Staccarsi dal riscaldamento centralizzato? Secondo il Tribunale di Torino il condominio non può opporsi

termosifoniUn condominio aveva respinto la richiesta di un condomino intenzionato a staccarsi dall’impianto di riscaldamento centralizzato. Per il condominio, il distacco non era consentito dal regolamento contrattuale preesistente e in quanto la disciplina regionale prevede l’illegittimità del distacco dagli impianti centralizzati che servono più di 4 unità immobiliari. Chiamata in causa, la giustizia ha però dato ragione al condomino. “Le cause civili in tema di distacco dall’impianto di riscaldamento centralizzato devono essere decise dal giudice solamente applicando le disposizioni del Codice civile stabilite dallo Stato, senza alcuna influenza delle normative regionali”. È quanto afferma il Tribunale di Torino con l’ordinanza del 20 gennaio 2014, incentrata sulla vicenda, appellandosi, si legge sul sito Casaeclima.com, alle nuove norme – introdotte con la riforma del condominio – di cui al quarto comma dell’articolo 1118 del Codice civile, che consentono il distacco a condizione che esso non comporti aggravi di spesa per gli altri condomini o notevoli squilibri di funzionamento.