Comincia il Festival delle colline torinesi

La pandemia ha cancellato il programma di giugno 2020 della venticinquesima edizione del Festival delle Colline Torinesi_Torino Creazione Contemporanea anche se alcuni degli spettacoli di quel cartellone sono stati recuperati grazie a una formula di integrazione nella stagione di Teatro Piemonte Europa. Ora la storica rassegna teatrale si rilancia spostandosi in un periodo inedito: dal 14 ottobre al 14 novembre 2021.

Il Festival delle Colline Torinesi riprende il suo percorso con la ventiseiesima edizione: il festival d’autunno significa rilancio della rassegna e un parziale ripensamento della tradizionale formula.

Fra i segni distintivi della ventiseiesima edizione:

Il tema: confini/sconfinamenti

Il rapporto con l’arte performativa: Il Festival 26 è stato pensato anche per accostarsi ed esplorare il complesso mondo della performance, nel quadro della partnership con Fondazione Merz e la collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo.

Il Paese ospite, gli argomenti e gli altri spettacoli: compito del teatro e di un festival che ne declina le tante facce è di essere coscienza critica del presente, occuparsi delle società in cui viviamo, decifrare questi tempi difficili, tra Covid e degrado del pianeta, povertà e migrazioni appunto, crisi economica ed effetti negativi della globalizzazione. Queste, infatti saranno le riflessioni di diversi degli spettacoli in scena e in quest’ottica si inserisce anche la scelta di avere un Paese ospite ogni anno e che, nel 2021, sarà il Belgio.

La dedica: Il festival propone dédicace alla famiglia d’arte Castellucci, presente con tre allestimenti di Chiara Guidi, Claudia Castellucci e Romeo Castellucci. Protagonista anche del primo titolo dei Quaderni del Festival: un nuovo progetto editoriale di riflessioni critiche edito da hopefulmonster editore.

Il segno d’artista 2021 sarà dell’artista francese Sophie Calle.

Gli spettacoli, in tutto diciannove, si svolgono a Torino, Collegno e Rivoli, eminentemente presso il Teatro Astra, ma anche in altre location come il Teatro Bellarte, la Lavanderia a Vapore, la Fondazione Merz, il Castello di Rivoli e la Casa del Teatro Ragazzi.

Il ventiseiesimo Festival delle Colline Torinesi è realizzato da Fondazione TPE – Teatro Piemonte Europa e ideato dall’Associazione Festival delle Colline Torinesi con la partnership della Fondazione Merz.

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con Teatro Stabile Torino – Teatro Nazionale, Fondazione Piemonte dal Vivo, Casa del Teatro Ragazzi e Giovani e Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea e con il sostegno di MIC Ministero della cultura, Regione Piemonte, Città di Torino, Fondazione CRT.

La Fondazione Compagnia di San Paolo è il maggior sostenitore dell’iniziativa.

Il programma dal 15 al 21 ottobre 2021

14 ottobre ore 21, 15 ottobre, ore 19, Teatro Astra

SOCÌETAS / CLAUDIA CASTELLUCCI

LA NUOVA ABITUDINE prima

Una creazione che nasce a San Pietroburgo e ha la sua prima nazionale al Festival.

Con danzatori e cantori di un Coro Bizantino alle prese con il canto liturgico Znamenny.

16 ottobre ore 21, 17 ottobre, ore 17, Teatro Astra

TEATRO STABILE DELL’UMBRIA/LIV FERRACCHIATI

LA TRAGEDIA È FINITA, PLATONOV

Il primo e incompiuto dramma di Cechov scritto quando aveva diciotto anni: quello di un Don Giovanni dell’Ottocento (o Amleto?) che attrae sempre di più le giovani generazioni del teatro.

16 e 17 ottobre ore 19, 18 e 19 ottobre ore 21, 20 ottobre, ore 19, Teatro BellARTE

TEDACÀ/ SALVATORE D’ONOFRIO

FINE PENA ORA prima

Un ergastolano e il suo giudice possono trovare motivi di dialogo dopo la sentenza e

negli anni successivi? Da una storia vera raccontata da Elvio Fassone, scrittore ed

ex-magistrato.

20 ottobre ore 21, 21 e 22 ottobre, ore 19, Fondazione Merz

MOTUS/SILVIA CALDERONI

CHROMA KEYS

presentato con Fondazione Merz

Una performance dedicata al cinema (che si avvale di un Green screen), tutta in sospeso tra un «mondo a venire» e un «mondo a venire senza mondo».

21,ore 21, Teatro Astra, v.o.sott.it.

PROTON THEATRE/KORNÉL MUNDRUCZÓ

IMITATION OF LIFE

presentato con Fondazione Piemonte dal Vivo

Un atto d‘accusa contro una società contemporanea votata alla discriminazione firmato da uno dei nuovi maestri della scena europea.



In questo articolo: