Il tributo del mondo del calcio a Giampiero Boniperti

Sono centinaia le dimostrazioni di affetto ed i ricordi che, soprattutto sui social, si stanno susseguendo nei confronti di Giampiero Boniperti, scomparso questa notte. Il ricordo della Juve.

Le istituzioni, a partire dal Coni: “Lo sport italiano ha perso uno dei suoi uomini migliori. Giampiero Boniperti la maglia della Juventus l’ha indossata 444 volte. Eppure, quando era bambino si sarebbe accontentato – aveva raccontato qualche tempo fa – di portarla `una volta, per essere felice per sempre´. In nazionale ha giocato 38 volte. Una delle sue storiche partite in azzurro è stata quella del 17 maggio 1953 quando venne inaugurato lo stadio Olimpico di Roma con Italia – Ungheria. Era lui l’ultimo testimone di quella gara”

La sindaca di Torino Chiara Appendino: ”Giampiero Boniperti continuerà ad essere un modello. Ciao Presidente. Ha incarnato i più alti valori del calcio, dentro e fuori dal campo. Pilastro della Juventus e della Nazionale, capace di vestire la maglia granata in onore al Grande Torino”

E poi Trapattoni e i giocatori della sua Juve.

Trapattoni: “Giampiero Boniperti per me è stato come un padre: nel calcio a lui devo molto, se non tutto, e la notizia della sua morte per me è un colpo al cuore. Alla Juve vincere non è la cosa importante ma l’unica cosa che conta´ è la frase che lo descrive perfettamente. Ma dietro quell’apparenza di durezza, che poi era solo rigore etico e un voler esser esigente con gli altri e con se stesso, c’era un presidente pronto a insegnare e a sostenerti, anche nelle sconfitte”

Zoff: “È stata una parte importante della mia vita e di quella Juve: ne è stata l’anima, direi che ha creato lo stile Juve, per regole, modi e dedizione. Era stato un grande giocatore, è stato un grande presidente, simbolo di quel calcio sicuramente diverso. Ricordo solo che per parlare di premi non si passava per i procuratori, ma si andava direttamente dal presidente. E con lui non era semplice”.

Gentile: “E’ una notizia mi ha messo tristezza. E’ stato un grande presidente. Alla Juve sono arrivato a 20 anni e me ne sono andato che ne avevo 31, ho vissuto con lui una lunga carriera di grandi successi, dovuti alla sua competenza nella gestione della squadra. Era molto attento con i giovani, diceva loro `sposatevi´, voleva che si facessero una famiglia e fossero tranquilli. Ci faceva sempre la predica… È sempre stato juventino. Quando arrivavi in quella società capivi che c’erano delle regole da seguire e, se non le seguivi, ti mandavano via anche se eri un grande giocatore”

Cabrini: “È stato un grandissimo presidente, una persona di grande correttezza e un esempio da seguire. Ha creato un modo di vivere il mondo bianconero che lui aveva conosciuto da giocatore. Da presidente lo ha inculcato in tutti quelli che arrivavano”

Tardelli: “Era un signore, era uno che capiva di calcio e capiva i calciatori. Quelli alla Juventus sono stati 10 anni della mia vita determinati”

Boniek: “Presidente Boniperti R.I.P. Sincere condoglianze alla Famiglia”

E gli avversari.

Inter: “FC Internazionale si stringe attorno alla famiglia Boniperti per la scomparsa di Giampiero, grande uomo di sport e nobile avversario in tantissime leggendarie pagine di calcio“.

Fiorentina: “La Fiorentina esprime profondo cordoglio per la scomparsa di Giampiero Boniperti, bandiera della @juventusfc e presidente onorario del club.“



In questo articolo: