Maltratta la moglie e lascia il figlio piccolo in casa, avvocato di Torino condannato a 8 anni

Otto anni e 2 mesi di reclusione. E’ la pena a cui è stato condannato in primo grado un avvocato di Torino accusato di maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale, lesioni e abbandono di minore.  L’uomo, infatti, oltre ad essere stato denunciato dalla moglie per soprusi fisici e psicologici subiti dal 2008 al 2014, era stato segnalato alla Procura, dopo la querela della moglie, perché una sera aveva lasciato solo il figlio di pochi anni a casa.

Dopodiché il piccolo era salito sul balcone. All’epoca, dopo la segnalazione di alcuni vicini, il bambino era stato salvato dagli agenti della polizia.

In un primo momento la moglie era scappata in Russia insieme alla figlia, lasciando l’altro bambino piccolo con il padre perché senza passaporto. Al suo rientro in Italia, poi, era stata accolta in una casa protetta e aveva denunciato il marito.

Ieri la sentenza di primo grado. I giudici hanno anche riconosciuto all’ex moglie un risarcimento di 50 mila euro.



In questo articolo: