anniversario-alluvioneNei giorni dal 3 al 6 novembre 1994 le province di Cuneo, Torino, Asti e Alessandria furono colpite da un violento evento alluvionale che causò l’esondazione dei fiumi Po, Tanaro e di molti loro affluenti tra cui il torrente Belbo, causando 70 vittime e 2.226 sfollati.

Le piogge erano iniziate il 2 novembre, mantenendosi deboli il 3 e il 4, aumentando di intensità la sera del 4, specie su Appennino Ligure, Langhe e Monferrato. Dalle prime ore del 5 novembre si sono verificate le prime frane ed esondazioni, nel pomeriggio Ceva veniva allagata dalle acque del Tanaro.

Il racconto dell’Alluvione in Piemonte del 1994

La piena era poi defluita verso valle allagando successivamente tutta la fascia fluviale del Tanaro comprese le città di Asti e di Alessandria. Nel territorio alessandrino sono state interessati tutti i corsi d’acqua provenienti da ovest: il Belbo, in misura minore il Bormida, e il Tanaro e il Po che hanno provocato i danni maggiori. L’intero fondovalle Tanaro è stato invaso dalle acque e tutti i comuni sono stati colpiti dall’evento alluvionale. Nella tarda mattinata del 6 novembre la trincea su cui passava la ferrovia della linea Torino-Alessandria ha ceduto e Alessandria è stato investito da un’ondata che ha aggirato la Cittadella colpendo in particolare il quartiere Orti

L’alluvione in Piemonte del 1994 in video

Le immagini dell’alluvione in Piemonte del 1994 

A causa delle intense piogge il livello del fiume Po salì paurosamente per l’apporto degli affluenti Orco e Dora Baltea ed esondò in svariate zone causando ingenti danni e allagamenti estesi soprattutto a Chivasso, dove la confluenza con l’Orco creò un’ondata di piena che fece crollare il ponte sul Po.

Dopo 3 giorni di piogge continue ci furono oltre 600 mm di pioggia in 48 ore. Particolarmente colpite furono le città di Ceva, Alba e Asti, inondate per circa un terzo della loro superficie. Alessandria fu allagata per quasi per il 50%, nell’allagamento persero la vita 14 persone.

Le infografiche dell’alluvione in Piemonte nel 1994

comuni alluvionati in Piemonte

I comuni maggiormente coinvolti dal disastro furono: Ormea, Garessio, Priola, Bagnasco, San Michele Mondovì, Nucetto, Santo Stefano Belbo, Ceva, Bastia Mondovì, Clavesana, Farigliano, Piozzo, Monchiero, Narzole, Alba, Asti, Canelli, Castelnuovo Belbo, Rocchetta Belbo, Cossano Belbo, Canelli, Incisa Scapaccino, Nizza Monferrato Castello D’Annone, Cerro Tanaro, Rocchetta Tanaro, Solero, Felizzano, Alessandria, Pietra Marazzi , Chivasso, Verolengo, Crescentino, Palazzolo Vercellese, Trino Vercellese, Morano sul Po.