Presentato il Flowers festival 2019

Giunto alla quinta edizione il Flowers Festival 2019 festeggia con un cartellone vario e con una perla assoluta, Joan Baez, cantautrice e attivista per i diritti, vera icona della musica mondiale.

Ci saranno anche Ezio Bosso , evento molto atteso, poi Jack Savoretti, Yann Tiersen e molti altri   in programma dal 27 giugno al 20 luglio a Collegno, nel cortile della Lavanderia a Vapore nel Parco della Certosa. Come sempre l’organizzazione è ad opera di Hiroshima Mon Amour e della Cooperativa Culturale Biancaneve, nell’area dell’Ex  ospedale psichiatrico di Collegno, in uno spazio in grado di ospitare 5 mila spettatori.
Il tema di questa nuova edizione è “Building a new society”, come sottolineato dal direttore  artistico Fabrizio Gargarone, che influenzato dal discorso di Ezio Bosso al  Parlamento Europeo sulla costruzione di  una nuova società, ha voluto puntare l’attenzione sulle metodologie e sugli sforzi necessari per creare nuove società. Ecco perché scegliere una vera stella della musica mondiale senza tempo, ma che preferisce proprio essere ricordata più come attivista dei diritti umani, come una che si è battuta per migliorare il mondo, piuttosto che come un’artista musicale.
Oltre a Joan Baez che sarà a Collegno il 19 luglio, nella sua unica esibizione italiana,ci sarà anche  l’esibizione dell’11 luglio di Ezio Bosso & l’European Philarmonic Orchestra.
Ma molto attesi sono anche  Yann Tiersen l’8 luglio, Olafur Arnalds, astro nascente del pianoforte contemporaneo, che sarà di scena il 28 giugno e soprattutto Jack Savoretti in scena il 5 luglio, artista in grande ascesa ormai adottato, viste le sue radici, dal nostro paese.
Ci sarà spazio anche per l’indie italiano con  Motta il 17 luglio, Rancore il 9 e soprattutto The Zen Circus il 10.
Per maggiori e recenti informazioni è bene consultare il sito sito www.flowersfestival.it e sulle social page del Festival.


In questo articolo: