I PREMI

Concorso Internazionale Documentari

Premio al miglior documentario internazionale offerto da Asja € 5.000,00

Menzione Speciale IREN, main sponsor di CinemAmbiente, € 2.000,00

Premio Consulta Provinciale degli Studenti di Torino € 1.500,00

Concorso Documentari Italiani

Premio al miglior documentario italiano offerto da CiAL € 3.000,00

Premio speciale Guido Boccaccini in collaborazione con ANMC

Menzione Speciale LEGAMBIENTE

Concorso Internazionale Documentari ONE HOUR

Premio al miglior mediometraggio offerto da SMAT € 2.000,00

Premio Speciale Sub-ti: Sub-ti offre in premio la fornitura di sottotitoli in una lingua europea per la nuova opera del regista vincitore, comprensivo di traduzione, adattamento e spotting list con timecode, da una lingua europea ad un’altra lingua europea.

Premio speciale ‘La casa di domani’

Premio al miglior documentario per ‘La casa di domani’ offerto da Leroy Merlin € 3.000,00

Questo concorso raccoglie i film documentari di produzione internazionale che affrontano in modo costruttivo le problematiche della contemporaneità e suggeriscono buone pratiche per la società di domani.

Premio Boccaccini

L’Associazione Museo Nazionale del Cinema per il secondo anno istituisce una giuria giovane che assegnerà il Premio Guido Boccaccini 2014 nell’ambito del concorso dei documentari italiani. Il vincitore parteciperà alla prossima edizione di CinemAmbiente Lab e terrà un workshop al Cecchi Point di Torino.

LE GIURIE

CONCORSO INTERNAZIONALE DOCUMENTARI

Enrico Cerasuolo

Si è laureato in scienze politiche ed è presidente della casa di produzione Zenit Arti Audiovisive sin dalla sua fondazione nel 1992. Ha realizzato diversi documentari, come L’enigma del sonno (2004), premio speciale della giuria al Torino Film Festival, Il sogno di Peter (2007), I pirati dello spazio (2007), Il volto nascosto della paura (2008), Andante ma non troppo – 150 anni di storia d’Italia (2011) e Ultima chiamata (2013), partecipando inoltre al film collettivo Checosamanca (2006).

Filippa Lagerback

Ha iniziato la carriera di fotomodella a diciassette anni, partecipando inoltre a diversi spot pubblicitari, prima di esordire al cinema in Silenzio si nasce (1996) di Giovanni Veronesi. Ha quindi intrapreso la carriera televisiva lavorando a programmi come Superboll, Candid Angels, Strano ma vero, Controvento, Circo massimo, The Italian Dream e That’s Italia. Dal 2005 affianca Fabio Fazio nel talk show Che tempo che fa. È l’autrice di Io pedalo. E tu? (2013) e ha un blog, www.planetfil.net.

Roberto Silvestri

Critico cinematografico dal 1977 al 2012 del «manifesto», di cui ha diretto il supplemento culturale «Alias» fino al 2012, ha scritto diversi volumi come Il cinema contro di Alberto Grifi, Da Hollywood a Cartoonia, Cinema – Film e generi che hanno fatto la storia e Il film del secolo. È il direttore del Sulmonacinema Film Festival ed è conduttore del programma di Radio 3 Hollywood Party, oltre a curare la collana Illegal and wanted per Raro Video e collaborare con il quotidiano «pagina99».

Flo Stone

Ha collaborato con l’American Museum of Natural History di New York, creando il Margaret Mead Film Festival. È stata nel 1986 la responsabile cinematografica del National Forum on Biodiversity tenuto allo Smithsonian Institution di Washington e nello stesso anno ha istituito l’Earthwatch Film Awards per il documentario che è stato presentato annualmente alla National Geographic Society fino al 2003. Nel 1993 ha fondato l’Environmental Film Festival in the Nation’s Capital di Washington.

Jan van den Berg

Si è laureato in antropologia culturale prima di dedicarsi alla regia cinematografica sin dai primi anni Settanta e fondare poi la drsFILM. Ha realizzato diversi cortometraggi e documentari come El Abrazo (1990), Taming the Floods (2001), Gallow Creek (2009), Silent Snow (2011), che è stato presentato a CinemAmbiente, oltre a Utrecht by the Sea, una serie realizzata in occasione dei trecento anni dal Trattato firmato nella cittadina olandese per porre fine alla guerra di successione spagnola.

CONCORSO DOCUMENTARI ITALIANI

Mariangela Barbanente

Si è laureata in lettere e ha studiato sceneggiatura al Centro sperimentale di cinematografia, prima di lavorare come sceneggiatrice per diverse serie televisive ed esordire alla regia nel 1994 con due cortometraggi documentari realizzati per l’Enea (Ente nazionale per le energie alternative). Ha quindi diretto Sole, con cui ha vinto la menzione speciale al Torino Film Festival del 2000, la docufiction Il trasloco del bar di Vezio (2005), Ferrhotel (2011) e In viaggio con Cecilia (2013).

Tiziano Fratus 

Ha viaggiato in America del Nord, Europa e nel Sudest asiatico, elaborando i concetti di «Homo Radix» e «alberografia». Autore di diversi volumi, come Il sussurro degli alberi (2013), Manuale del perfetto cercatore d’alberi (2013) e L’Italia è un bosco (2014), tiene sulla «Stampa» la rubrica Il cercatore di alberi. Disegna itinerari e guida passeggiate, documentando l’esistenza di piante e boschi monumentali. Collabora col ministero dell’Ambiente e il suo sito è www.homoradix.com.

Carlo Infante 

Ha diretto il festival Scenari dell’immateriale e condotto trasmissioni radiofoniche o televisive, oltre a essere l’autore di volumi come Educare on line, Imparare giocando, Edutainment, Performing Media – La nuova spettacolarità della comunicazione interattiva e mobile e Performing Media 1.1 – Politica e poetica delle reti. Tra i fondatori degli Stati generali dell’innovazione, ha fatto parte del direttivo dell’Associazione nazionale critici di teatro e della Consulta nazionale del video.

CONCORSO INTERNAZIONALE DOCUMENTARI ONE HOUR

Stefano Cassetti

Si è laureato in architettura al Politecnico di Milano, prima di esordire come attore nel 2001 in Roberto Succo di Cédric Kahn, grazie a cui viene nominato al César. Ha quindi partecipato a film come Nemmeno il destino (2004) di Daniele Gaglianone, Il resto della notte (2008) di Francesco Munzi, Sette opere di misericordia (2012) dei fratelli De Serio e Giovane e bella (2013) di François Ozon, senza abbandonare la carriera di designer e realizzando installazioni in diverse gallerie d’arte.

Gloria Germani

Si è occupata di gestione di sale cinematografiche e di distribuzione fin dai primi anni Novanta, curando progetti di promozione culturale, incontri con gli autori, corsi di aggiornamento e di formazione, oltre a gestire i rapporti con le scuole e le università. Ha studiato filosofia alle Università di Firenze e Pisa, pubblicando diversi saggi sul dialogo interculturale. Fa parte della Rete italiana di ecologia profonda e dal 2011 distribuisce in Italia la collana di documentari Satya Doc.

Pedro Piñeiro Fuente

Ha lavorato alla produzione di diversi documentari come Sucumbios, tierra sin mal (2011) di Arturo Hortas e Una mujer sin sombra – Asunción Balaguer (2013) di Javier Espada, oltre a collaborare all’organizzazione e alla programmazione di numerosi festival in Spagna e Sud America come quelli di Pamplona e di Lima. Tra i fondatori del Taller de Cine Reciclado, è produttore associato della Shasta Films e il direttore di Ecozine – Festival Internacional de Cine y Medio Ambiente di Saragozza.

MENZIONE SPECIALE LEGAMBIENTE 

Fabio Dovana

Giornalista pubblicista, è stato responsabile della comunicazione e dell’ufficio stampa di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta per otto anni, prima di diventarne presidente nell’ottobre del 2011. Da dicembre del 2011 è membro del direttivo nazionale di Legambiente. Appassionato di ambiente da sempre, ha frequentato l’Istituto professionale per l’agricoltura e l’ambiente. Collabora con alcune riviste ambientaliste, tra cui «La nuova ecologia».

Francesca Gramegna

Laureata in Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo e dell’Educazione, è Direttrice di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta dal 2011, membro della Segreteria Nazionale di Legambiente Scuola e Formazione e del Direttivo Nazionale di Legambiente. Lavora in campo educativo dal 2000 ed è formatrice per il Registro degli Educatori Ambientali di Legambiente dal 2010.

Barbara Meggetto

Direttrice di Legambiente Lombardia dal 2007, si occupa in particolare della gestione della rete dei circoli lombardi e dell’organizzazione delle campagne e degli eventi associati. È inoltre responsabile e portavoce della campagna Goletta dei laghi per la Lombardia.

Simone Nuglio

Per la direzione nazionale di Legambiente si occupa di campagne nazionali e comunicazione. E’ membro del direttivo del comitato 3 ottobre. Ha coordinato le operazioni di Legambiente durante l’emergenza all’Aquila nel 2009 e collaborato col sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, durante l’ultima emergenza nell’ottobre 2013.

Salvatore Venezia

Laureato in scienze politiche, e membro del Consiglio Nazionale di Legambiente, ha fatto parte del direttivo di Legambiente Sicilia, Piemonte e Valle d’Aosta. E’ stato presidente dei Circoli di Legambiente a Caltagirone dal 1993 al 1997 ed a Collegno dal 2007 al 2011.

PREMIO SPECIALE LA CASA DI DOMANI

Fanno parte della giuria del Premio: Alberto Bettinelli (Fornitore di Leroy Merlin), Gianni Bientinesi (Responsabile relazione clienti e studi di mercato di Leroy Merlin), Maddalena Cassuoli (Responsabile sviluppo, comunicazione ed eventi di Sodalitas), Fabrizio Furchi (Rappresentante della Cisv), Paolo Landi (Presidente della Fondazione consumo sostenibile), Antonella Mariotti (giornalista de «La Stampa») e Mauro Patatini (economista, collaboratore del Ministero dell’Ambiente).

PREMIO BOCCACCINI

La giuria è presieduta da Gabriele Boccacini, regista teatrale e direttore artistico della Compagnia Stalker Teatro e delle officine Caos, che sarà affiancato da Marco Mastino, consigliere dell’Amnc, ideatore e cocuratore di cinemAutismo, Anna Catella laureata in Ram e coautrice di un progetto di documentario sul Balôn, Gabriele Filomena, laureando in psicologia e promotore del Psicologia Film Festival e Alessandra Lancellotti specializzanda in architettura per il restauro e la valorizzazione del patrimonio.

PREMIO CONSULTA PROVINCIALE DEGLI STUDENTI

La Consulta provinciale degli studenti è un organo di rappresentanza studentesca che ha come obiettivo quello di permettere un ampio confronto con gli studenti. In grado di stipulare accordi con le competenti autorità scolastiche o con enti locali, di volontariato e associazioni, può quindi esprimere pareri agli uffici scolastici, agli enti locali competenti e agli organi collegiali territoriali, promuovendo iniziative di carattere transnazionale. Nell’ottica di questi obiettivi la consulta di Torino ha sviluppato una solida collaborazione con CinemAmbiente, ritenendone importanti le tematiche affrontate e offrendo un’eccellente opportunità per i giurati di selezionare una tematica o un’opera ritenuta vicina alle posizioni delle nuove generazioni. Al fine di creare collaborazioni in rete, la consulta di Torino ha deciso di coinvolgere nell’iniziativa le consulte di Asti, Alessandria, Biella, Torino e Vercelli, garantendo un parere studentesco di più ampio respiro.

Fanno parte della giuria della Consulta provinciale degli studenti del 2014: Pietro Bongiovanni, Elena Bertini, Luca Bianco Prevot, Philip Dagostino, Ed Darrak Zahra, Noemi De Cicco, Elisa Gentile, Alice Iaia, Adrian Gabriel Istoc, Sara Labid, Sara Martinetto, Cecilia Passaniti, Margherita Peila, Sara Scotillo e Dascaliuc Tudor Florin.