Quantcast

Dentro la musica è un ciclo di incontri organizzato dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, dall’Università degli Studi di Torino, dalla Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo, dalla Fondazione Piemonte dal Vivo e dalla Regione Piemonte, con il patrocinio della Città di Torino. Sono quattro gli appuntamenti della manifestazione; quattro esercizi d’ascolto musicale proposti e guidati da Paolo Gallarati, docente di Storia della Musica all’Università di Torino e critico musicale. Sede degli incontri ad ingresso libero è l’Auditorium Rai Arturo Toscanini di Torino secondo il seguente calendario: Domenica 18 novembre, ore 10.30 – “Seguire il discorso musicale” La musica come discorso. Saper riconoscere i temi musicali, comprenderne la personalità, seguirli nelle loro trasformazioni e riconoscerli quando si ripresentano dopo mille peripezie, cogliendone la storia Domenica 25 novembre, ore 10.30 - “Memoria, permanenza, unità” L'ascolto musicale è un esercizio di memoria. Tener presente in ogni momento tutto ciò che si è ascoltato nelle battute e nei movimenti precedenti, onde percepire l' unità della composizione attraverso la permanenza di elementi in continua trasformazione. Domenica 2 dicembre, ore 10.30 - “Deduzione e combinazione” L'ascolto è attirato da fenomeni di deduzione, in cui un materiale ristrettissimo subisce complessi sviluppi, oppure dalla combinazione di episodi sempre diversi. Conseguenze espressive delle due modalità compositive. Importanza dello strumento musicale e caratteri della sua personalità. Domenica 9 dicembre, ore 10.30 - “Il ruolo del timbro strumentale. Effetti spaziali nella musica” L'impiego degli strumenti e la loro personalità timbrica. Il timbro e la dinamica come protagonisti del discorso strumentale e generatori di effetti spaziali nella musica.

Dentro la musica è un ciclo di incontri organizzato dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, dall’Università degli Studi di Torino, dalla Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo, dalla Fondazione Piemonte dal Vivo e dalla Regione Piemonte, con il patrocinio della Città di Torino.

Sono quattro gli appuntamenti della manifestazione; quattro esercizi d’ascolto musicale proposti e guidati da Paolo Gallarati, docente di Storia della Musica all’Università di Torino e critico musicale.
Sede degli incontri ad ingresso libero è l’Auditorium Rai Arturo Toscanini di Torino secondo il seguente calendario:

Domenica 18 novembre, ore 10.30 – “Seguire il discorso musicale”
La musica come discorso. Saper riconoscere i temi musicali, comprenderne la personalità, seguirli nelle loro trasformazioni e riconoscerli quando si ripresentano dopo mille peripezie, cogliendone la storia

Domenica 25 novembre, ore 10.30 – “Memoria, permanenza, unità”
L’ascolto musicale è un esercizio di memoria. Tener presente in ogni momento tutto ciò che si è ascoltato nelle battute e nei movimenti precedenti, onde percepire l’ unità della composizione attraverso la permanenza di elementi in continua trasformazione.

Domenica 2 dicembre, ore 10.30 – “Deduzione e combinazione”
L’ascolto è attirato da fenomeni di deduzione, in cui un materiale ristrettissimo subisce complessi sviluppi, oppure dalla combinazione di episodi sempre diversi. Conseguenze espressive delle due modalità compositive. Importanza dello strumento musicale e caratteri della sua personalità.

Domenica 9 dicembre, ore 10.30 – “Il ruolo del timbro strumentale. Effetti spaziali nella musica”
L’impiego degli strumenti e la loro personalità timbrica. Il timbro e la dinamica come protagonisti del discorso strumentale e generatori di effetti spaziali nella musica.

Commenta su Facebook

qu-pi-newsletterVi  è piaciuto questo articolo ? Iscrivetevi alle newsletter di Quotidiano Piemontese per sapere tutto sulle ultime notizie,
Se vi piace il nostro lavoro e volete continuare ad essere aggiornati sulle notizie dal Piemonte, andate alla nostra pagina su Facebook e cliccate su "Like".
Se preferite potete anche seguirci sui social media su Twitter , Google+, Youtube
Ora potete anche essere aggiornati via Telegram