Quantcast
Malasanità, il Piemonte è una delle regioni più penalizzate. Il conto lo pagano cittadini e micro imprese

Malasanità, il Piemonte è una delle regioni più penalizzate. Il conto lo pagano cittadini e micro imprese

17 marzo 2016 | , ,

La malasanità si paga. Spesso anche due volte. La prima come disservizio; la seconda come costi di risanamento. E’ un’Italia divisa sul fronte dei costi e dell’efficienza dei servizi sanitari  (altro…)

Sanità, il Piemonte torna al passato per garantirsi un futuro

Sanità, il Piemonte torna al passato per garantirsi un futuro

7 agosto 2014 | , ,

20140711_132006 (FILEminimizer)“Riportiamo indietro l’orologio della sanità piemontese”. La coppia Saitta/Chiamparino è molto chiara: il Patto per la Salute (direttiva emanata da Roma in tema sanità e valida per tutta Italia) va applicato e per fare questo è necessario ripartire da zero. Lunedì sono state azzerate otto delibere e cinque determine della Giunta Cota, approvate come colpo di coda quattro giorni prima delle elezioni; il nuovo assessore alla Sanità ha ottenuto 465 milioni in più per il bilancio piemontese, nonostante i vincoli dettati dalla situazione di crisi del settore. Ora si guarda al futuro con una parola d’ordine che fa ben sperare: programmazione. Saitta confida (altro…)

A Tortona le Fiamme Gialle pizzicano 27 furbetti del ticket sanitario che si spacciavano per disoccupati

29 giugno 2013 |

finanza 117La Guardia di Finanza di Tortona ha compiuto degli accertamenti sulle prestazioni sanitarie rese, in esenzione di ticket, nei confronti di cittadini disoccupati e dei loro familiari a carico. Le indagini delle Fiamme Gialle tortonesi hanno permesso di individuare 27 cittadini che avevano falsamente dichiarato all’ASL di essere disoccupati o, in alcuni casi, di percepire redditi inferiori a quelli realmente percepiti, per poter fruire dell’agevolazione concessa alle fasce più deboli ed evitare di pagare il ticket sanitario previsto per numerose prestazioni mediche, in totale oltre 500, per un valore di diverse migliaia di euro. I finanzieri hanno segnalato alla Procura della Repubblica di Tortona le persone scoperte per il reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato.

Tra Alba e Bra in 190 usufruivano del’esenzione dal ticket senza averne diritto

18 giugno 2013 | , , ,

medicoLa guardia di finanza ha compiuto una grossa operazione di verifica sull’esenzione dei ticket sanitari. Tra Alba e Bra sono 190 le persone che avrebbero usufruito di prestazioni sanitarie esenti da ticket senza averne diritto. Dagli elenchi forniti dalla Asl Cn2 sono emerse un gran numero di irregolarità legate al reddito dichiarato. Le esenzioni da ticket devono essere infatti riconosciute in base al reddito percepito, ma la guardia di finanza ha appurato che in diversi casi sono mendaci le dichiarazioni del reddito percepito mentre in altre situazioni gli accusati risultavano disoccupati mentre invece erano regolarmente occupati e percepivano reddito. Le verifiche riguardano l’anno 2010.

Teatro Sociale “G. Busca” di Alba: prosegue la rassegna “Teatro del Territorio”

10 febbraio 2013 | , ,

La compagnia dla vila di verzuoloSecondo appuntamento con il “Teatro del Territorio”, la rassegna di teatro organizzata dal Sociale di Alba e curata da Oscar Barile. Sabato 16 febbraio 2013 (ore 21, sala M. Abbado) va in scena la divertente commedia proposta dalla compagnia “d’la Vila” di Verzuolo dal titolo “Doi novod, ‘n coj e ‘n capel” di C. Repossi, per la regia di Antonio Panero. (altro…)

Spesa sanitaria nel mirino della Guardia di Finanza

18 gennaio 2012 | ,

Ticket, ovvero esenzione dal pagamento delle prestazioni sanitarie, nel mirino della guardia di finanza di Cuneo. Nell’ambito di controlli per la repressioni di frodi a danno del bilancio di Stato ed enti pubblici, i militari, nei giorni scorsi, hanno effettuato delle indagini sui ticket emessi tra il 2007 e il 2010. (altro…)

Sanità: ticket in arrivo, contributi in base al reddito. Al via il tour di Monferino

18 novembre 2011 | , ,

Anche un fondo per non autosufficienti nel nuovo piano sanitario che la Regione sta approntando. Ne ha parlato l’assessore Paolo Monferino che giovedì ha iniziato il giro di consultazioni con gli enti territoriali sulla bozza del piano che nei prossimi venti giorni toccherà tutte le province piemontesi prima di approdare in consiglio regionale. “Stiamo ragionando su come finanziarlo – ha spiegato Monferino – esplorando diverse strade, magari anche il found rising come si fa negli Stati Uniti”. (altro…)

L’ordine del governo: il Piemonte deve introdurre i ticket sanitari. Cota: “Faremo il possibile”

21 luglio 2011 | , , ,

La Regione Piemonte dovrà introdurre i ticket sanitari previsti dalla manovra finanziaria. L'”ordine” viene direttamente da Roma, dal governo targato Pdl-Lega. A confermarlo mercoledì a Roma il ministro della Salute Ferruccio Fazio, dopo un incontro con gli assessori alla Sanità di tutte le regioni. “Non ci fa piacere, ma non possiamo fare diversamente”, ha detto l’assessore al Bilancio Giovanna Quaglia, presente in rappresentanza del Piemonte al posto dello stesso Cota (assessore ad interim dopo lo scandalo sanità). (altro…)

Ticket sanitari, la Regione dice ‘nì’. Il presidente Cota: “La fabbrica dei soldi non esiste”

19 luglio 2011 | , , ,

Continua il balletto sui ticket sanitari in Piemonte. L’eventualità di applicare una minitassa di 10 euro alle ricette per le prestazioni diagnostiche è infatti ancora all’esame della Giunta regionale piemontese. Lo ha confermato il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, che ha aggiunto: ”Stiamo ancora studiando, noi abbiamo il piano di rientro e siccome purtroppo la fabbrica dei soldi non esiste, vedremo. Il problema – ha aggiunto Cota – si può gestire sino al 31 dicembre, ma se poi non ci sono le risorse e i trasferimenti dallo Stato sono minori in qualche modo si deve fare, altrimenti diventa necessario tagliare su altre cose”. (altro…)

La Regione Piemonte rinvia la decisione sui ticket sanitari. Anche il Veneto di Zaia dice “no”

18 luglio 2011 | , , ,

Sui ticket sanitari la Regione Piemonte non sa proprio decidersi: ancora una volta infatti è stato rinviato in maniera imprecisata il ticket sulla diagnostica, mentre altre sette regioni hanno già deciso di posticipare a gennaio l’introduzione della minitassa da 10 euro su esami e pronto soccorso varata con la manovra finanziaria di Tremonti. (altro…)