Gilberto Pichetto chiede la sospensione cautelativa del presidente del Consiglio Regionale del Piemonte Mauro Laus

Il capogruppo di Forza Italia in Regione Piemonte, Gilberto Pichetto, rispondendo alle comunicazione del presidente Chiamparino sulla sentenza sulle firme false recentemente pronunciata dal Tar chiede l’autospensione cautelativa del presidente del Consiglio Regionale del Piemonte Mauro Laus: “Pongo una domanda: quale autorevolezza ha ancora il Consiglio quando la sua Presidenza è sub iudice?  Non è una questione di forma, bensì di sostanza. Domandiamo come Forza Italia l’autosospensione cautelativo del presidente Laus per opportunità politica. Perché questo è un problema grave che coinvolge ben 8 consiglieri di questa maggioranza, tra i quali il presidente del Consiglio regionale, un membro dell’Ufficio di Presidenza, il capogruppo di maggioranza e un assessore. Insomma tutto si può fare, tranne sottovalutare il problema. Una questione che si aggrava vista la campagna elettorale della scorsa primavera, dove il Pd e il presidente Chiamparino utilizzavano, abusandone, termini quali legalità, trasparenza, ritorno al decoro, orgoglio e dignità. Altro che risollevare la bandiera del Piemonte e dell’Italia, come affermava con sufficienza e supponenza Chiamparino durante le elezioni; qui abbiamo precipitato nuovamente il Consiglio nella medesima situazione di quello appena archiviato. Sicuramente non stiamo vivendo una pagina dignitosa per questa Regione: né in termini di uniformità e certezza del diritto, per quanto riguarda la pronuncia del TAR, né di autorevolezza e dignità politica da parte di un partito dove la querela di falso dimostra che irregolarità ci sono state”.