Azienda evade 12 milioni di euro, è la truffa dell’eolico

eolicoUn’azienda torinese avrebbe evaso il fisco per l’incredibile cifra di 12 milioni di euro. La società avrebbe dovuto sviluppare impianti eolici per la produzione di energia pulita da installare nelle cooperative agricole in Puglia. In realtà gli impianti non sono stati mai realizzati e gli introiti dell’azienda provengono da rimborsi Iva inesistenti. Secondo gli accertamenti dell’Agenzia delle entrate era stata messa in piedi una complessa macchina per truffare il fisco. Le cooperative emettevano delle cambiali alla società immobiliare per pagare gli impianti; la società immobiliare le girava alle aziende agricole come acconto per la cessione futura dell’energia prodotta dagli impianti eolici. Emissioni e girate di cambiali, accompagnate da un giro di fatture inesistenti, avvenivano nello stesso giorno per “sterilizzare” ogni possibile impatto finanziario o fiscale. L’azienda ha fatto ricorso alla Commissione tributaria provinciale di Torino che però l’ha respinto riconoscendo la validità delle ispezioni dell’Agenzia delle entrate.



In questo articolo: