Era la risposta ad una truffa internazionale il rapimento in piazza San Carlo a Torino

Cominciano a delinearsi con maggiore precisione (ma sono ancora molti i punti oscuri) i contorni del rapimento avvenuto questa mattina a Torino in pieno centro, in piazza San Carlo. Gli arrestati sono tre cittadini tedeschi, due dei quali fanno parte di un’agenzia di investigazione. Ci sarebbe in stato di fermo anche una quarta persona, austriaca, che non ha preso parte al rapimento. La donna rapita è invece una cittadina serbo-australiana di 35 anni. Non è ancora stato rintracciato l’uomo che era con lei e che è sfuggito al rapimento.

GUARDA IL VIDEO DEL RAPIMENTO E DELL’ARRESTO.

Sembra che tutto nasca da una truffa. Uno degli arrestati, il cittadino austriaco, si occupa di cambio valuta e avrebbe subito una truffa a Milano a giugno che si aggira sui 50 mila euro, consegnategli in banconote false. Invece di rivolgersi alla polizia è però andato in Germania e si è rivolto ad un’agenzia di investigazioni private. Con i professionisti avrebbe organizzato l’operazione, arrivando a Torino via Aosta, dove è stata rubata la targa poi applicata al furgone utilizzato per il rapimento. Non tutti i dettagli sono però ancora chiari: ad esempio le due vittime del rapimento non sarebbero i responsabili della truffa. La donna rapita aveva in tasca 2700 euro.



In questo articolo: