Calcio, le nuove regole che entreranno in vigore dalla stagione 2019-2020

L’International Football Association Board (Ifab) ha approvato lo scorso marzo una serie di modifiche al regolamento che entreranno in vigore dalla stagione 2019-2020 in tutti i campionati. Ecco quali sono le novità, alcune molto importanti.

Rimessa dal fondo.
La rimessa da fondo campo non dovrà più essere giocata su un compagno fuori dall’area di rigore. Appena il portiere toccherà la palla, il compagno potrà entrare in area e giocare.

Sostituzioni.
Il giocatore sostituito potrà uscire da qualunque zona del campo. Prima doveva uscire solo a centrocampo. Si spera in questo modo di limitare le perdite di tempo.

Cartellino giallo per gli allenatori.
Gli allenatori potranno ricevere un cartellino giallo come i giocatori in campo prima di essere espulsi. Più cartellini gialli causeranno la squalifica.

Barriera.
Non sarà più possibile per la squadra che attacca inserire giocatori in barriera per disturbare i difensori. Dovranno stare ad almeno un metro, volendo anche davanti alla barriera stessa.

Rigore.
Durante la battuta di un calcio di rigore il portiere dovrà avere almeno un piede sulla linea di porta. Il Var potrà intervenire per far ripetere il tiro in caso di irregolarità su questo punto se il rigore viene parato.

Palla a due.
Niente più palla a due. L’arbitro consegnerà la palla direttamente a chi la stava giocando prima dell’interruzione.

Palla toccata dall’arbitro.
Se l’arbitro tocca la palla in maniera decisiva il gioco verrà interrotto e la palla consegnata a chi la stava giocando.

Gol di mano involontario.
Se la palla entra in porta dopo un tocco di mano dell’attaccante, anche involontario, la rete sarà annullata. Cade il concetto di involontarietà.

Fallo di mano.
Allo stesso modo cade il concetto di tocco di mano involontario se il braccio non è attaccato al corpo. Sarà sempre fallo (rigore compreso). Unica eccezione se il tocco di mano involontario è compiuto dopo un tocco dello stesso giocatore.

Cartellino e vantaggio.
Una squadra che subisce un fallo può battere immediatamente la punizione anche se il giocatore autore del fallo deve essere ammonito. L’arbitro lo ammonirà al termine dell’azione successiva. Finora in caso di cartellino, l’arbitro era obbligato ad ammonire/espellere e poi far battere la punizione.

Svirgolata del portiere.
Se il portiere, ricevendo un passaggio dal compagno, svirgola involontariamente la palla, potrà prenderla con le mani senza provocare una punizione a due.



In questo articolo: