Il vice sindaco di Asti attiva il razionamento dell’acqua al campo nomadi di via Guerra

Il vice sindaco di Asti Marcello Coppo ha realizzato quanto promesso dopo che i residenti nel campo nomadi di via Guerra non hanno versato primo acconto di quanto dovuto al Comune per il debito verso la municipalità per il consumo dell’acqua.

In risposta il vicesindaco ha attivato il razionamento dell’acqua potabile.

I nomadi sinti non potranno più consumare acqua senza controllo senza pagare le bollette ma avranno a disposizione 80 litri pro capite al giorno.



In questo articolo: