I progetti appoggiati da TorinoFilmLab in anteprima al Torino Film Festival

Nato nel 2008 dal desiderio di affiancare al Torino Film Festival, un’officina dedicata ai filmaker emergenti il TorinoFilmLab diventa ora una sezione vetrina dei progetti sostenuti e giunti a termine. In questi tre anni di attività TorinoFilmLab ha sostenuto 15 progetti di cui 10 sono già andati in produzione. I progetti sostenuti dal TorinoFilmLab presentati quest’anno sono quattro. Ecco una breve sinossi e orari e luoghi di programmazione.

HI-SO di Aditya Assarat (Thailandia, 2010, 35mm, 102’)

Anand ha 24 anni: sua madre è thailandese, il padre australiano. Ha vissuto ovunque. La ragazza australiana lo lascia perché lo sente lontano. Lo stesso fa la fidanzata thailandese. Film generazionale, diviso in due parti speculari, che si interroga sulle radici e sull’identità in un mondo dove i confini geografici non esistono più. Opera seconda scritta e diretta da Aditya Assarat. Ven./Fri. 25, 19.30 G3 – Sab./Sat. 26, 20.00 G1 – Dom./Sun. 27, 9.15 G1

I’M GOING TO CHANGE MY NAME A.K.A. ALAVERDY (WORK IN PROGRESS) di Maria Saakyan (Armenia/Russia/Germania/Danimarca, 2011, video, 137’)

In una cittadina armena fra le montagne, un’adolescente riversa i suoi interessi e i suoi sogni in un sito internet, restando indifferente alla vita della madre, che dirige un coro di musica sacra. Ma l’incontro con l’ex compagno della donna cambierà le cose. Coming of age lirico, costruito per cicli di emozioni e rivelazioni sul modello dello sharakan, l’antica forma di canto spirituale armeno. Dom./Sun. 27, 12.00 G3 / 22.00 G1 – Lun./Mon. 28, 9.15 G3

HANOTENET / THE SLUT di Hagar Ben Asher (Israele, 2011, 35mm, 87’)

La trentacinquenne Tamar vive in un villaggio israeliano con i due figli di 12 e 8 anni ed è sessualmente molto disinibita. Ha numerosi amanti, ma poi incontra un uomo che si innamora, ricambiato, di lei. Basterà questo a farle mutare abitudini? Ritratto di donna a tinte forti per una coraggiosa opera prima scritta, diretta e interpretata da Hagar Ben Asher (classe 1979). Ven./Fri. 25, 22.15 G3 – Sab./Sat. 26, 22.30 G1 – Dom./Sun. 27, 11.30 G1

SWANS di Hugo Vieira da Silva (Portogallo/Germania, 2011, DCP, 121’)

Un padre accompagna il figlio adolescente a Berlino, dalla madre in coma che il ragazzo non ha mai conosciuto. Nell’appartamento di lei li accoglie una misteriosa donna asiatica che li aiuterà a capire e a capirsi. Dramma che sfida i tabù e condensa nella distanza dello stile l’enigma dei corpi e del loro linguaggio, l’attrazione e la repulsione per la carne di cui siamo fatti. Dom./Sun. 27, 9.30 G3 / 19.30 G1 – Lun./Mon. 28, 19.00 G3