Serie A: le ultime sulla lotta Scudetto

Il 14 giugno è l’ultima data utile per poter riprendere la Serie A. Almeno secondo la Lega. La situazione del massimo campionato italiano di calcio sta conoscendo una fase di stallo da troppo tempo ormai, ma le varie società stanno comunque sfruttando a dovere il poco tempo a disposizione per impiegarlo nella preparazione atletica dei calciatori. La FIGC ha lavorato senza sosta per sottoscrivere un protocollo sanitario adeguato e anticipare la ripresa il più possibile. L’ipotesi che il torneo possa essere interrotto definitivamente come accaduto in Francia con la Ligue 1, per adesso, è scongiurata. Tra l’altro, anche in caso di scenario più nefasto potrebbe non esserci alcuna assegnazione del titolo nazionale. La Juventus, attualmente prima in classifica, ha già lasciato intendere a chiare lettere di non accetterebbe un epilogo del genere.

Per quel concerne le qualificazioni alle prossime coppe europee, invece, non ci sarebbero troppi problemi, anche se alcune formazioni come Roma e Napoli, che aspiravano ancora a un posto in Champions League, verrebbero tagliate fuori qualora non si giocasse più. Ad agosto la UEFA farà sì che le edizioni di Champions ed Europa League ancora in corso vengano ultimate, così da poter avviare tranquillamente quelle successive. Si tratta però di poche partite, quindi il problema globale risiede chiaramente nei singoli campionati nazionali. In Germania la Bundesliga ha già ripreso il via a porte chiuse, in Italia si dovrà
attendere ancora qualche settimana.

Bisogna fare in fretta. Considerando il minor tempo a disposizione rispetto ai tedeschi per completare il calendario del campionato, non è comunque esclusa del tutto la soluzione dei playoff per lo Scudetto. Far vincere direttamente la prima in classifica, al di là del gradimento da parte della Juventus, non sarebbe intellettualmente onesto. I bianconeri hanno solo un punto di vantaggio in più rispetto alla Lazio, che tra l’altro aveva anche vinto lo scontro diretto nel girone d’andata. In ogni caso, l’Inter e anche alcune delle squadre fuori dal podio sono aritmeticamente in corsa per mettere le mani sul tricolore.

In tal caso il format ideale sarebbe, più che una “final four”, una “final six” per definire anche le posizioni valide per l’accesso in Champions League, sulla base dell’ultima classifica maturata prima del lockdown. Ad ogni buon conto, un’ulteriore incertezza riguarda la graduatoria da prendere eventualmente in considerazione: si potrebbe guardare all’ultima giornata completata da tutte le squadre, cioè la 24esima, oppure all’ultima giornata in cui tutte le squadre avevano disputato lo stesso numero di partite, ossia la 26esima. Nel primo caso il Napoli sarebbe fuori dai playoff e l’Hellas Verona si guadagnerebbe il 6° posto, nel secondo invece anche i partenopei potrebbero partecipare alla lotta per lo Scudetto. Anche se si dovesse completare il 25esimo turno, però, il Napoli figurerebbe al 6° posto e pertanto può dirsi ragionevolmente abbastanza sicuro di poter dire la sua fino alla fine.

Rimane da capire dove si giocherà. Gli spostamenti delle squadre saranno soggetti a una miriade di precauzioni e misure di sicurezza e va da sé che in questo periodo sarebbe problematico accedere agli stadi del Nord Italia. Tutti i tifosi dello Stivale sono in spasmodica attesa in vista di un’eventuale ripresa del campionato e, qualora avvenisse, gli appassionati di betting si inizierebbero a chiedere come utilizzare al meglio i sistemi scommesse calcio per scegliere le quote e gli eventi su cui puntare nelle ultime giornate di Serie A. In un modo o nell’altro, comunque, il campionato italiano dovrà emettere il suo verdetto principale entro i primi giorni di agosto.