Via libera alle motoslitte anche dopo le 23 in alta Val di Susa

Motoslitte in alta Val di Susa anche dopo le 23. Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso contro il regolamento dei Comuni olimpici, che ne limitavano l’uso, perché lo stop implica “un significativo ostacolo al diritto di raggiungere la propria abitazione”. A presentare il ricorso Marco Boglione, imprenditore proprietario della Robe di Kappa, con altri villeggianti di Colle Bercia, zona d’inverno raggiungibile solo con le motoslitte.

Il Tar del Piemonte aveva respinto l’istanza cautelare chiesta dagli avvocati Francesco Saverio Marini, Ulisse Corea e Roberto Cota, l’ex governatore del Piemonte tornato a svolgere l’attività forense. Di parere diverso i giudici di Roma, che hanno ordinato al Tar del Piemonte di fissare una nuova udienza. Prima le amministrazioni dovranno modificare il regolamento. “Nessun privilegio – sottolinea Cota – è stato solo fatto valere il diritto di raggiungere la propria abitazione”.



In questo articolo: