L’ordine dei medici di Torino denuncia al Nas e alla procura Gabriella Mereu, la dottoressa che dice di curare il cancro con i fiori di Bach e le parolacce

Dopo l’uscita della locandina su due nuovi convegni giovedì 26 e sabato 28 ottobre alla Gam di Torino di Gabriella Mereu, il medico che dice di curare il cancro con le parolacce, l’ordine dei  medici di Torino ha deciso di segnalare la dottoressa all’Autorità giudiziaria e al Nas per diffusione di notizie false e abuso della credulità popolare.

La dottoressa, è entrata all’onor delle cronache dopo alcune dichiarazioni che hanno smosso l’incredulità e lo sdegno dell’opinione pubblica.schermata-2016-10-25-alle-09-37-21

Come quando in una sua famosa uscita, riporta il sito Giornalettismo che riprende un articolo del “Il Giornale di Vicenza”, durante una serata organizzata dall’assessorato alla Cultura del Comune di Marano, in provincia di Vicenza,  dichiarò “che si può guarire da una cistite semplicemente inserendo in vagina una medaglietta della Madonna”.

La Mereu, nata a Quartu Sant’Elena nel ’54,  è stata già radiata  dall’Ordine dei medici di Cagliari ma, riporta Repubblica “può continuare a esercitare perché il giudizio di appello non è ancora stato definito”.

Ed ecco il motivo della sortita dell’Ordine dei Madici di Torino che, per voce del presidente Guido Giustetto, spiega che “le divulgazione di queste pratiche senza base scientifica non può sostituire la medicina ufficiale”. Non solo: Il medico – continua Giustetto a Repubblica –  non deve sottrarre la persona assistita a trattamenti scientificamente fondati e di comprovata efficacia per di più in un contesto di totale asimmetria informativa: il medico ha l’obbligo di capire tempestivamente quando sia il caso di interrompere i metodi non convenzionali eventualmente adottati e di ricorrere tempestivamente agli strumenti della medicina ufficiale, in modo da garantire al paziente le più idonee condizioni di sicurezza ed efficacia della cura”.

Aggiornamento: dopo le polemiche la conferenza è stata spostata.

 

 

 

 



In questo articolo: