’anno alla sesta edizione, la quarta sulla Città di Torino), si svolgerà su uno spazio pubblico in stato di degrado e abbandono della Circoscrizione Sette della Città di Torino e proporrà (oltre alla programmazione artistica di spettacolo
dal vivo) delle azioni performative e partecipate in collaborazione con Enti, Associazioni e scuole del territorio sul quale l’Associazione Tékhné opera con diversi progetti già da sei anni. Attraverso l’indirizzo artistico di quest’anno si vuole lanciare un messaggio di
partecipazione attiva alla tutela dell’ambiente che ci circonda.

Si parte LUNEDI 5 GIUGNO (giornata mondiale dell’ambiente) con una grande festa, lo spettacolo delle classi della scuola elementare Muratori e con la visita e riapertura del giardino riqualificato della scuola per i progetto ORTI CREATIVI di Tékhné. Durante la giornata, oltre allo spettacolo dei bambini della V-A e la visita al giardino, verranno proposti alcuni momenti performativi da parte degli artisti partecipanti al festival.
Da MARTEDI’ 6 a GIOVEDI’8 la programmazione sarà dedicata alle scuole con repliche mattutine di alcuni spettacoli, l’organizzazione di incontri e dibattiti dedicati ai ragazzi e la partecipazione alla riqualificazione dello spazio pubblico urbano, parte della sede del festival. I Laboratori artistici, riporteranno l’attenzione del corpo come mezzo espressivo inserito in natura e coinvolgeranno i ragazzi per sensibilizzarli.

Le azioni di riqualificazione del prato di via Benevento saranno coordinate da Tékhné in collaborazione con la Città di Torino e le varie associazioni che si stanno proponendo. Earthink Festival entra nel vivo della programmazione con la sera di Giovedì 8: in programmazione la proiezione del documentario Pierre Rabhi – il mio corpo è la terra a cura del Gruppo del Cerchio. Durante la proiezione interverranno le autrici. A seguire il debutto dello spettacolo conclusivo del percorso Dalla Terra alle Madri di Tékhné. Lo spettacolo, frutto di un percorso iniziato nel 2016 racconta le storie di cinque madri che provengono da terre diverse, ma accumunate tutte dal desiderio di un futuro migliore per se stesse e i loro figli. Riscoprire le radici attraverso il viaggio, riscoprire l’appartenenza attraverso la lontananza.

Venerdì 9 giugno Earthink Festival apre sin dal pomeriggio con l’inaugurazione e la presentazione delle opere selezionate per il premio ETHF17 della sezione ART. Quattro artisti, selezionati attraverso BANDO PUBBLICO, esporranno le loro opere che saranno valutate da una giuria di esperti. Le opere rimarranno esposte fino al giorno della premiazione. Venerdì sera il debutto in prima nazionale dello spettacolo Aspettando l’America della compagnia Livingston Teatro: una rivisitazione attuale di Aspettando Godot, un viaggio empatico con un focus sulla migrazione e i profughi ambientali. Il fine settimana di Earthink Festival sarà ricco di proposte culturali per un ampio pubblico eterogeneo, varie attività performative e le esibizioni dei quattro studi teatrali selezionati attraverso il bando pubblico per la sezione PERFORMING ART (che verranno visionati e valutati da una giuria di esperti) faranno da cornice agli spettacoli in
programma.
Sabato 10 Giugno la sera è all’insegna del divertimento con S.O.S di e con Aurélia Dedieu della Compagnia Mariko. Aurélia, attrice francese, eclettica artista formatasi alla scuola di Philip Radice, propone un viaggio surreale all’interno del proprio corpo: una scoperta di come sia importante AVERE CURA di sé stessi per potersi prendere cura degli altri e del pianeta in cui viviamo. Domenica 11 Giugno la giornata è dedicata alla partecipazione attiva. Sin dal mattino una festa con esposizione di artigiani e associazioni, il Restart Party (riparazione di piccoli elettrodomestici) e le attività di consulenza e riparazione biciclette (grazie anche alla collaborazione con TO.Bike) e i laboratori di educazione alimentare proposti da COOP e dei Sommeiller dell’Acqua di SMAT animeranno la giornata.

Il pomeriggio è all’insegna dell’arte e dello spettacolo: Paola Colonna di Rapatika Danza propone un laboratorio di danza contemporanea che si concluderà con una performance partecipata sul tema della cura del pianeta come atto performativo di inaugurazione dello spazio pubblico di Via Benevento e della Ludoteca il Paguro. Mentre durante la giornata saranno molte le attività dedicate alle famiglie e ai ragazzi, con la premiazione dei vincitori del bando ETHF17 e lo Speech conclusivo del progetto partecipato di sensibilizzazione alle tematiche della sostenibilità sartoriale in collaborazione con Antica Sartoria Errante a cura di Sara Conforti. (vedi sezione preparazione del pubblico). Earthink Festival si conclude con la premiazione degli artisti selezionati su bando e lo spettacolo Peace’N’foodCorporation di e con Marco Intraia, una visione onirica di unfuturo in cui ci alimenteremo di cibo sintetico frastagliata da ricordi di un passato inarmonia con la terra e i suoi frutti.
Gli spettacoli si terranno in Corso Belgio 91.