Castiglione Tinella, mamma con tre figli intossicati dal monossido di carbonio

Una mamma con due gemelli di 5 anni e un neonato sono rimasti intossicati dalle esalazioni di monossido di carbonio di una stufa in ghisa usata per scaldare la camera da letto. La fiammella del bruciatore ha consumato l’ossigeno presente nella stanza e poi ha causato la formazione del gas tossico. I bambini si sono sentiti male, ma per fortuna la mamma è riuscita a chiamare i soccorsi. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, i carabinieri di Santo Stefano Belbo e l’ambulanza del 118, che li ha trasportati all’ospedale di Verduno. Dopo i controlli in ospedale, tutti e quattro sono stati dimessi. Ora tocca agli assistenti sociali trovare una sistemazione per la famiglia perché l’alloggio di Castiglione Tinella in cui si trovavano non è ancora agibile.