Evasione record per una ditta di Bra

finanza di mondoviUn’azienda edile come tante altre, peccato che in realtà si occupasse anche di compravendita di automobili usate. Ovviamente, tutto in nero. La Guardia di Finanza ha scoperto a Bra che questo traffico di vetture di seconda mano aveva luogo sin dal 2007 e l’impresa in questione, oltre a non essere autorizzata ad un’attività commerciale di questo tipo, non aveva mai dichiarato nulla al Fisco. 600.000 euro di redditi non denunciati e 40.000 euro di Iva non versata dalla ditta che, messa sotto la lente di ingrandimento dei finanzieri di Nizza Monferrato, dovrà ora spiegare ai giudici le numerose movimentazioni bancarie e le fatture mai rendicontate.
Tra le carte ritrovate durante la perquisizione, anche un passaggio di circa 2.000 euro in contanti ad un soggetto terzo, importo che, per legge, prevederebbe l’utilizzo di un bonifco bancario o altre modalità altrimenti tracciabili.



In questo articolo: