Potrebbe essere accusato di duplice sequestro di persona l’uomo che si è barricato in casa col figlio a Nizza

Potrebbe essere accusato di duplice sequestro di persona l’uomo che si è barricato in casa col figlio di 6 anni a Nizza ed ha tenuto in allarme tutti per nove ore domenica 29 settembre. Tutto è cominciato alle 10 di mattina (ma già sabato l’uomo aveva avuto comportamenti che avevano richiesto l’intervento del 118). Approfittando che la moglie era sul balcone, l’ha chiusa fuori abbassando le serrande, quindi ha ammassato mobili contro la porte d’ingresso per impedire a chiunque di entrare.

La donna ha chiesto aiuto dal balcone e sono intervenuti i carabinieri che hanno transennato la zona e liberato (grazie all’intervento dei vigili del fuoco) la signora. Poi è cominciata la lunga trattativa, che si è conclusa solo alle 19 quando l’uomo ha prima liberato il figlio e poi si è deciso ad uscire a patto di non essere ripreso dalle telecamere.

Alla base del gesto ci sarebbero difficoltà lavorative. L’altro figlio, 9 anni, era fuori casa per una partita di calcio. Tutti i protagonisti della vicenda stanno bene, almeno dal punto di vista fisico.



In questo articolo: