La Torino del futuro punta su cibo, università e internazionalizzazione

torino-strategicaE’ stato presentato Torino metropoli 2025 il piano strategico della città che coinvolge oltre al Comune tutti i soggetti attivi sul territorio, inclusi 37 Comuni della cintura, promosso dall’Associazione Torino Internazionale ora diventata Strategica, fondata nel 2000 e rilanciata nel 2012. Il piano ha condotto un  programma di ricerche mirate a una prima fase di ascolto degli attori locali e di giovani professionisti al fine di individuare le priorità del territorio. Due  le priorità lungo le quali si svilupperà il progetto, lo sviluppo economico e quello territoriale a scala metropolitana che saranno oggetto di studio di due commissioni create ad hoc. La costruzione di una strategia di sviluppo economico punterà su imprese locali, formazione, ricerca e sviluppo, welfare, inclusione sociale, quella territoriale metropolitana punterà alla costruzione di piani di indirizzo, dai poli metropolitani alle strategie per la mobilità, dai sistemi del verde a smart city. Infine, due modalità di lavoro saranno dedicate alle identità di Torino, che punteranno sulle vocazioni forti del territorio: cibo, università e internazionalizzazione.

Per Piero Fassino: “Si tratta di un piano strategico che nasce dentro la crisi ma guarda al di fuori, per progettare la Torino futura: Gestire l’emergenza  non basta, serve una visione e un progetto per realizzarla”.

Claudia Porchietto, assessore al Lavoro della Regione annuncia: ”Il piano strategico Torino Metropoli 2025 verrà attentamente valutato dalla Regione Piemonte all’interno dei gruppi di lavoro della nuova programmazione dei fondi strutturali europeia: in questo momento di crisi diffusa che coinvolge il sia il capitale pubblico sia quello privato, è indispensabile il gioco di squadra per non sprecare le risorse che abbiamo a disposizione”.

I documenti sul futuro di Torino



In questo articolo: