Riceve una provetta per le urine al posto di uno smartphone: rintracciato il truffatore intestatario della postepay

Nel 2019 un uomo residente nel Verbano ha acquistato tramite Marketplace di Facebook uno smartphone a 250 euro. Credendo di aver fatto un affare l’uomo aspetta che gli arrivi il pacco, peccato che la spedizione conteneva una provetta per l’esame delle urine e non l’atteso cellulare. L’uomo allora denuncia il fatto alla questura che indaga il titolare della Postepay a cui la vittima aveva fatto la ricarica, allegando anche un codice fiscale inviato dal truffatore come assicurazione sulla bontà della transazione. Ora arriva la condanna del tribunale di Verbania che ha inflitto all’uomo di Cesenatico trasferito poco dopo in provincia di Bari una pena di 6 mesi di reclusione e 100 euro di multa.