Fiera di Primavera e AstiFlorum, ovvero come colorare e profumare la città del palio

 Domenica 6 aprile e lunedì 7, Asti profuma di fiori presentando la sua Fiera di Primavera in centro, mentre in piazza De André (ex caserma Colli di Felizzano) c’è AstiFlorum. Bancarelle colorate adornano la città dalle 8 alle 19 e gli operatori propongono shopping floreale, ma non solo, visto che sono presenti anche leccornie da degustare. Molti gli espositori di ogni parte d’Italia, non solo piemontesi. Stand provenienti da Trentino, Emilia, Toscana, Campania, Puglia, Calabria con oltre 300 generi merceologici: arredamento, abbigliamento, casalinghi, biancheria, etc. Da piazza Alfieri, per l’occasione chiusa al traffico, a corso Einaudi fino alla stazione ferroviaria, ai giardini pubblici all’angolo con corso Galileo Ferraris per proseguire in via Rosselli, viale alla Vittoria, via Rossini e corso Alfieri. Per i più piccoli animazione sotto i portici. Astiflorum, invece è prevista per sabato 5 fino alle 20, promossa da Confesercenti, Cia (Confederazione italiana agricoltori), Confagricoltura e Coldiretti, ed è giunta alla sua seconda edizione. Venti espositori florovivaistici piemontesi, in particolare astigiani, e due “fuori sede”, liguri. Inoltre, durante la Fiera primaverile, la Cia astigiana propone “Spesa in campagna”. In corso Alfieri, nella zona nei pressi del battistero, banchi di prodotti tipici piemontesi in vendita e, nelle ore pomeridiane assaggi di pietanze a base di erbe aromatiche e officinali. A seguire, dalle 16.30 in poi, degustazione di vini doc e docg, minilaboratorio sull’allevamento delle api e miele.